• INTERVISTA

    Heidi Crowter: io, Down, faccio causa al Parlamento britannico

    La donna che ha ottenuto il diritto a un processo alla Corte d’Appello di Londra contro la legge sull’aborto che discrimina i bambini non nati con sindrome di Down, parla alla Bussola: «Mi fanno sentire come se non dovessi esistere. Ma la gente deve sapere che siamo esseri umani che possono vivere una vita fantastica. A darmi forza in questa battaglia è la mia fede cristiana».
    - ESTER, LA REGINA CHE SALVÒ IL SUO POPOLO, di E. Dovico

    English Español
    • L’ANALISI / 2

    Falsa libertà e danni sociali, la bozza anti-aborto demolisce la Roe

    La bozza della Corte Suprema statunitense, a firma del giudice Alito, spiega che il principio dello stare decisis non può vincolare il giudice, se i precedenti sono erronei come la Roe vs Wade e la Casey vs Planned Parenthood. Queste sentenze hanno stabilito una soglia arbitraria come la possibilità di sopravvivenza del feto, e causato sia danni sociali che giuridici. La bozza Alito fissa inoltre i principi che le leggi in materia di aborto dovranno rispettare, se decadranno la Roe e la Casey.

    English Español
    • L’ANALISI / 1

    Corte Suprema USA, la bozza anti-aborto ai raggi X

    Nella bozza a firma del giudice Alito, che intende annullare sia la Roe vs Wade (1973) che la Casey vs Planned Parenthood (1992), si sottolineano vari punti critici delle due sentenze abortiste: la Costituzione non prevede un diritto all’aborto, la Roe e la Casey sono antidemocratiche (usurpando il potere legislativo) e avallano una falsa libertà.

    English Español
    • GIAPPONE

    Mia moglie, un ologramma: il "love is love" porta al delirio

    La storia di Akihiko Kondo che è uscito dalla depressione (per entrare nella follia) sposando un ologramma. La sposa immaginaria è una storia di solitudine e alienazione. Ma non è da biasimare: se “Love is love” allora si può provare amore anche per un ologramma. È una delle infinite variazioni della teoria del gender.

    • DATI CHOC IN SENATO

    «Aborto chimico, più rischi e conflitti di interesse»

    Pro Vita presenta in Senato il dossier Aborto: dalla parte delle donne. Emergono dati choc sull'aumento di complicazioni di aborti a domicilio durante il lockdown e in ospedale. E nel 2020 l’AIGOC ha quantificato l’aborto chimico come dodici volte più pericoloso di quello chirurgico. Ma sulla RU486 pesano le linee guida del ministro Speranza: tutti i suoi autori sono consulenti della Exelgyn, l'azienda francese che commercializza la pillola per l'aborto chimico. 

    • LA SENTENZA

    Suicidio assistito sì o no? C’è un problema nella Cedu

    Nel caso riguardante il medico danese Svend Lings, la Cedu ha giudicato legittimo il divieto al suicidio assistito, senza però considerarlo assoluto. Già nelle precedenti sentenze la medesima corte aveva desunto un diritto (seppur con limitazioni) all’aiuto al suicidio interpretando in modo arbitrario l’art. 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

    • COMUNISMO CINESE

    Paura a Pechino, cinesi vittime dell'ideologia Covid 0

    Panico a Pechino perché sono stati individuati i primi casi di Covid e allora la popolazione teme di essere chiusa in casa. Per evitare di fare la fine dei connazionali di Shanghai, rimasti chiusi in casa senza scorte di cibo, iniziano gli accaparramenti. La strategia Covid 0 dimostra di non funzionare. Le autorità ammettono che è una scelta ideologica.

    • IL CONSIGLIO DI STATO

    EllaOne senza ricetta: paradossi di una sentenza

    La sentenza del Consiglio di Stato sull'EllaOne senza ricetta presenta criticità multiple: nega che sia un trattamento sanitario, ignora il consenso informato e esclude la letteratura scientifica che parla degli effetti abortivi perché fa partire la gravidanza non dal concepimento. Dai giudici di Palazzo Spada affermazioni paradossali. 

    • VINCE LA VITA

    Eutanasia di Stato sconfitta, Tinslee ora è a casa

    I medici del Cook Children’s, in Texas, l’avevano data per spacciata a fine 2019 e fissato dieci giorni di tempo per rimuovere il supporto vitale. Ma Tinslee Lewis, 3 anni, è migliorata e ora a casa, grazie alla famiglia che ha intrapreso una battaglia legale e infine trovato la collaborazione dell’ospedale. Segno che è la cultura della morte il problema.

    • CHIESA ARCOBALENO

    Trans e sacramenti, Avvenire & Co guidano la rivoluzione

    Il quotidiano della Cei pubblica ampi stralci di un’intervista a padre Maurizio Faggioni contenuta in un libro - edito dalla San Paolo e a firma di Luciano Moia - che va verso la normalizzazione della transessualità nella Chiesa. Nell’intervista manca un giudizio chiaro sulla transessualità e si affrontano temi legati al battesimo, alla vita matrimoniale, all’educazione dei figli in una prospettiva contraria alla morale naturale e al Codice di diritto canonico.

    • COMUNISMO CINESE

    Organi da prigionieri vivi, le prove dell'orrore in Cina

    Fra tutti i sospetti che ricadono sul regime comunista cinese, il più terribile riguarda il traffico di organi prelevati dai prigionieri. Una nuova ricerca pubblicata su American Journal of Transplantation ha trovato una “pistola fumante”

    • IL CASO

    "In Quaresima donate per il diritto all'aborto": nuova campagna blasfema

    Nel Regno Unito, un network abortista legato a Marie Stopes International sta conducendo una campagna raccolta fondi che invita i cristiani a sostenere il diritto all'aborto e condannare le associazioni di fedeli che si ritrovano fuori dalle cliniche abortiste a pregare. "A Pasqua le donne abortiste risorgeranno", è uno degli slogan blasfemi della campagna, che va di pari passo con le iniziative legislative per vietare le preghiere per la vita.
    - IN SPAGNA VIETATE LE PREGHIERE PRO LIFE, di Maria Garcia