• IL DOCUMENTO

Müller: chi tocca il celibato distrugge la Chiesa

Il cardinale Muller

In un nuovo saggio il cardinale Müller difende Benedetto XVI dagli attacchi per il caso del libro scritto con il card. Sarah. Non c'è nessun antagonismo con il Papa regnante, ma il desiderio di  un legittimo contributo alla verità. Quanto al celibato sacerdotale, Müller sta con Benedetto XVI e il cardinale Sarah: «La penuria di sacerdoti (in numeri come nella qualità) in paesi occidentali un tempo cristiani non è dovuta ad una penuria di chiamate da parte di Dio, quanto invece da una mancanza delle nostre vite nei confronti del Vangelo di Gesù Cristo».
- IL DOCUMENTO INTEGRALE (in italiano)

Editoriale

    • PRESIDENTE COMBATTIVO

    Trump attacca Greta e si oppone all'impeachment

    In una giornata campale, il presidente degli Stati Uniti ha sfidato praticamente tutti. A Davos ha risposto per le rime al consueto discorso ecologista apocalittico di Greta, accusando i falsi profeti di sventura. Intanto, in patria, inizia il processo definitivo di impeachment in Senato. Ed è il team legale della Casa Bianca a mettere sotto accusa gli accusatori.

    Focus

    • IRAN

    Quella sinistra italiana innamorata degli ayatollah

    Nonostante 40 anni di repressioni, torture, violazioni dei diritti umani e civili (a danno soprattutto delle donne), la sinistra, oltre a una parte minoritaria della destra, continua a simpatizzare per il regime khomeinista iraniano. Prova ne sono i commenti in difesa dei pasdaran nell'ultima crisi seguita all'uccisione di Soleimani. 

Ultimi articoli

    • IL RICORDO

    Cantoni, l'estremista della verità che non fu mai clericale

    Se in Italia v’è ancora una cultura cattolica, se la prospettiva della regalità sociale di Cristo ha distolto da tanti vaneggiamenti la migliore gioventù anticomunista e anti-sessantottina, è merito suo. Un ricordo di Giovanni Cantoni da chi si definisce ancora oggi un suo figlio spirituale. 

    • IL CASO

    L'eutanasia di Anastasi

    Le parole del figlio Gianluca fanno chiaramente intendere che la sedazione che ha portato alla morte l'ex campione di calcio Pietro Anastasi, malato di Sla, aveva chiare intenzioni eutanasiche. È la dimostrazione che già oggi l'eutanasia è possibile in Italia e che la recente sentenza della Consulta sul suicidio assistito è ideologica.