• L'ANALISI

Penalizzare il risparmio, una folle idea che sa di usura

Se investimenti e crescita si fondano sul risparmio accumulato, buon senso vorrebbe che questo fosse incoraggiato e tutelato. In un mondo con rendimenti negativi, causati dalle politiche monetarie ultra-espansive delle principali Banche Centrali, ci troviamo invece nella situazione paradossale in cui è il creditore che “paga” il debitore per concedergli un prestito, un contro-senso finanziario. Una vera e propria ”usura” ai danni del risparmiatore: fino a quando?
ENGLISH VERSION II VERSIÓN EN ESPAÑOL

Editoriale

    • MANOVRA RIDICOLA

    De Palo: "Fondo famiglia ok, ma da governo provocazioni"

    Famiglia bistrattata dal governo Pd-Renzi-5 Stelle: solo 600 milioni in più per un fondo fatto di bonus. Il presidente del Forumfamiglie De Palo sbotta e porta in piazza i passeggini. E alla Nuova BQ dice: "Il Fondo è una vittoria perché sancisce un metodo pro family, ma i soldi sono ridicoli e l'assegno unico è rimasto nel cassetto. Così è una provocazione". 

    • DISCRIMINAZIONE ROVESCIATA

    Prisma, progetto sanitario per tutti (purché stranieri)

    “Prisma” del Policlinico Gemelli di Roma, aperto ad aprile, promosso dall’Università Cattolica e dalla Comunità di Sant’Egidio, finanziato dal ministero dell’interno e dall’Unione Europea, è un progetto che non è stato pensato e realizzato per cittadini italiani, l’ambulatorio cura unicamente gli stranieri.

Ultimi articoli

    • ALLE RADICI DELLA RICHIESTA

    Preti sposati, tutto iniziò col Concilio e poi in Germania

    Il problema pastorale legato alla mancanza di sacerdoti e al tentativo di ordinare dei laici sposati non nasce oggi. Ma affonda le radici negli anni '60. Al Concilio, anzitutto, con le incursioni del vescovo Koop che fece arrabbiare San Paolo VI. Per proseguire con le spinte tedesche, che andarono a influenzare negativamente l'America Latina. 

    • RIECCO I MONACI 2.0

    Migliaia al Monastero wi-fi: la pastorale che riempie le chiese

    A nove mesi di distanza dal primo appuntamento, il 19 ottobre torna a Roma il Monastero wi-fi, che conta già circa 1.700 iscritti uniti dalla ricerca di Dio «Siamo tutte persone che vivono vite normali spesso anche complesse, ma che con la preghiera e l’impegno si sono messe al Suo servizio», dice alla Nuova BQ una delle ideatrici, spiegando la genesi di un’iniziativa il cui fine è «salvarci l’anima insieme».