• LIGHTYEAR

    Il film gay-friendly della Disney e il cinema cattolico

    È nelle sale la pellicola di animazione Lightyear - La vera storia di Buzz, prodotta dalla Pixar-Disney. Il film, con un bacio lesbico e altre incursioni nella trama principale, fa propaganda delle “famiglie” omosessuali, con la fecondazione artificiale sullo sfondo. È dunque in contrasto con la dottrina della Chiesa, eppure a San Donà c’è un cinema salesiano che lo proietta.

    • IL FILM

    In “Nostalgia” una Napoli tra memoria e rinascita

    Pellicola applauditissima a Cannes (ma niente premi), su “Nostalgia” sono piovuti apprezzamenti soprattutto per il sempre intenso Pierfrancesco Favino, magistrale interprete dei più autentici sentimenti: il legame profondo con le proprie radici e il desiderio di ricominciare una vita nuova

    • storia

    The King’s Man, il film che ridendo ci svela la storia

    C’è nelle sale un film simpatico che vuol essere tra il brillante e l’avventuroso, The King’s man. Le origini e parla, scherzosamente di un immaginario servizio segreto inglese più segreto di quello ufficiale. E rivela un pezzo di storia che non sono molti a conoscere, però potrebbe aiutare i giovani millennials a capire anche quel succede oggi sotto i loro occhi.

    • IL FILM

    Belfast, la difficoltà di vivere nell'incertezza

    Belfast, film in cui Branagh ritorna alla sua infanzia a Belfast, lacerata dall'inizio della guerra civile nordirlandese (The Troubles). Una lezione di vita, contro la violenza, ma soprattutto per non dimenticare le proprie radici. Branagh torna al suo passato perché ha provato sulla sua pelle la difficoltà di vivere nell'incertezza. 

    • ONE SECOND E STRINGIMI FORTE

    Padre e madre, due film ne ricordano il significato

    Due film girati a latitudini lontanissime ribadiscono il valore ineliminabile di paternità e maternità, che appartengono alla natura e al cuore dell’uomo. È ciò che ci mostrano la pellicola cinese “One Second” di Zhang Yimou e “Stringimi forte” del francese Mathieu Amalric.

    • I FILM

    Siamo alla ricerca dell’eroe perduto

    Un eroe” di Farhadi e “Supereroi” di Genovesi: due film recenti che rivelano la nostalgia di figure eccezionali nella nostra vita quotidiana, anche per consolarci delle innegabili sconfitte di quest’epoca di pandemia. Ma in realtà ci propongono eroi fragili e incompleti, che mostrano l’inconsistenza della pretesa di poter dominare la propria vita o quella degli altri.

     

    • Shiraz

    Il film che racconta il dramma della rivoluzione khomeinista

    Tratto da una storia vera, Shiraz, la città delle rose, con Adrien Brody e Salma Hayek racconta la rivoluzione khomeinista da un punto di vista di lotta di classe dove per gli ex "padroni" il Paese è un inferno da cui scappare. 

    • SHARE VS DEONTOLOGIA

    Quando la Tv del dolore calpesta la dignità

    Due conduttori di Rai e Mediaset litigano dopo essersi contesi l’intervista al marito di Liliana Resinovich nelle ore in cui veniva trovato il presunto corpo della donna. Al di là della lite, la “Tv del dolore” deve fare i conti con la deontologia, senza rincorrere la curiosità morbosa e rispettando l’umana pietas.

    • IL FILM

    Un bambino non può essere felice senza famiglia

    È davvero una bella notizia che il cinema si dedichi con vera attenzione e tenerezza al rapporto di un padre con il suo bambino. Il film “Nowhere Special - Una storia d’amore” ci propone con leggerezza, ma anche serietà, una vicenda difficile e commovente. Per scoprire che la vita è ricca e varia e sa aprirsi sempre a nuove possibilità, accompagnate dalla speranza.

    • IN ONDA

    Sissi, sceneggiata in cui la storia è un optional

    Personaggi improbabili, falsi storici e ricostruzioni impossibili. Lo sceneggiato Sissi in onda su Canale 5 fa acqua da tutte le parti. Sopratuttto storiche. 

    • IL FILM

    Don't look up: quanto politicamente corretto in sala

    Di Caprio e Streep finanziano a tutta borsa ogni cosa purché politicamente corretta. Il film, «Non guardare in alto», narra di un astrofisico e la sua assistente (piena di piercing) che scoprono una cometa diretta contro la Terra. Per chi non avesse capito che il riferimento è all’amministrazione Trump...

    • DI VERHOEVEN

    Benedetta, un altro film blasfemo e per voyeur

    “Benedetta” è il solito mix sesso+religione (cattolica), con un tocco di satanismo. Trae spunto dalla vicenda di suor Benedetta Carlini, accusata di false visioni e rapporti lesbici, e morta di vecchiaia. Il regista Paul Verhoeven, che sa la ricetta per vincere premi (come con Basic Instinct ed Elle), ne fa l’ennesima pellicola per voyeur.