• I FILM

    Siamo alla ricerca dell’eroe perduto

    Un eroe” di Farhadi e “Supereroi” di Genovesi: due film recenti che rivelano la nostalgia di figure eccezionali nella nostra vita quotidiana, anche per consolarci delle innegabili sconfitte di quest’epoca di pandemia. Ma in realtà ci propongono eroi fragili e incompleti, che mostrano l’inconsistenza della pretesa di poter dominare la propria vita o quella degli altri.

     

    • Shiraz

    Il film che racconta il dramma della rivoluzione khomeinista

    Tratto da una storia vera, Shiraz, la città delle rose, con Adrien Brody e Salma Hayek racconta la rivoluzione khomeinista da un punto di vista di lotta di classe dove per gli ex "padroni" il Paese è un inferno da cui scappare. 

    • SHARE VS DEONTOLOGIA

    Quando la Tv del dolore calpesta la dignità

    Due conduttori di Rai e Mediaset litigano dopo essersi contesi l’intervista al marito di Liliana Resinovich nelle ore in cui veniva trovato il presunto corpo della donna. Al di là della lite, la “Tv del dolore” deve fare i conti con la deontologia, senza rincorrere la curiosità morbosa e rispettando l’umana pietas.

    • IL FILM

    Un bambino non può essere felice senza famiglia

    È davvero una bella notizia che il cinema si dedichi con vera attenzione e tenerezza al rapporto di un padre con il suo bambino. Il film “Nowhere Special - Una storia d’amore” ci propone con leggerezza, ma anche serietà, una vicenda difficile e commovente. Per scoprire che la vita è ricca e varia e sa aprirsi sempre a nuove possibilità, accompagnate dalla speranza.

    • IN ONDA

    Sissi, sceneggiata in cui la storia è un optional

    Personaggi improbabili, falsi storici e ricostruzioni impossibili. Lo sceneggiato Sissi in onda su Canale 5 fa acqua da tutte le parti. Sopratuttto storiche. 

    • IL FILM

    Don't look up: quanto politicamente corretto in sala

    Di Caprio e Streep finanziano a tutta borsa ogni cosa purché politicamente corretta. Il film, «Non guardare in alto», narra di un astrofisico e la sua assistente (piena di piercing) che scoprono una cometa diretta contro la Terra. Per chi non avesse capito che il riferimento è all’amministrazione Trump...

    • DI VERHOEVEN

    Benedetta, un altro film blasfemo e per voyeur

    “Benedetta” è il solito mix sesso+religione (cattolica), con un tocco di satanismo. Trae spunto dalla vicenda di suor Benedetta Carlini, accusata di false visioni e rapporti lesbici, e morta di vecchiaia. Il regista Paul Verhoeven, che sa la ricetta per vincere premi (come con Basic Instinct ed Elle), ne fa l’ennesima pellicola per voyeur.

    • IL FILM

    Madres, l'horror movie che svela l'eugenetica

    Accadono strane cose nelle campagne californiane anni '70, fra messicani e figli dei fiori. Una giovane donna incinta indaga sulla mancanza di bambini nella Contea di Los Angeles. E scopre l'eugenetica...

    • IL FILM DI MORETTI

    Tre piani, la giustizia umana non basta

    L’ultimo film di Nanni Moretti “Tre piani”, in concorso al Festival di Cannes di quest’anno, rappresenta una svolta. Non soltanto perché per la prima volta non si tratta di un soggetto originale, bensì della trasposizione cinematografica di un romanzo; ma soprattutto perché dimostra che si può andare oltre il corrosivo cinismo e l’ironia beffarda a cui il regista ci aveva abituati. E così rinasce la speranza. 

    • SERIE TV CONTROVERSA

    Squid Game: uno tsunami di male, senza indicarne la cura

    In onda su Netflix, Squid Game è una serie Tv con ingredienti che catturano l’attenzione. Vuole essere una denuncia della società capitalista, ma la violenza mostrata è elevatissima e gratuita (la vedono anche bambini e ragazzini e già si registrano fenomeni di emulazione). In più, il male vince e sommerge il poco bene presente, lasciando sconvolto lo spettatore. Non si indica nessuna via di salvezza né alcuna speranza.

    English Español
    • IL THRILLER

    Old, una lotta contro il tempo (che scorre rapidissimo)

    La vacanza di una famiglia su una magnifica spiaggia tropicale si trasforma in un incubo, per una sorta di maleficio che fa scorrere il tempo sull’isola in modo rapidissimo, con i personaggi che diventano vecchi in poche ore. Non tutti sono all’altezza del dramma che vivono, ma tutti devono lottare. Diretto da Shyamalan, è un film che fa riflettere.

    • IL FILM

    Il ballo delle pazze e i dubbi sulla scienza “all'avanguardia”

    Il film che ricostruisce benissimo il clima alla Salpêtrière, il manicomio parigino e la figura controversa di Charcot. Coi salassi considerati all'avanguardia. Anche oggi dobbiamo sopportare un metodo sanitario d’avanguardia che nessuno sa se in futuro verrà definito barbaro. E anche oggi se qualcuno avanza dubbi viene lapidato come nemico della «scienza».