• I FUNERALI

    L'odio dell'ortodosso che decideva dei beati cattolici

    Amfilohije Radović, metropolita di Montenegro-Litorale, difese il dittatore Milošević e non solo. Ci si chiede come potesse far parte della Commissione cattolico-ortodossa sul cardinale Alojzije Stepinac e perché la canonizzazione di un simbolo del martirio del popolo croato sia fatta dipendere dall'assenso di una chiesa ortodossa interprete dell'odio anticroato e anticattolico.

    • IL DOCUMENTO COMECE

    I vescovi che si occupano dell'Artico ma scordano Gesù

    La Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità Europea si è esposta a favore di uno sviluppo sostenibile dell’Artico: chiede all'Ue di «rafforzare la protezione e la promozione dei diritti umani nelle comunità indigene», che lì sono quasi inesistenti. Il punto focale pare essere quello ecologico con la richiesta di politiche più vincolanti per le aziende a tutela dell’ambiente. In otto pagine di documento la parola Cristo non appare mai.
    - PRIMA VITTIMA DELL'ECOLOGISMO È LA VERITÀ, di Uberto Crescenti

    • CANADA

    Censura Catechismo, scuola cattolica ripresa dal vescovo

    Toronto, riunione del Catholic District School Board, un delegato cita il punto 2357 del Catechismo sulla condanna degli atti omosessuali e viene interrotto e rimproverato dal presidente e da altri membri del Cda. Scandalo tra i fedeli. Interviene l’arcivescovo e cardinale Collins che biasima la censura del CCC, ricorda ai ribelli la loro missione e chiede: “Interrompereste anche Gesù?”.

    • BUONA BATTAGLIA

    “Ridateci la Messa”, francesi in lotta per i diritti di Dio

    Il governo francese prima ha vietato le Messe con i fedeli nelle chiese e ora, contra legem, pretende di vietare pure le manifestazioni in cui si recitano preghiere. La libertà di culto è divenuta “accessoria”. E lo Stato, dopo aver sottratto in nome di Cesare i beni temporali alla Chiesa nel 1790 e 1905, ora vuole sottrarre ai fedeli anche i beni spirituali.

    • DOPO LE ELEZIONI

    La Chiesa Usa protegge i principi non negoziabili da Biden

    Dopo le congratulazioni a Biden, la Conferenza Episcopale statunitense esprime le sue maggiori preoccupazioni per l'agenda della sua prossima amministrazione, su aborto, Lgbt, scuola e libertà religiosa. Le nomine del cardinal Dolan e del vescovo Lori alle commissioni per libertà religiosa e vita fanno presagire uno scontro duro

    • INTERVISTA

    «Vi racconto don Dolindo, mistico conformato a Gesù»

    «Don Dolindo venne calunniato, perseguitato, ma rimase sempre fedele alla Chiesa, che chiamava santa e indefettibile. E diceva che “i miei libri riabiliteranno la mia memoria”». «Aveva il dono di scrutare i cuori, lo scambio di dolori e Gesù gli disse che doveva prendere su di sé le sofferenze di tutti». «Fu tormentato dal diavolo per il suo ultimo libro, che volle essere un omaggio alla Madonna». La Bussola intervista Grazia Ruotolo, per il 50° anniversario della morte di don Dolindo.

    • STOP A BIELLA, SCONSIGLIATE A TRENTO

    Messe sospese, avanti un altro. Ma il vescovo dice no

    Timor di Dio nel cestino, ora c'è la responsabilità. Il vescovo di Pinerolo fa scuola: a Biella il parroco "amico" della Bonino sospende la Messa. Ma il suo vescovo alla Bussola lo stoppa: «Non sono d'accordo, Messa cuore della nostra vita». A Trento Messe sconsigliate: 2 metri fra i fedeli, over 70 a casa. E a Verona niente Cresime né Prime Comunioni. 
    -L'ERESIA DEL TELEPREDICATORE OLIVERO di Luigi Corti

    • RITRATTO DI OLIVERO

    Il vescovo telepredicatore che svilisce il pane eucaristico

    Il vescovo di Pinerolo ha tolto al suo popolo le Messe, ma in compenso ogni giorno tiene una trasmissione su Youtube dove si mostra a una tavola poco curata, riflesso della poca cura che mette nell'Eucarestia. E lì rivela i suoi problemi di fede: «Gesù ha preso il pane per significare la sua presenza», dice. Ma la Messa non produce un pane che significa la presenza di Cristo. Nella Messa, quel pane offerto sull’Altare, diventa Cristo, non è più pane. 

    • IL CASO

    Attacco a Giovanni Paolo II: ecco a cosa serve il Rapporto McCarrick

    Dal National Catholic Reporter al New York Times è iniziata la campagna per screditare san Giovanni Paolo II e metterne in dubbio la santità. In realtà l'errore della nomina di McCarrick ad arcivescovo di Washington, in assenza di prove che dessero consistenza alle voci, fu indotto dal parere di due consiglieri di fiducia, secondo lo stesso rapporto. Ma tale circostanza è stata stranamente ignorata nel sommario del Rapporto McCarrick. Così il Rapporto vaticano facilita l'operazione culturale contro san Giovanni Paolo II.
    - CARD. GULBINOWICZ, CONDANNA SENZA MISERICORDIA, di Wlodzimierz Redzioch
    - «NICHOLS SI DIMETTA», CHIESA INGLESE NELLA BUFERA, di Nico Spuntoni

    English Español
    • IL CASO

    Gulbinowicz, è misericordia condannare un moribondo?

    Henryk Gulbinowicz, cardinale polacco ed ex metropolita di Breslavia, è stato condannato dalla Santa Sede il 6 novembre mentre si trovava in ospedale, dove è morto questo lunedì, a 97 anni. La sua vicenda fa pensare al macabro “Sinodo del cadavere”. Oggi viene definito “il cardinale molestatore”. Ma così, malgrado le possibili cadute, si dimentica tutto il bene che ha fatto.

    • L’INDAGINE

    “Nichols si dimetta”. Abusi, Chiesa inglese nella bufera

    Pubblicato il rapporto dell’Independent inquiry into child sexual abuse, istituita nel 2014 dalla May. Nel documento, durissimo, si parla di «fallimento della Chiesa cattolica». Sulla graticola, accusato di negligenza sugli abusi sui minori, il cardinale Nichols, di cui un avvocato che rappresenta 32 vittime chiede la cacciata. Ma secondo il primate d’Inghilterra, 75 anni, Francesco vuole mantenerlo in carica.

    • CARPI

    Gene blasfemo in Duomo, ma per il vescovo è solo gossip

    Sketch triviali in Duomo al convegno sul beato Focherini. Ecco cosa ha detto Gene Gnocchi a Carpi nella performance di cui parla tutt'Italia: «Cerco lavoro, sono la controfigura di Rocco Siffredi, dopo che è rimasto amputato col ciak. Per stare svegli servono le palle del toro... e del torero. Paola Ferrari? Per Brosio è la Madonna di Medjugorje». A più di un mese dall'esibizione blasfema in Cattedrale, il vescovo di Carpi, Castellucci, presente e sorridente all'evento, non ha ancora chiesto scusa ai fedeli per le allusioni sessuali pronunciate dal comico sul presbiterio mentre la diocesi derubrica l'episodio a gossip. Il dramma di una Chiesa ossessionata dallo stare al passo coi tempi che svilisce il sacro e si fa caricatura di se stessa.