• 1 LUGLIO

    Hong Kong, un'agonia che ci coinvolge

    Le celebrazioni per il 25esimo anniversario del ritorno di Hong Kong alla Cina popolare mettono in evidenza l'aggressività e l'inaffidabilità della Cina, che ha di fatto stracciato gli accordi che regolavano il passaggio alla Cina dell'ex colonia britannica. Ed emerge anche la debolezza dell'Occidente, incapace di contrastare efficacemente certe derive.

    • IMMIGRAZIONE

    Ius scholae, una proposta razzista

    Lo ius scholae prevede che un immigrato acquisisca la cittadinanza italiana se è arrivato quando aveva meno di 12 anni e se ha frequentato almeno cinque anni di scuola italiana. In realtà i figli degli immigrati godono già di tutti i diritti. Piuttosto c'è dietro l'idea che la nazionalità italiana sia superiore a quella marocchina, albanese o nigeriana.

    • SCANDALO IN VATICANO

    Pelosi, una comunione-sfida ai vescovi Usa (in Vaticano)

    La speaker della Camera si reca in Vaticano e durante la Messa del Papa riceve la comunione, in aperta sfida col vescovo Cordileone che le aveva vietato personalmente la Comunione per il suo aperto sostegno all'aborto.

    English
    • LA RELAZIONE

    66.413 (e più) motivi per abrogare la Legge 194

    Il Ministero della Salute ha presentato la Relazione sulla 194. Gli aborti ufficiali, nel 2020, si attestano sui 66.413, un dato in diminuzione, ma che non tiene conto dei potenziali aborti con i cosiddetti “contraccettivi di emergenza”, le cui vendite crescono. Aumenta il ricorso alla RU. E i dati sui colloqui confermano che la 194 è fatta per abortire, non per salvare. Va abrogata.

    • IL COMMENTO

    Voto, un flop tra astensionismo e melassa draghiana

    La melassa indistinta che sostiene il governo Draghi è forse la prima causa di questa crescente disaffezione dei cittadini verso la politica. Un elettore del Pd che cosa si aspetta di diverso da un elettore di Forza Italia? Con quali motivazioni i due elettori vanno alle urne sapendo che dal giorno dopo le differenze tra i due partiti appariranno sbiadite sul piano nazionale? Commento sul secondo turno, tra astensionismo e crisi del Centrodestra. 

    • LA SENTENZA

    E ora che ne sarà dell’aborto?

    La Corte suprema non ha restaurato il diritto alla vita, ma ha abbandonato l'aborto al dibattito politico

    • L'INCONTRO DELLE FAMIGLIE

    Famiglie normali: Avvenire strizza l'occhio ai conviventi

    Incontro delle famiglie col Papa. C'è anche una testimonianza di una coppia di conviventi che dopo tre figli convolerà a nozze. Avvenire esulta e parte con la normalizzazione della convivenza lasciando intendere che è solo un problema di accoglienza della Chiesa. Qualcuno spieghi al quotidiano dei vescovi la differenza tra normalità e situazioni comuni. 

    • ONOMASTICA GENDER

    Jennifer Lopez, Elon Musk e quei figli de-generi

    La cantante Jennifer Lopez duetta con la figlia chiamandola "loro"; il figlio del papà della Tesla Elon Musk cambia nome, cognome e sesso e disconosce la sua figliolanza col miliardario. Pandemia della follia onomastica, dalla guerra tra sessi siamo finiti alla guerra tra “generi”.

    • VERSO IL SINODO

    Vescovi ridotti a postini, è ora che si sveglino

    Il caso del documento della Chiesa francese inviato al Sinodo con richieste “liberal” non condivise dai vescovi, è segno della rassegnazione degli stessi vescovi il cui ruolo è svilito anche dall’autoritarismo di questo pontificato. Eppure, proprio in nome del Concilio i vescovi dovrebbero rialzare la testa.
    - VIDEO: Vescovi, svegliatevi

    • CONVENZIONE RATIFICATA

    Ucraina, il prezzo per entrare nell’Ue: l’ideologia Lgbt

    Il Parlamento ucraino ha ratificato la Convenzione di Istanbul. Una decisione che ha trasformato in consenso il precedente scetticismo di Danimarca, Olanda e Svezia verso l’ingresso dell’Ucraina nell’Ue. Da 15 anni la Commissione europea pone come condizione per far parte dell’Ue il riconoscimento dell’ideologia Lgbt, veicolata dalla Convenzione. Esultano élite e lobby internazionali.

    • LA QUESTIONE

    L’intelligenza artificiale non è libera né cosciente

    Blake Lemoine, un ingegnere di Google, sostiene che LaMDA, un software ideato per parlare con gli utenti, sia senziente. Ma l’azienda per cui lavora lo ha smentito. E a ragione. La regola principe per questi programmi è data dal criterio delle associazioni, per cui le risposte sono basate su regole inserite dall’uomo. LaMDA è composto solo di materia, perciò non può avere una coscienza.

    • I 5 STELLE SI SPACCANO

    L’agonia dei grillini rischia di far cadere Draghi

    Nell’immediato la domanda è: quanti parlamentari, soprattutto senatori, andranno con Conte e quanti con Di Maio? Quanti, cioè, continueranno ad appoggiare il governo Draghi e quanti gli negheranno il voto? Da questo dipenderà la stabilità di governo e il futuro dell’attuale legislatura.