• LINEE GUIDA SBAGLIATE

    RU 486, il bambino che non si vuole vedere

    Dove finiscono i resti mortali dei bambini abortiti con la RU486? Con le nuove linee guida sulla RU486 la donna espelle il feto non più in ospedale, ma soprattutto a casa o laddove ha la sventura di essere. Dunque la 194 occulta il bambino abortito perché anche i bambini capirebbero al volo che l’aborto è un assassinio.

    • IMMIGRAZIONE

    Richiedenti asilo: tutte le scuse per non rimpatriarli

    Come arrivino in Italia illegalmente migliaia di africani e di asiatici è chiaro.  Come riescano a non farsi respingere, anche. La magistratura è estranea al gioco? A giudicare da certe sentenze, si direbbe di no. Basti pensare che per immigrati irregolari che arrivano da Paesi in cui si riscontrano casi di Covid inferiori a quelli in Italia, viene negato il rimpatrio per motivi sanitari

    • I POSSIBILI SCENARI

    Elezioni, una sfida con poche certezze

    PD e Cinque Stelle arrivano alle urne con tante paure. Il governo spera nel pareggio 3-3 nelle regioni che contano, mentre il centrodestra sogna il cappotto (7-0, Valle d’Aosta inclusa). Se il destino di Campania (De Luca), Liguria (Toti) e Veneto (Zaia) sembra segnato e se al referendum sul taglio dei parlamentari sembra probabile il “sì”, tutte le altre partite si giocano sul filo del rasoio

    • PRETI COL COVID

    La Messa è finita (tra pizzate e mercato equosolidale)

    La facilità con cui i vescovi hanno chiuso le chiese durante il lockdown dà i primi "frutti": una volta era la fonte e il culmine della vita cristiana, ma adesso la Messa può essere sospesa come un qualunque altro servizio parrocchiale, tra la pizzata dell'oratorio e il mercatino per le missioni. In una parrocchia romana tutti i preti hanno il Covid. Per un po' sopperiscono i confratelli, poi il parroco chiude tutto: «Mica possiamo tenere aperto solo per la Messa mentre gli altri servizi sono chiusi».

    • RIFORMA COSTITUZIONALE

    Referendum, perché No

    È bene o male ridurre il numero dei parlamentari? Sembrerebbe questo il tema su cui decidere nel referendum di domenica prossima. In realtà per scegliere cosa votare bisogna considerare sia la natura della Costituzione sia il contesto politico in cui si colloca. Elementi che spingono a votare No.

    • IL PRETE UCCISO

    Quelli che la carità è meglio senza la verità

    Tanti commenti sull'uccisione a Como di don Roberto Malgesini tradiscono una moda cattolica di esaltare una carità generica, vissuta solo come presenza accanto all'altro. Vedi le dichiarazioni del direttore della Caritas di Como e l'editoriale di Avvenire. Ben altro dice la Caritas in Veritate di Benedetto XVI.

    • DELITTI & Società

    Colleferro, Caivano e Como: dove nasce la violenza?

    C’è qualcosa che non torna nella modalità con cui i principali media italiani hanno parlato prima dell’omicidio di Willy, poi di quello di Maria Paola e infine di quello di don Roberto. Si parla di razzismo, di omofobia e di malattia mentale, omettendo particolari che fanno compredere che la violenza viene proprio da chi predica la tolleranza.

    • IL CASO

    Delitto di Caivano, la solita strumentalizzazione Lgbt

    A Caivano si è consumata una vera tragedia, ma si è scatenata la solita fulminea strumentalizzazione da parte di varie associazioni LGBT, che si sono precipitate a chiedere l'approvazione del disegno di legge Zan. Ma non c'entra nulla perchè l'omicidio è già severamente punito dal codice penale. Il Parlamento si interroghi piuttosto sulle amare considerazioni del Parroco di Caivano Don Maurizio Patriciello sulle condizioni di degrado e disperazione a cui sono abbandonate tante periferie dimenticate del Paese.

    • DOPO IL PADOVA PRIDE

    L'ateismo dei cristiani

    Nessuna critica a sacerdoti o vescovi, ma la vicenda della partecipazione cattolica al Padova Pride Village impone delle considerazioni sul nostro essere nel mondo. Vale ancora la pena di combattere la concupiscenza della carne? Esiste ancora il fascino, il coraggio di lasciare tutto per la “perla preziosa”? O ci vergogniamo del Vangelo? Diceva un bravo vescovo che «l‘ateo più pericoloso è il Cristiano che vive come se Dio non esistesse».

    • VERSO IL VOTO

    Un nano referendum senza prospettive

    Verso il referendum sulla riduzione dei Parlamentari. Nessuno degli argomenti portati dall’uno e dall’altro schieramento sembra decisivo. Tanto che si ricorre a temi fuori dallo stretto contesto e più propriamente politici. E' un nano-referendum per assoluta mancanza di prospettiva organica. E prelude ad una legge elettorale puramente proporzionale che favorisce il ritorno alla prima repubblica e la precipitazione verso forme di democrazia protetta.

    • DOPO PADOVA

    Avvenire e orgoglio gay, la strategia del clericalismo

    Dopo la denuncia della Bussola annullato l'evento del Padova Pride Village con la presenza di autorevoli esponenti del quotidiano dei vescovi Avvenire e della diocesi di Padova. «Imprevisti familiari» del caporedattore di Avvenire la poco credibile scusa, ma è la solita tattica clericale. Tranquilli che la marcia catto-gay è solo rallentata.

    • LA DEBOLE IDEOLOGIA

    Cocq, sponsor dell'eutanasia, non vuole più morire

    "La strada per la liberazione inizia e, credetemi, sono felice”, aveva detto il 57enne francese Alain Cocq. Così, come abbiamo raccontato, l’uomo aveva fatto sapere al mondo che a causa della sua malattia si sarebbe lasciato morire di fame e di sete. Ma ora ha cambiato idea. Una vicenda che mostra tante verità nascoste dai promotori della morte.