Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Germana Cousin a cura di Ermes Dovico
Dottrina sociale
a cura di Stefano Fontana

Commissione Segre e l’odio all’odio, se lo Stato educa
ATTUALITA'

Commissione Segre e l’odio all’odio, se lo Stato educa

Dottrina sociale 05_11_2019

Lo Stato neutro rispetto ai valori è costretto ad imporre questa neutralità, che è la sua verità assoluta. Non può fermarsi ad essere neutro, deve imporre la neutralità, deve richiederla anche ai cittadini, li deve educare alla neutralità, perché la neutralità rispetto ai valori è per lo Stato un valore, anzi il valore. E come fare per educare alla neutralità? Educando alla tolleranza verso tutto meno che verso chi dice che non si deve tollerare tutto.


L’educazione secondo Pio XI
Anniversari

L’educazione secondo Pio XI

Dottrina sociale 25_10_2019

Quest’anno compie 90 anni l’enciclica di Pio XI Divini illius Magistri che nel 1929 affrontava in modo sistematico il problema della educazione e della scuola. E che preannunciava come, espulsa la Chiesa dalla pubblica educazione e negato che essa sia “indipendente da qualsiasi potestà terrena, come nell’origine nell’esercizio della sua missione educativa”, dall’educazione verranno espulsi anche i genitori.


Idoli, era dovere dello Stato difendere la vera religione
IL CASO TRASPONTINA

Idoli, era dovere dello Stato difendere la vera religione

Dottrina sociale 22_10_2019

A difendere la religione cattolica dagli idoli dovrebbero essere solo i due "militi ignoti" della Traspontina oppure dovrebbero impegnarsi anche le leggi stesse e il potere politico?  La politica deve riconoscere che il culto degli idoli tra i cittadini della propria comunità politica è dannoso per la stessa vita politica, perché depotenzia l’uso della ragione politica a vantaggio dell’irrazionalismo pagano e sottomette la persona a forze sotterranee. Ecco perché di fronte a quegli idoli anche il potere politico aveva il dovere di intervenire. 


Anche a Santo Domingo l’impostazione era diversa
I PAPI E IL LATINOAMERICA

Anche a Santo Domingo l’impostazione era diversa

Dottrina sociale 18_10_2019

A santo Domingo Giovanni Paolo II propose la “nuova evangelizzazione” che – diceva -  “non consiste in un ‘nuovo vangelo’, che deriverebbe sempre da noi stessi, dalla nostra cultura, dalla nostra analisi delle necessità dell’uomo. Perché questo non sarebbe “vangelo”, ma pura invenzione umana e non vi sarebbe in esso salvezza.


Il sinodo dell’Amazzonia contraddice GPII a Puebla
IL PUNTO

Il sinodo dell’Amazzonia contraddice GPII a Puebla

Dottrina sociale 16_10_2019

Nell’Instrumentum laboris non si parla mai di dottrina o di verità da annunciare. Giovanni Paolo II a Puebla non aveva certo dato indicazioni di questo genere, tutt’altro. Aveva detto che i Pastori sono “Maestri di Verità” perché “vigilare per la purezza della dottrina, base nell’edificazione della comunità cristiana, è, infatti, insieme con l’annunzio del Vangelo, il primo e insostituibile dovere del Pastore, del Maestro della fede”.


Benedetto XVI ad Aparecida: una luce per oggi
OLTRE L'AMAZZONIA

Benedetto XVI ad Aparecida: una luce per oggi

Dottrina sociale 09_10_2019

Può essere molto utile, mentre si svolge il Sinodo sull’Amazzonia, rileggere il discorso di Benedetto XVI all’inaugurazione della V Conferenza dei vescovi latinoamericani e dei Caraibi ad Aparecida il 13 maggio 2007. La prima cosa che si nota è una visione provvidenziale e cristiana del processo di evangelizzazione di quel continente.


L'ANALISI

Sinodo: due quadri teologici in lotta

Dottrina sociale 01_10_2019

La lettura dell’Instrumentum laboris del sinodo sull’Amazzonia non lascia adito a molto dubbi sul tema: al sinodo si scontreranno due quadri teologici opposti.


Ma gli indigeni amazzonici sono già salvi?
CATTIVA TEOLOGIA

Ma gli indigeni amazzonici sono già salvi?

Dottrina sociale 24_09_2019

L’Instrumentum laboris e la grancassa mediatica ufficiale presentano gli indigeni amazzonici come già salvi, dato che è piuttosto la Chiesa ad aspettarsi la salvezza da loro più che il contrario. A cambiare, infatti, è chiamata la Chiesa e non l’Amazzonia. La Chiesa deve diventare “dal volto amazzonico”, non l’Amazzonia “dal volto cattolico”.


Per capire il sinodo leggete il cardinale Siri
LO SPUNTO

Per capire il sinodo leggete il cardinale Siri

Dottrina sociale 20_09_2019

La teologia modernista assume il principio secondo cui la rivelazione divina deve essere reinterpreta e fecondata da un’autointerpretazione profana che l’uomo possiede in una determinata epoca, ossia dall’atropologia in un certo contesto esistenziale. Rileggere Siri per capire Rahner. E il prossimo Sinodo. 


Amazzonia: Ratzinger e Rahner a confronto
VERSO IL SINODO

Amazzonia: Ratzinger e Rahner a confronto

Dottrina sociale 17_09_2019

Il prossimo sinodo dell’Amazzonia vuole una Chiesa amazzonica mentre non parla di una Amazzonia cristiana. Su questo si scontrano le prospettive teologiche di Joseph Ratzinger e di Karl Rahner.


Il neocolonialismo europeo al sinodo dell’Amazzonia
IL CASO

Il neocolonialismo europeo al sinodo dell’Amazzonia

Dottrina sociale 10_09_2019

Il prossimo sinodo dell’Amazzonia vorrebbe essere un esempio di Chiesa in uscita verso una periferia del mondo per imparare da essa piuttosto che per insegnare, per farsi evangelizzare piuttosto che per annunciare.


Bloch, padre del paradigma amazzonico
VERSO IL SINODO

Bloch, padre del paradigma amazzonico

Dottrina sociale 06_09_2019

La venerazione della Madre Terra e un rapporto di cordiale di fratellanza con tutte le cose, che secondo il paradigma amazzonico sarebbe il merito della cultura indigena, rappresenterebbe la confluenza post-religiosa di tutte le fedi in una indistinta religione universale. Questo format ha influito sulla teologia contemporanea latinoamericana e non solo, tramite la mediazione del filosofo marxista della Germania orientale Ernst Bloch. Seppure a distanza egli è tra i Padri del paradigma amazzonico.