• IL BELLO DELLA SCUOLA/14

    La letteratura è viva quando siamo vivi noi

    Il racconto è ancora capace di conquistare e avvincere. L’insegnamento della letteratura non può avere a che fare solo con l’acquisizione di nozioni e di dati, a discapito della dimensione dell’incontro, di un duplice incontro: con l’autore e con l’opera, la cui bellezza ha in sé un Mistero più grande di qualsiasi analisi.

    • ALLA GIORNATA DELLA BUSSOLA

    Manetti ci svela "Perché appare la Madonna"

    Domenica 6 ottobre 2019, ci sarà la Giornata della Bussola. Come il direttore, Riccardo Cascioli, ha già annunciato (qui e qui), quest'anno sarà un'occasione veramente imperdibile per diverse ragioni. Una di queste sarà, senz'altro, la presenza della Vergine Maria, attraverso l'incontro: "Maria, madre con noi. Sempre e ovunque". Di seguito riproponiamo l'intervista al mariologo Diego Manetti, uno dei relatori.

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    I santi Arcangeli, alla presenza della Maestà di Dio

    La ricchissima tradizione iconografica sui tre Arcangeli celebrati il 29 settembre ci aiuta a comprenderne il ruolo. Guido Reni raffigura san Michele come un giovane aitante dal viso gentile, nell’atto di incatenare Satana. San Gabriele, nel dipinto di Giovanni Bellini, si presenta alla Beata Vergine con un giglio in mano. E Filippino Lippi rappresenta san Raffaele mentre tiene per mano Tobiolo, da lui soccorso nelle difficoltà.

    • IL BELLO DELLA SCUOLA/13

    Lo studio e il colore dei campi di grano

    Sarebbe importante che un insegnante, introducendo nelle prime lezioni i ragazzi allo studio di una disciplina, partisse sempre da argomenti o temi in cui è particolarmente evidente la bellezza di quella materia. La bellezza è segno di Dio, perché rende il creato simile al Creatore.

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Pentimento e redenzione: il miracolo in casa del fariseo

    Maddalena si getta letteralmente a terra in un gesto appassionato che non la umilia, anzi, le fa ottenere il perdono e la salvezza che solo un grande amore può gratuitamente elargire. È attraverso la sincera contrizione della peccatrice, infatti, che può avvenire la remissione delle sue colpe. Il suo è, al cospetto di Cristo, un gesto sacramentale da leggere qui in chiave controriformista. Leggiamo insieme la Cena in casa di Simone il fariseo del Moretto

    • PROTESTA CROATA

    Fiume di polemiche (inutili) per la statua del Vate

    Trieste, la Fondazione del Vittoriale piazza una statua di D’Annunzio nel centenario dell’Impresa di Fiume. E il governo croato protesta. Per carità, niente difesa dell’occupazione, che fu più goliardica che politica, ma il Vate era anche un genio della letteratura. E poi, se i croati vedessero quali levate d’ingegno hanno avuto nel tempo i nostri amministratori… non si scandalizzerebbero.

    • IL BELLO DELLA SCUOLA/12

    Come la principessa Sissi può rendere lo studio interessante

    Che legame c’è tra studio e interesse? Quando una persona si appassiona nell’apprendere? E come rendere davvero proficui i viaggi d’istruzione? Un argomento è interessante perché ci sei tu, con la tua umanità, le tue domande, la tua vita, i tuoi sogni e aspettative. Perciò può aiutare anche la principessa Sissi…

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Croce e crocifisso, il tutt'uno che apre a un'alba nuova

    Crocefisso 1 di Congdon segna l’ingresso nella sua poetica della figura umana, fino ad allora mai considerata. Il bianco della carne di Gesù, il capo reclinato e il volto coperto dai capelli, in un processo d’identificazione della croce con il crocefisso che pure rimane profondamente umano, come umano è il dolore che trasmette e che fa di questa pittura arte davvero sacra.

    • IL BELLO DELLA SCUOLA/11

    Serve una speranza vera per iniziare

    Tra pochi giorni si apriranno le porte delle classi a quasi otto milioni di studenti. Intanto, le statistiche ci restituiscono una situazione giovanile allarmante, tra diffusione di alcol, droghe, pornografia, ecc. In che modo può aiutare la scuola? L’insegnante deve coniugare professionalità e umanità, in modo che i ragazzi possano sentirsi fiorire e mettere i propri talenti al servizio di tutti.

    • RACCOLTA PER BAMBINI

    La collana dei "piccoli eroi"… purché non siano santi

    In questi giorni la Mondadori distribuisce in Italia la collana per bambini “I miei piccoli eroi”, dedicata ai grandi personaggi della storia, della scienza e dell’arte. Un minestrone in cui si accostano grandi figure a personaggi dai forti tratti ideologici, tra massoni, femministe, gay e altre icone dei “nuovi diritti”. Nessuno spazio per i santi, manco per Madre Teresa o san Francesco.

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    La nascita di Maria, colei che sorge come aurora

    Il modello iconografico della natività di Maria richiama quello della nascita di Gesù, se non fosse per la diversa ambientazione: un’umile stalla per il Redentore, una ricca dimora per Sua Madre. Nel Medioevo, Giotto eseguì un dipinto della natività nella splendida Cappella degli Scrovegni: al centro si vede una donna che porge a sant’Anna, come un dono, la Bambina in fasce. Più tardi si cimentò nel soggetto Lorenzetti, anche lui con esiti notevoli.

    • IL LIBRO

    “Moloch”, l'Italia del 2084 dove la verità è bandita

    Nel suo ultimo romanzo-non romanzo, Agostino Nobile ci porta nell'Italia del 2084, dove sono banditi i valori cristiani. La chiave per scardinare il vecchio ordine è stata la parola «libertà», che ha creato una società dove la verità non è data dai fatti ma formata e imposta dalle parole-talismano. Il protagonista si muove tra ibridi mezzo umani, violenza diffusa e l’infernale progetto di «igienizzare il mondo» .