• IL BELLO DELLA SCUOLA/12

    Come la principessa Sissi può rendere lo studio interessante

    Che legame c’è tra studio e interesse? Quando una persona si appassiona nell’apprendere? E come rendere davvero proficui i viaggi d’istruzione? Un argomento è interessante perché ci sei tu, con la tua umanità, le tue domande, la tua vita, i tuoi sogni e aspettative. Perciò può aiutare anche la principessa Sissi…

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Croce e crocifisso, il tutt'uno che apre a un'alba nuova

    Crocefisso 1 di Congdon segna l’ingresso nella sua poetica della figura umana, fino ad allora mai considerata. Il bianco della carne di Gesù, il capo reclinato e il volto coperto dai capelli, in un processo d’identificazione della croce con il crocefisso che pure rimane profondamente umano, come umano è il dolore che trasmette e che fa di questa pittura arte davvero sacra.

    • IL BELLO DELLA SCUOLA/11

    Serve una speranza vera per iniziare

    Tra pochi giorni si apriranno le porte delle classi a quasi otto milioni di studenti. Intanto, le statistiche ci restituiscono una situazione giovanile allarmante, tra diffusione di alcol, droghe, pornografia, ecc. In che modo può aiutare la scuola? L’insegnante deve coniugare professionalità e umanità, in modo che i ragazzi possano sentirsi fiorire e mettere i propri talenti al servizio di tutti.

    • RACCOLTA PER BAMBINI

    La collana dei "piccoli eroi"… purché non siano santi

    In questi giorni la Mondadori distribuisce in Italia la collana per bambini “I miei piccoli eroi”, dedicata ai grandi personaggi della storia, della scienza e dell’arte. Un minestrone in cui si accostano grandi figure a personaggi dai forti tratti ideologici, tra massoni, femministe, gay e altre icone dei “nuovi diritti”. Nessuno spazio per i santi, manco per Madre Teresa o san Francesco.

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    La nascita di Maria, colei che sorge come aurora

    Il modello iconografico della natività di Maria richiama quello della nascita di Gesù, se non fosse per la diversa ambientazione: un’umile stalla per il Redentore, una ricca dimora per Sua Madre. Nel Medioevo, Giotto eseguì un dipinto della natività nella splendida Cappella degli Scrovegni: al centro si vede una donna che porge a sant’Anna, come un dono, la Bambina in fasce. Più tardi si cimentò nel soggetto Lorenzetti, anche lui con esiti notevoli.

    • IL LIBRO

    “Moloch”, l'Italia del 2084 dove la verità è bandita

    Nel suo ultimo romanzo-non romanzo, Agostino Nobile ci porta nell'Italia del 2084, dove sono banditi i valori cristiani. La chiave per scardinare il vecchio ordine è stata la parola «libertà», che ha creato una società dove la verità non è data dai fatti ma formata e imposta dalle parole-talismano. Il protagonista si muove tra ibridi mezzo umani, violenza diffusa e l’infernale progetto di «igienizzare il mondo» .

    • IL LIBRO

    Italiani poca gente. E anche malconsigliati

    L'inverno demografico italiano non si cura né con l'immigrazione né con lo Stato assistenziale. Il problema non è economico ma culturale, e qualsiasi politica che non parta da questi dati è destinata a creare maggiori problemi. Sono le tesi che troviamo nell'interessante libro-intervista al demografo Antonio Golini, realizzata dal giornalista Rai Marco Valerio Lo Prete. Un prezioso affondo sulla drammatica situazione italiana. 

    • IL BELLO DELLA SCUOLA/10

    Le ragioni per cui vivere e lottare

    Due film veramente edificanti per chiudere la stagione estiva. Sant’Agostino racconta in modo vivace le vicende della conversione del santo, filosofo, teologo, vescovo e dottore della Chiesa. Cinderella man, che ricorda le vicende del pugile James Braddock negli anni della Grande depressione, mosso da speranza e viva fede cristiana

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Cadute e rinascite: il fotoromanzo della vita di Agostino

    Nella chiesa di Sant’Agostino a San Gimignano il ciclo della vita del santo di Benozzo Gozzoli si svolge per fotogrammi fino alla conversione e al battesimo. 

    • MAESTRO E ALLIEVO

    La «società aperta», il sogno sinistro di Popper e Soros

    George Soros non è solo una delle 30 persone più ricche al mondo, ma è anche un intellettuale il cui punto di riferimento è tuttora Karl Popper. Il quale sognava una «società aperta» in cui vi fosse tolleranza per tutti… tranne per chi crede nella verità, da lui negata. E oggi Soros, con la sua Open Society, sta realizzando il sogno del suo docente, accantonando il Logos in favore di una società informe e senza identità, dove ogni realtà, perfino la più immorale, è ben accetta.

    • Il RITRATTO

    Il poliedrico don Sturzo? Era anche musicista

    A sessant’anni dalla sua morte, si riflette giustamente sul pensiero di don Luigi Sturzo ma pochi sanno che il servo di Dio era anche un appassionato di musica nonché musicista e compositore, almeno nei suoi anni giovanili. Grande ammiratore di Verdi, su cui scrisse uno studio, era anche un entusiasta sostenitore del movimento sulla musica sacra promosso da san Pio X. E quando intonava il Sanctus

    • IL LIBRO

    Inferno a mezzanotte, il thriller tra New York e Qumran

    Una giovane papirologa italiana riceve rivelazioni sconvolgenti da uno sconosciuto che le parla di un’antica setta alla ricerca di un manoscritto del Mar Morto creduto inesistente. Lì per lì non gli crede, ma poi l’uomo viene trovato morto il giorno dopo... La stessa studiosa finirà per essere braccata, tra disavventure e salvataggi in extremis. Dal nuovo romanzo di Ada Grossi, Inferno a mezzanotte