• IL BELLO DELLA LITURGIA

    Gesù e il centurione, la fede è riconoscere una Presenza

    È custodita al Museo del Prado la tela realizzata nel 1571 dal Veronese, che deve essere rimasto commosso, prima ancora che ispirato, dall’episodio dell’incontro di Gesù con il centurione. Al centro della composizione ci sono le imploranti braccia del militare romano, il cui impeto nel gettarsi ai piedi del Signore è proprio di colui che si scopre al cospetto di un’eccezionale Presenza.

    • IL LIBRO

    Un pensiero al giorno di Chesterton per imparare a vivere

    La “Summa Chestertheologica” propone un pensiero al giorno del grande scrittore britannico su Dio, la Chiesa, gli eretici, le salsicce e tanti altri temi legati alla dottrina cristiana come alla vita quotidiana. I pensieri sono tratti dalle pagine più significative dei suoi romanzi e saggi, ma anche da articoli inediti, in una sintesi perfetta di ragione, fede e British humour. Un libro imperdibile che traduce il Vangelo in vita. 

    • APPUNTI PER LA MATURITÀ/14

    Il ragazzo non è un robot, cosa serve per ripartire a scuola

    Ogni esame ha in sé due incognite: l’imprevisto e il fattore umano. L’imprevisto è sorprendente e liberante ad un tempo, perché ci fa capire che non tutto dipende da noi, come insegnava già sant’Ignazio. Il fattore umano significa innanzitutto che non siamo robot. Quest’anno è successo qualcosa di epocale, e non sempre le risposte del mondo della scuola sono state adeguate. Ecco perché

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Elia rapito in Cielo, capolavoro a Santa Sabina

    Come racconta il Secondo Libro dei Re, Elia fu assunto in Cielo su un carro di fuoco. L’episodio si ritrova già nei primi manufatti cristiani. Notevole è l’esemplare sulla porta lignea della basilica di Santa Sabina, a Roma. Vi si vede tra l’altro la caduta del mantello (simbolo dell’eredità spirituale) di Elia, che viene raccolto dal discepolo Eliseo, per continuare la missione profetica del maestro. In attesa della venuta di Cristo.

    • BLACK LIVES MATTER

    Usa: quando i Democratici difendevano la schiavitù

    Sudisti, secessionisti, schiavisti: questa era la base del Partito Democratico nell'Ottocento, quando difendeva gli interessi dei proprietari terrieri del Sud. La difesa o quantomeno la tolleranza della schiavitù dei neri fu un peccato comune a tutti i primi presidenti degli Usa. Solo il nuovo Partito Repubblicano, con Lincoln, ebbe il coraggio di opporsi.
    IL COLOSSO DEGLI ABORTI SI SCHIERA CON BIDEN, di Ermes Dovico

    English Español
    • IL LIBRO

    De Mattei racconta il santo che profetò il terremoto di Messina

    Il romanzo storico di Roberto de Mattei, L’isola misteriosa, racconta di sant’Annibale Maria Di Francia, che aveva destato scalpore con una sua omelia: a Messina regnava tale acquiescenza col peccato da rendere necessario un castigo: un terremoto. I liberali e giornali dell'epoca lo derisero ma cinque giorni dopo le scosse distrussero la città che poi rimase fedele alla fede cattolica.

    • 100 ANNI DI "ALBERTONE"

    Alberto Sordi incarnava la Roma profonda e cristiana

    Cento anni fa nasceva a Roma Alberto Sordi. Era attore di livello nazionale proprio perché incarnava la Roma più profonda, quella del popolo più autentico. Profondamente cattolico, della sua fede diceva: "È bello credere, e non si crede facendo tanti ragionamenti: io sono cristiano, la vita mi ha sempre più convinto che il cristianesimo è vero".

    • LA STORIA INSEGNA

    Il libro di Gulisano sulle pandemie sfata molti miti

    Questo libro, oggi riaggiornato dall’Autore, ripercorre la lunga battaglia che l’uomo combatte da secoli contro le malattie contagiose, le pesti di ieri e i virus misteriosi di oggi, compreso il Coronavirus. Nell’Occidente contemporaneo la mortalità dovuta a malattie infettive, ossia trasmissibili, è percentualmente inferiore all’uno per cento. Di fatto si muore per malattie cronico-degenerative, come i disturbi cardiocircolatori, le malattie respiratorie, i tumori. Eppure nessun dato sulla mortalità da tumori, da infarti, da ischemie cerebrali o da incidenti del traffico è in grado di determinare il panico collettivo suscitato dalla malattia infettiva, un “nemico invisibile” che non si vede, che non si conosce. Paure arcaiche, quasi sepolte nell’inconscio, ma che oggi vengono risvegliate e manipolate dai media.

    • APPUNTI/Esercitazione 13

    La preghiera e l’inno alla Vergine nella storia letteraria

    Proponiamo un’esercitazione che può aiutare sia per la seconda parte che per la terza parte del colloquio orale.
    Consigli per la prova d'esame

    • APPUNTI PER LA MATURITÀ/13

    La prova d’esame, consigli per gli studenti

    Sono alle porte gli Esami di Stato con una formula nuova che prevede una sola prova: un colloquio orale della durata complessiva di 60 minuti. Vediamo insieme in che cosa consistono e come poter affrontare ciascuna delle cinque parti del colloquio.
    L'ESERCITAZIONE: L'inno alla Vergine nella storia letteraria

    • IL LIBRO

    Le “lezioni” di Hadjadj contro le derive della post-modernità

    Dalla piaga della pornografia all’eutanasia, dai limiti del progresso all’uso della ragione e alla testimonianza di fede dei cristiani. Il filosofo francese Fabrice Hadjadj, convertito al cattolicesimo, riflette su alcuni dei temi più caldi dell’attualità con una serie di scritti raccolti nel volume Perché dare la vita a un mortale & altre lezioni italiane (Ares).

    • LE INTERVISTE IMPOSSIBILI/4

    Lo spudorato realismo del signor Coronavirus

    Il virus si racconta confessando di essere venuto per smascherare le illusioni umane: «Sfilavate per la pace e io vi ho trasformati in bombe epidemiche. La vostra paura è l’ombra del vostro egoismo, perciò vi ho regalato l’isolamento. Amavate ridere a vuoto ed io vi ho coperto la bocca. Volevate una vita virtuale ed ora la vostra vita reale è scomparsa. Pensavate alla scienza come liberatrice, ora gli scienziati vi tengono a casa».