• BARI

    Ikea ti premia se sei gay: la discriminazione in salsa pugliese

    La multinazionale svedese mette a disposizione buoni da 5000 euro per chi si sposa all'Ikea. Unica condizione? Devi essere gay. Il Comune si affretta a sponsorizzare l'iniziativa per quella che è una discriminazione al contrario dall'alto valore ideologico. 

    • LE VEGLIE LGBT

    Omofobia, la pretesa di pregare per una imposizione

    L’adesione di vescovi alle veglie contro l’omofobia ha qualcosa di incredibile. Sia dal punto di vista dottrinale che pastorale. Il concetto di omofobia è ideologico e come si può fare una veglia contro qualcosa di ideologico? Se guardiamo poi alla realtà intorno a noi, ci chiediamo dove sia tutta questa omofobia contro la quale alcuni vescovi si sentono chiamati a presiedere veglie di preghiera. Oggi, al contrario, ad essere discriminata è l’eterosessualità.
    OMO-BENEDIZIONI, LA CONDANNA DI SCHNEIDER di Marco Tosatti
    MULLER: QUEI VESCOVI SENZA CORAGGIO
     

    • CAMPAGNE PRO LIFE NEL MIRINO

    La "guerra" per immagini che mette a nudo il totalitarismo

    Il cambio di strategia comunicativa dei movimenti pro family e pro life sta provocando la reazione liberticida del potere. A scandalizzare, dei manifesti sull'aborto di CitizenGo e ProVita, è la loro razionalità perché viviamo in un'epoca in cui la ragione è stata espulsa per nascondere la verità. Ma essa però si impone con la forza delle immagini e non con la violenza delle campagne pubblicitarie che hanno modificato la cultura. La stessa verità con la quale la Chiesa, nell'arte ha veicolato immagini in presa diretta per educare i fedeli. 
    -ABORTO COME DOGMA, IL CASO CITIZENGO di Luca Paci
    -UN MANIFESTO CHE RACCONTA LA BELLEZZA

    • LETTERA

    Bergamo Pride, la menzogna sul rispetto delle diversità

    Per capire quanto il Gay Pride sia un colossale inganno basta guardarlo per quello che è: un’occasione per etichettare le persone come “lesbiche”, “gay”, “bisessuale”, “eterosessuale”, “omosessuali”, “queer” e chi più ne ha più ne metta.

    • LIVERPOOL

    Alfie, addio con promessa: la tua luce non si spegnerà

    Grande partecipazione emotiva ai funerali di Alfie Evans nella cattedrale di Liverpool. Al termine della messa è stato ricordato tra l'altro che Alfie è diventato un eroe nazionale. Presente il console italiano. Centinaia di persone hanno salutato il corteo funebre lungo la strada verso il cimitero, come a dire: noi non ce ne andiamo perché Alfie ha appena risvegliato tante coscienze che non hanno intenzione di ritornare nel letargo. 
    - DOSSIER: LA BATTAGLIA DI ALFIE

    • PARLA LEONARD

    Eutanasia, disabili e aborto: ipocrisia sugli “imperfetti“

    «L’ipocrisia e la sfacciataggine sono il pane quotidiano del nostro tempo. Diciamo di voler abbattere le barriere architettoniche perché i disabili vanno tutelati, ma incentiviamo le diagnosi pre natale per eliminare feti malformati. Incongruenze che si riscontano anche nell'eutanasia e nell'aborto. E di fronte alle quali la Chiesa è troppo timida». Parla il vescovo-coraggio Leonard. 

    • IL CASO

    Omoeresia e riparazioni: alta tensione a Reggio

    Dopo le polemiche dell'anno scorso a Reggio Emilia si riaccende lo scontro sulla veglia per le "vittime dell'omofobia" promossa da un parroco. Nasce un comitato di preghiera per la riparazione: "Per chiedere allo Spirito Santo di illuminare e convertire le menti e i cuori di queste persone". Il parroco li attacca, ma scivola sulla castità: "Per noi preti è difficile". E indica che il vero obiettivo è colpire la dottrina. 

    • L'INTERVENTO

    "Senza un Creatore anche la politica perde speranza"

     “Senza il riferimento al Creatore, l’ordine naturale si indebolisce e poco a poco viene perso di vista”. Sono le parole dell'Arcivescovo Giampaolo Crepaldi che ha presentato in Senato il libro di Benedetto XVI Liberare la libertà. "La politica può essere ancora fonte di speranza e la fede è in grado di trasfondere anche nella vita politica un realismo cristiano. Non chiudendo gli occhi davanti alla realtà, anche nelle sue forme più crude e nel non cessare di confidare nell’aiuto di Dio, che è il Signore della storia".

    • IRLANDA

    Birra a fiumi il venerdì santo: cade l'ultimo tabù

    Quest’anno, per la prima volta dal 1927, il giorno del Venerdì Santo i pub irlandesi sono rimasti aperti. La legge del 1927 è stata abrogata, in considerazione del fatto che al giorno di digiuno e astinenza nessuno crede più. Ancora una volta Mammona ha prevalso, anche perché i turisti ci restavano male. 

    • JIHAD

    Il terrorismo in Italia esiste. Queste sono le prove viventi

    Quattordici arresti, 11 siriani e 3 marocchini, e un flusso di denaro che finiva a finanziare le attività degli jihadisti in Siria e Iraq che viene spezzato. L'ultima grande operazione contro il terrorismo in Italia dimostra l'esistenza di un'organizzazione sottovalutata per motivi politici: andava bene perché Al Nusrah combatteva Assad.

    • IL CASO

    Città violente, il problema non è la clandestinità

    Negli ultimi episodi di violenza in città, la costante è l’età degli interessati, tutti giovani maschi sui trent’anni e la futilità del loro delinquere: una protesta verbale per un comportamento maleducato, il rifiuto di una sigaretta, lo squallore dell’onanismo in pubblico. E’ la clandestinità il problema? No, visto che il masturbatore di Vicenza (nella cattedrale e durante la messa) aveva la cittadinanza. Con buona pace dello jus soli.

    • IL PICCOLO MARTIRE

    Veglie per il compleanno di Alfie: perché preghiamo

    In decine di piazze italiane oggi si reciterà il Rosario per il compleanno del piccolo Alfie Evans, nato il 9 maggio del 2016. Preghiamo che la sua vita continui a portare frutto in noi, perché Alfie è nato e non morirà mai più. Ecco i luogi e orari delle veglie e uno stralcio del discorso della veglia delle Sentinelle in Piedi per comprendere l'importanza di far memoria di questo martire.