• MEDIA E POTERE

    Retorica da regime, il vero virus che infesta il Paese

    Quante volte è cambiato il messaggio martellante dei media, senza che noi ce ne accorgessimo? La pandemia avrebbe dovuto creare una nuova normalità, poi col Pnrr è nuovo boom. Nel 2011 lo spread ha fatto cadere Berlusconi, oggi è alto ma Draghi è in sella. L'inflazione e il debito? Non sono più un problema. È retorica da regime.

    • COVID

    Mascherina, regole vecchie e nuove contraddizioni

    Non si capisce perché la mascherina sia ancora obbligatoria nei luoghi di lavoro privati. Mentre nell'amministrazione pubblica è solo raccomandata. Sul luogo di lavoro vige ancora il protocollo approvato dalle parti sociali un anno fa, quando la pandemia era ancora ben altra cosa. Il confronto con gli altri Paesi è impietoso. Non ci liberiamo più.

    • 200 EURO. E POI?

    Anche Draghi si converte alle mancette di Stato

    Anche il governo Draghi cade nella trappola dell’erogazione di sussidi a pioggia, sganciati da qualsiasi ponderazione degli effetti pro e contro, nel breve e nel lungo periodo, con una attitudine a tappare i buchi senza incidere sulle ragioni delle perdite. Il caso 200 euro. 

    • COVID E POTERE

    Mascherine, quegli obblighi infiniti che isolano l’Italia

    Solo in Italia, fatta esclusione per la Cina, continueranno fino all'estate inoltrata le misure anti-Covid. Viene meno il Green Pass, ma resta l'obbligo della mascherina per moltissime circostanze, fino alla metà di giugno. Le contraddizioni non si contano: mascherina al cinema, ma non in discoteca, per esempio. Proteste delle categorie colpite.

    • GOVERNO

    La maggioranza traballa: troppi fronti aperti

    Non è solo il tema giustizia a infiammare il dibattito nella maggioranza. Sul versante economico l’escalation sul fronte bellico turba i sonni degli italiani, che vedono affacciarsi altre limitazioni, non ultima quella di bloccare a 25 gradi la temperatura dei condizionatori, al fine di poter risparmiare sul gas. Come reagiranno gli elettori delle forze di governo a queste misure?

    • DECRESCITA INFELICE

    Le imprese falliscono e noi puntiamo sul posto statale

    Il Governo Draghi, anziché mettere un tetto ai rincari di luce e gas o varare politiche urgenti per frenare l’urto devastante che un’inflazione all’8% produrrà sui bilanci di famiglie e imprese, punta a potenziare le pubbliche amministrazioni. 

    • GOVERNO

    Elezioni anticipate. Conte e Salvini le vogliono

    Porre fine prematuramente alla legislatura avrebbe, secondo il Capitano e l’Avvocato del popolo, l’effetto di premiare i pacifisti come loro e le forze antigovernative che predicano neutralità in guerra e massima focalizzazione sul rilancio dell’economia. Conte ha il coltello dalla parte del manico perché ha ancora in mano la più folta pattuglia di parlamentari

    • L'ITALIA E LA GUERRA

    Armi all'Ucraina: una decisione legittima, ma inopportuna

    Da un punto di vista costituzionale, l'invio di armi all'Ucraina è legittimo. Ma in termini di opportunità? La reazione ad un male (aggressione ad uno Stato) non deve condurre ad un male più grande (conflitto mondiale), altrimenti la scelleratezza dell’attacco militare russo viene superata dalla scelleratezza di chi provoca un male peggiore. 

    • GOVERNO DRAGHI

    Lite sulla spesa militare: solo un gioco di Conte

    In Italia anche le cose serie a volte si trasformano in farsa. Ed è un po' quello che sta accadendo in queste ore nella discussione sulle armi. C’è chi sostiene che possa addirittura cadere il governo sul rifinanziamento dell’industria bellica, ma è solo un gioco delle parti. E l'obiettivo di Conte è soprattutto la sua leadership nel M5S. 

    • GUERRA

    Quali e quante armi l'Italia ha fornito all'Ucraina

    Benché il contenuto del decreto sia segreto, indiscrezioni giornalistiche permettono di ricostruire quali e quante armi l'Italia sta inviando all'Ucraina. Si tratta di armi che avanzavano nei nostri magazzini, o perché eccedenti, o perché tecnologicamente superate. In ogni caso, utili per combattere tank ed elicotteri. Se finissero in cattive mani?

    - BARTOLOMEO IN POLONIA di W. Redzioch

    • BERLUSCONI

    Un non-matrimonio diventa un suicidio politico

    La festa di non-matrimonio celebrata da Silvio Berlusconi a Villa Gernetto con Marta Fascina, può trasformarsi in un evento politico estremamente distruttivo per il centro-destra. Berlusconi ha infatti pubblicamente lodato Salvini ("un vero leader") e ha "dimenticato" di invitare gli esponenti di Fratelli d'Italia. E neanche i ministri del governo Draghi. Dove vuole andare il Cavaliere?

    • COVID E POTERE

    Garante europeo della privacy: Green Pass ingiustificabile

    L’obbligo di Green Pass non può più giustificarsi con la protezione della salute individuale e collettiva. Le autorità garanti europee per la privacy hanno richiamato gli Stati ad adottare misure a tutela della salute conformi alle normative vigenti in materia di riservatezza. Finito lo stato d'emergenza non sono più ammissibili deroghe.