• NON SOLO GAFFE

    Lavrov crea tensione con Israele. Cosa bolle in pentola

    Le dichiarazioni di Lavrov a Rete4 su "Il saggio popolo ebraico sostiene che i maggiori antisemiti sono proprio gli ebrei" ha fatto indignare Israele. E se fosse proprio questo lo scopo delle dichiarazioni del potente ministro degli Esteri russo? Fra Israele e Russia le relazioni non sono buone.

    • COMUNISMO CINESE

    A Shanghai in lockdown la gente protesta per fame

    Doveva durare pochi giorni: il lockdown di Shanghai sta durando da un mese. E la popolazione incomincia a protestare, non solo sui social network, ma anche esponendosi personalmente. È una protesta per fame: lo Stato non riesce a pianificare la distribuzione del cibo. La colpa è data a capri espiatori interni e soprattutto esteri.

    • FRANCIA IN DECLINO

    Houellebecq e Manent delusi e disillusi sul voto francese

    Il cattolico Pierre Manent e l'ateo Michel Houellebecq esprimono entrambi commenti molto duri sul voto delle presidenziali in Francia. Se Macron incarna l'élite ed è uomo "di una falsità assoluta" (Houellebecq), la Le Pen è "la protesta impotente" (Manent) che prende i voti dai poveri (Houellebecq). Il Paese è stanco, pronto alla ribellione.

    • GUERRA E DIPLOMAZIA

    Ucraina, Occidente autolesionista. Nasce il “fronte della trattativa”

    Mentre Russia da una parte, Usa e Ue dall’altra si sono avvitate in uno scontro senza quartiere che danneggia tutti, sta emergendo un gruppo di paesi interessati a spingere perché la guerra finisca: Turchia, Brasile e India, che temono una nuova recessione mondiale e il rafforzamento della Cina provocato dal conflitto tra i due blocchi.

     

    English Español
    • IMMIGRAZIONE

    UK: tutti contro, ma nessuno centra il problema

    La Gran Bretagna da oltre un anno progetta norme e provvedimenti per fermare l’immigrazione illegale e ha firmato un particolare accordo con il governo del Ruanda. Subito sono fioccate le critiche: dalla Francia, da Amnesty International, dall’Unhcr, l’agenzia Onu per i rifugiati. Eppure il vero problema da risolvere non è tra tutti quelli contestati.

    English
    • GERUSALEMME

    Tentativi di pace, dopo le violenze di fine Ramadan

    La Spianata delle moschee, nell'ultimo venerdì di Ramadan, è tornata ad essere il luogo di scontro tra musulmani ed ebrei. «È fondamentale che i soldati israeliani depongano le armi e che i palestinesi interrompano le azioni terroristiche», dice mons. William H. Shomali, vicario del Patriarcato di Gerusalemme. 

    • OCCIDENTE CIECO

    Afghanistan: i talebani comandano nell'indifferenza

    Discriminazioni contro le donne, instabilità e una carestia a dir poco dilagante che si è abbattuta sull'Afghanistan in seguito al ritiro statunitense e internazionale, colpendo principalmente i più piccoli. E le 11enni senza scuola. Coi Talebani al potere il Paese vive un drastico ritorno al passato, dopo il ventennio della grande illusione occidentale.

    • INTERVISTA / ALEXANDRE DEL VALLE

    Macron presidente. "Vincono la cultura woke e l'influenza islamica"

    Emmanuel Macron ha vinto il secondo mandato nel ballottaggio di domenica 24 aprile. Per il politologo Alexandre Del Valle ha contato il peso dell'appoggio dei media e del grande capitale. Conta anche una fallimentare campagna elettorale della Le Pen, troppo "normalizzata" e l'apporto decisivo degli elettori di estrema sinistra che avevano votato Mélenchon al primo turno. E conta il voto islamico. Ma se avesse vinto la Le Pen? "Sarebbe stato molto più complicato governare di quanto non lo sia stato per Trump"

    English Español
    • L'ALTRA EUROPA

    Ungheria, Polonia: il Papa le ringrazia, l'Ue le bacchetta

    Papa Francesco ha ringraziato la Polonia per il suo sforzo titanico che sta compiendo nell'accoglienza di quasi 3 milioni di profughi di guerra ucraini. Ed ha ricevuto Orban, donandogli una medaglia di San Martino, riconoscendo il suo altruismo. Ma l'Ue non aiuta i due Paesi e insiste nel volerli punire, accusandoli di violare i valori europei. 

    • IL CONFLITTO SI ALLARGA

    Ucraina, la guerra dei volontari (o mercenari) stranieri

    In Ucraina si consolida la presenza di una Legione Ucraina composta da combattenti occidentali volontari. La Russia li considera mercenari e riduce le cifre della sua composizione. Due inglesi sono stati fatti prigionieri e mostrati in Tv. Da parte russa invece, starebbero arrivando i libici e i siriani. 

    • FRANCIA

    Macron-Le Pen, un dibattito noioso. I cattolici si dividono

    Il dibattito televisivo fra i due candidati delle elezioni francesi di domenica prossima finisce per annoiare, per i suoi tecnicismi e la scarsa grinta della sfidante Le Pen. Macron, arrogante e paternalista. Cattolici divisi. La Croix si schiera con Macron e fa suoi i temi della massoneria: principi della Repubblica sopra quelli non negoziabili.

    • CONFINE MESSICANO

    Ondata di immigrati negli Usa, Biden apre le porte

    Altro disastro in arrivo per l’amministrazione Biden. Mentre l’Europa è alle prese con l’ondata di profughi dall’Ucraina, negli Usa è aumentato il flusso di arrivi di immigrati dal Messico, a livelli mai visti. E non c’è neppure una guerra. Eppure Biden vuole abolire per il 23 maggio il Titolo 42 (espulsioni rapide) introdotto da Trump. Rivolta fra i Dems.