• VATICANO

    Fatti i santi, si fa la festa alla Curia

    Riunito da ieri per la quarta volta il Consiglio degli otto cardinali consultori che aiutano il Papa nel progetto di riforma della Curia vaticana. Dopo il depotenziamento della Segreteria di Stato, tocca ora alla soppressione dei Pontifici Consigli.

    • CANONIZZAZIONE

    Speranza e gioia, il dono dei due Santi Papi

    La "grande festa della fede" del 27 aprile 2014 è stata un grande evento. Ma il suo significato è nell'omelia di Papa Francesco: necessità di riformare la Chiesa nella sua continuità.
    - Quattro Papi per la riforma nella continuità, di Massimo Introvigne
    - S
    ulla piazza i "figli spirituali" di Giovanni Paolo II, di Claudia Di Lorenzi

    • CANONIZZAZIONE

    Quattro Papi per la riforma nella continuità

    La "grande festa della fede" del 27 aprile 2014 è stata un grande evento mediatico e sociale seguito da oltre 1 miliardo di persone nel mondo. Ma il suo significato è nell'omelia di Papa Francesco: le piaghe di Cristo, la vicinanza al peccatore, la necessità di riformare la Chiesa nella sua continuità, un ritorno alle sorgenti per l’evangelizzazione di un mondo post-cristiano.

    • MAGISTERO

    La condanna di aborto ed eutanasia è una verità di fede

    Nell'enciclica Evangelium Vitae, San Giovanni Paolo II fa delle dichiarazioni solenni a difesa «del valore della vita umana e la sua inviolabilità, in riferimento alle attuali circostanze ed agli attentati che oggi la minacciano».

    • TESTIMONIANZE

    Voci da Piazza San Pietro

    «Giovanni Paolo II è stato un testimone, l’unico Papa che noi giovani abbiamo conosciuto da vicino». Giovanni XXIII: «il suo miracolo è il Concilio. Fermiamoci a pensare che cosa sarebbe la Chiesa oggi se quel Papa cosiddetto di “transizione” non ci fosse stato». «Il messaggio più forte che Papa Wojtyla ha lasciato, e che oggi ci propone anche Bergoglio, è l’invito a mettere Dio al centro della nostra vita

    • CANONIZZAZIONE

    San Giovanni XXIII, un Magistero dimenticato

    Quella di manipolare i Papi è un'abitudine antica e dura a morire. Di San Giovanni XXIII si è data un'immagine di Papa rivoluzionario, progressista e pacifista. Ma le sue encicliche contengono una coerente difesa del diritto naturale, dell'ordine naturale e l'invito a un rinnovamento spirituale al cui centro sta l'invito alla recita del santo Rosario.

    • S. GIOVANNI PAOLO II

    Il Papa della Misericordia

    Papa Giovanni Paolo II diventa santo il 27 aprile, seconda domenica di Pasqua, dunque il giorno in cui si celebra la Festa della Divina Misericordia. La Festa venne istituita nel 2000 proprio da Wojtyla, per volontà di Gesù nelle apparizioni alla santa Faustina Kowalska. Giovanni Paolo II morì proprio il giorno dei vespri alla Divina Misericordia.

    • L'INTERVISTA

    Giovanni Paolo II e la missione di Santa Faustina

    Il rettore del Santuario della Divina Misericordia: "Nel suo diario, Santa Faustina scrive che arriverà il giorno in cui il culto della Divina Misericordia prenderà il possesso di tutte le anime. Quindi il Pontificato di Giovanni Paolo II, ma anche quelli di Benedetto XVI e di Papa Francesco, portano avanti la realizzazione di questo disegno di Dio".

    • 27 APRILE

    Il giorno dei Santi della Misericordia

    Due Papi «contemplativi delle piaghe di Cristo»: così papa Francesco ha definito Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. 
    - Giovanni Paolo II, il Papa della Misericordiadi Christoph Schoenborn
    -
    Papa Wojtyla e la missione di Santa Faustina, Intervista a don Giuseppe Bart di Claudia Di Lorenzi 
    - Giovanni XXIII, un Magistero dimenticato, di Massimo Introvigne

     

    • CANONIZZAZIONE

    I due santi Pontefici uniti nella missione alle genti

    Due nuovi Santi della Chiesa, Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Come Vicari di Cristo nella Chiesa universale la loro azione era a tutto campo, in tutti i settori della vita cristiana e del rapporto con il mondo.

    • GIOVANNI PAOLO II

    L'uomo che cambiò il corso della storia

    «Il vuoto antropologico della modernità è stato riempito con la ricchezza della concezione wojtyliana della persona umana»: così Joaquin Navarro Valls, portavoce di Giovanni Paolo II per 21 anni, descrive a La Nuova Bussola Quotidiana il Papa polacco.

    • S. GIOVANNI PAOLO II

    Navarro Valls: i miei 21 anni con Papa Wojtyla

    "La politica o è riempita e motivata da una sana e solida visione dell’uomo o diventa un guscio vuoto e scomodo. O peggio ancora: una dittatura. Giovanni Paolo II aveva un’ “arma” unica in quegli anni prima della caduta del muro: predicare e insistere ancora sulla dignità trascendente della persona umana che ha il diritto di conformare il proprio futuro storico"