• ORA DI DOTTRINA / 21 - LA TRASCRIZIONE

    L’oggetto della Carità - Il testo del video

    Dio è il fine ultimo della Carità, così come è la sua stessa sorgente. In Dio stesso si amano gli altri tre oggetti della carità: il prossimo, noi stessi e il nostro corpo. La carità perfetta dunque tende a Dio e in Dio si allarga al suo prossimo.

    Español
    • ORA DI DOTTRINA / 21 - IL SUPPLEMENTO

    Marco, il Vangelo "romano", di Luisella Scrosati

    Anche gli studi di Marta Sordi e Ilaria Ramelli, che hanno lavorato su diverse fonti antiche, tra cui anche quelle meno note, portano alla conclusione che il Vangelo di Marco sia stato scritto a Roma tra il 42 e il 45, negli anni della prima permanenza a Roma di Pietro.

    • ORA DI DOTTRINA / IL VIDEO

    L’oggetto della Carità

    Dio è il fine ultimo della Carità, così come è la sua stessa sorgente. In Dio stesso si amano gli altri tre oggetti della carità: il prossimo, noi stessi e il nostro corpo. La carità perfetta dunque tende a Dio e in Dio si allarga al suo prossimo

    • ORA DI DOTTRINA / 20 - LA TRASCRIZIONE

    Il soggetto della carità - Il testo del video

    La carità risiede nella volontà, si tende a Dio in quanto Dio è il bene. Si trova nell’uomo esclusivamente per il volere di Dio, ma nell’uomo c’è una ricettività. E la carità può aumentare nell’uomo ma non per addizione, bensì in quanto si intensifica nel soggetto. E il peccato veniale non distrugge né diminuisce la carità, ma predispone alla sua perdita.

    English Español
    • ORA DI DOTTRINA / 20 - IL SUPPLEMENTO

    Pietro predicava e Marco scriveva, di Luisella Scrosati

    La datazione dell'arrivo di Pietro a Roma nel 42 (vi rimase per 25 anni) è molto importante per stabilire anche la data del vangelo di Marco, che in effetti riporta i temi della predicazione petrina. È proprio dall'incrocio tra la data dell'arrivo di Pietro e altri elementi che si trovano anche nella lettera di Paolo ai Romani che si evince che il Vangelo di Marco risale al 45 circa.

    • ORA DI DOTTRINA / IL VIDEO

    Il soggetto della Carità

    La carità risiede nella volontà, si tende a Dio in quanto Dio è il bene. Si trova nell’uomo esclusivamente per il volere di Dio, ma nell’uomo c’è una ricettività. E la carità può aumentare nell’uomo ma non per addizione, bensì in quanto si intensifica nel soggetto. E il peccato veniale non distrugge né diminuisce la carità, ma predispone alla sua perdita.

    • ORA DI DOTTRINA / 19 - LA TRASCRIZIONE

    Che cos’è la Carità - Il testo del video

    La virtù teologale della Carità è la più nobile tra le virtù, quella che tutte le altre ordina e senza la quale tutte le altre sarebbero nulla. Essa è anzitutto amicizia con Dio, virtù soprannaturale che inclina la volontà all’amore di Dio e del prossimo.

    English Español
    • ORA DI DOTTRINA / 19 - IL SUPPLEMENTO

    I vangeli sinottici scritti tra il 40 e il 54

    Lo studio di Wenham propone una nuova datazione dei vangeli sinottici che conferma quanto già tramandato dai padri. Ovvero: Matteo intorno all'anno 40, Marco al 45 e Luca al 54.

    • ORA DI DOTTRINA / 19 - IL DOCUMENTO

    Caritas in Veritate, di Vittorio Messori

    “Conoscerete la Verità e la Verità vi farà liberi”: è questa la frase del Vangelo che san Giovanni Paolo II riteneva centrale, secondo quanto testimoniato da Joaquin Navarro Valls. Interessante, perché è vero che se la verità non precede l'amore, non sappiamo neppure come e verso chi esercitarlo.

    • LEZIONE DI CATECHISMO / 19

    Che cos'è la Carità / IL VIDEO

    La virtù teologale della Carità è la più nobile tra le virtù, quella che tutte le altre ordina e senza la quale tutte le altre sarebbero nulla. Essa è anzitutto amicizia con Dio, virtù soprannaturale che inclina la volontà all’amore di Dio e del prossimo.

    • ORA DI DOTTRINA / 18 - LA TRASCRIZIONE

    I peccati contro la speranza - Il testo del video

    Disperazione della salvezza e presunzione della salvezza sono i due principali peccati contro la virtù della speranza. Lussuria, gola e avarizia portano alla disperazione; vanagloria e superbia portano a credere di poter essere perdonati senza pentimento.

    English Español
    • ORA DI DOTTRINA / 18 - IL VIDEO

    I peccati contro la speranza

    Disperazione della salvezza e presunzione della salvezza sono i due principali peccati contro la virtù della speranza. Lussuria, gola e avarizia portano alla disperazione; vanagloria e superbia portano a credere di poter essere perdonati senza pentimento.