• LA SENTENZA

    «Non serve l'atto di nascita»: via libera ai figli dei gay

    La Corte di Giustizia europea ieri ha deciso di imporre a tutti gli stati membri dell’Unione che i genitori dello stesso sesso e i loro figli devono essere riconosciuti come una famiglia in tutti gli stati membri. Lo Stato deve rilasciare al bambino una carta d'identità o un passaporto senza esigere anche un certificato di nascita. 

    • LA STORIA

    Chiara, la bimba salvata a un passo dall’aborto

    Oggi ha quasi un anno e mezzo, è battezzata, ma Chiara rischiava di non nascere. Sua madre avrebbe dovuto abortire, contro la sua volontà e su pressione dei genitori adottivi, il 17 dicembre 2019. Ma la tenacia di alcuni volontari pro vita, con l’aiuto della Provvidenza, ha fatto venire a galla la verità e stoppato la procedura abortiva, quando era già tutto pronto in sala operatoria. Alla Nuova Bussola la testimonianza diretta dei protagonisti.

    • COLPA DELL'ISEE

    Assegno unico, ma ingiusto: ci rimette chi possiede casa

    Anche il Sole 24 Ore si accorge che con l'assegno unico a rimetterci saranno le famiglie proprietarie di casa. Colpa dell'Isee, sistema nato per fornire servizi a tariffa non adatto per un progetto ambizioso di politica famigliare. Converrebbe restare in affitto. Un attacco subdolo alla proprietà privata, mentre l'Italia è ai vertici per possesso di prime case: con una mano il governo dice di aiutare le famiglie a fare figli, con l'altra le penalizza se cercano la stabilità di vita.

    • SOLDI ALLE FAMIGLIE NUMEROSE

    Assegno, detrazioni ok: il Governo evita la figuraccia

    Il Consiglio dei ministri dà il via libera ai decreti attuativi dell'Assegno unico ed evita la figuraccia rimediando all'ingiustizia delle detrazioni tolte alle famiglie numerose. Forumfamiglie esulta: «Gettate le fondamenta per una riforma strutturale delle politiche familiari». Però mancano le simulazioni reali e pesano ancora le scarse risorse, la riduzione per i maggiorenni a carico e l'iniquo calcolo dell'Isee. Famiglie Numerose soddisfatte a metà: «Ora in Parlamento i correttivi, dai nostri calcoli abbiamo ancora famiglie che ci perderanno».

     

    • PROPAGANDA DI GOVERNO

    Assegno Unico, senza detrazioni flop annunciato

    Il ministro della famiglia Bonetti va in tv a dire che con l'Assegno Unico nessuno ci perderà: ma mostra simulazioni incomplete a differenza dei dati dei centri studi che evidenziano perdite anche di 100 euro al mese a causa dell'abolizione delle detrazioni. L'allarme delle Famgilie numerose, che chiedono un correttivo come il Fattore famiglia. Il flop si ritrova anche nei dati della Uil. Eppure, il governo continua a parlare di rivoluzione. 

    • IL RINVIO

    Svelato il bluff: assegno unico povero, zoppo e in ritardo

    Il governo ritarda ancora l'entrata in vigore dell'Assegno Unico con una scusa risibile, quella dell'aggiornamento Isee. Solo Fratelli d'Italia protesta. L'Isee resta però un meccanismo ingiusto, lo conferma alla Bussola anche l'Economista Perali, che ha messo a punto un easy Isee più equo e presto adottato dalla Regione Veneto. «Con una media di 180 euro, le famiglie riceveranno una cifra inferiore al costo di ogni figlio. Se l'obiettivo è invertire il calo demografico, l'Assegno non sortirà nessun effetto». 

    • CONFRONTO AMARO

    Famiglie numerose, l’Italia le beffa. L’Ungheria le aiuta

    L’assegno unico si profila sempre più come una beffa per chi ha più figli: la denuncia arriva dall’Associazione Nazionale Famiglie Numerose, riunitasi in Lombardia e che segnala il problema dell’eliminazione delle detrazioni Irpef. Mentre il Governo Draghi procede per spot, in Ungheria si stanziano quasi 10 miliardi di euro per il 2022 in favore di famiglie e natalità.

    • EFFETTI COLLATERALI

    Giovani impazziti, sacrificati sull'altare del lockdown

    Il rapporto annuale dell'Unicef conferma quel che era già evidente in numerosi studi precedenti: un'impennata di diagnosi di disagio mentale e di suicidi fra minorenni, soprattutto in Europa. È la conseguenza diretta dei lockdown. Ed ora i governi vogliono reagire a colpi di farmaci facili e terapie, peggiorando il problema.

    • CONTRO LA FAMIGLIA

    I danni che provocherà la legge sul Gender di Macron

    In vista delle presidenziali del 2022, il presidente francese Macron sponsorizza una legge sul Gender. Nata come salvaguardia contro pratiche violente, ora ha un testo talmente generico che finirebbe per punire, potenzialmente, chiunque difenda la distinzione biologica fra uomo e donna. Esperti laici mettono in guardia sugli effetti della norma.

    • POLITICHE FAMILY FRIENDLY

    L'Ungheria vola e rimborsa 2 miliardi in tasse alle famiglie

    Il Governo Orbán, vista la ripresa economica del Paese e grazie ai 4,4 miliardi di euro sui mercati internazionali con un'emissione di obbligazioni per coprire il ritardo dei fondi Recovery, ha deciso di rimborsare circa 2 miliardi di dollari di imposte sul reddito alle famiglie sin dall'inizio del 2022 e prevede anche un grande aumento del salario minimo. 

    • SEGNALI INQUIETANTI

    Boom di bambole gonfiabili bambine, pedofilia di massa

    In Australia la polizia di frontiera ha bloccato l'importazione illegale di una bambola gonfiabile, per uso sessuale, che riproduce il corpo di una bambina. Al di là del caso singolo, l'aumento della vendita di questi strumenti è spia di un fenomeno più grave. Il boom di una vera pedofilia di massa. Questo in Australia. Ma da noi?

    • PAESE PERDUTO

    L'Afghanistan che resta: tribalismo in veste islamica

    I Talebani possono anche consentire alle donne di studiare: saranno i loro mariti, nei matrimoni combinati, a vietarlo. Possono anche non imporre il burqa per legge: saranno le famiglie ad esigerlo. E possono evitare di reintrodurre la lapidazione per le adultere: saranno i famigliari a uccidere. Sono tradizioni arcaiche, tribali, che l'islam ha rafforzato.

    English Español