• LA MORTE DELLO PSICOLOGO

    A Dio Gobbi, coraggioso testimone dei nostri giorni

    La morte a 83 di Gilberto Gobbi, psicologo e sessuologo cattolico. Un testimone dei nostri tempi che ha affrontato i temi caldi del dibattito culturale: la convivenza, il gender, l’omosessualità, la pornografia, la masturbazione. Proprio il suo coraggio lo ha portato ad affrontare un procedimento disciplinare davanti all’Ordine degli Psicologi per affermazioni «scomode» sul gender. 

    • TRANS PENTITI/1

    Sottoposti da bimbi al "cambio di sesso" ora denunciano l'inganno

    «Rivoglio la mia voce da femmina; i medici non mi diedero altra possibilità; ai bambini bisognerebbe impedire un trattamento simile; gli ormoni hanno danneggiato la mia salute; ridatemi le mie ovaie». Li chiamano "detransitioners" per indicare la volontà di ritornare a vivere in accordo al sesso di nascita dopo essersi sottoposti a trattamenti per apparire di quello opposto. Non hanno ancora troppa voce ma cominciano a parlare davanti ai parlamenti statali, usano YouTube e denunciano le cliniche che da bambini assecondarono la loro confusione.

    • LA PARITA' MANCATA

    Chiude il Colonna, le paritarie muoiono nel silenzio di Stato

    Dopo 120 anni lo storico istituto delle Figlie del Cuore di Maria di Milano chiude i battenti per l'impossibilità di andare avanti. Ormai siamo al collasso: ogni anno chiudono 400 scuole paritarie. Si sta realizzando l’ambizione statalista: una scuola pubblica statale per tutti, costosissima e inefficiente, e una scuola pubblica paritaria dalle rette over 7.000 euro annui; una scuola unica e di regime per tutti e una scuola privata dei ricchi per i ricchi. Ecco servita l’ingiustizia: il ricco sceglie e il povero si accontenta. Ecco perché bisogna subito attivare la commissione di studio per il costo standard.

    • LA LETTERA

    Progetto Gaia, se alle elementari entra il neopaganesimo

    In un istituto comprensivo di Caravaggio sono stati proposti dei corsi di “bioenergetica” e yoga a bambini della scuola dell’infanzia, e il cosiddetto Progetto Gaia per le elementari, all’insegna di un’«evoluzione spirituale unitaria e transreligiosa». Alcuni genitori protestano allarmati. Perché fare entrare a scuola proposte che non riguardano la didattica e che richiamano pratiche neopagane?

    • IL BELLO DELLA SCUOLA/24

    Alla scuola del Natale. I grandi poeti e la nascita di Gesù

    Come si sostituisce il Natale con una generica festa della luce e della bontà umana, così dalle antologie scompaiono le poesie che i grandi poeti, italiani ed europei, hanno dedicato alla nascita di Gesù. Dunque all'evento che ha cambiato tutto. 

    • I DATI OECD

    Studenti più asini, ma al governo pensano al condom

    Lettura e matematica disastrose per gli studenti italiani. Intanto diversi esponenti dell’attuale Governo promuovono iniziative che, invece di contrastare l’ignoranza e l’indisciplina, le assecondano: dagli inviti a scioperare per l'ambiente ai condom nelle scuole. E se i maestri sono la Murgia e Saviano...

    • PADOVA

    La madrassa degli orrori, banalità della violenza

    Le madrasse sono le scuole in cui i giovani musulmani apprendono i fondamenti dell'islam. A Padova, quella gestita da due giovani imam, è balzata all'onore delle cronache per i maltrattamenti a cui erano sottoposti i piccoli allievi. Ma sbalordisce che i genitori non abbiano denunciato: il maltrattamento è per loro nell'ordine delle cose.

    • IL BELLO DELLA SCUOLA/22

    Come far diventare la valutazione un atto educativo

    La valutazione è troppo spesso trascurata, considerata come un fatto quasi meccanico. Il problema di un voto che viene percepito come ingiusto si traduce in una completa demoralizzazione dell'allievo e nel suo disinteresse per lo studio. È dunque importante, nei primi mesi, spiegare le ragioni della valutazione, con franchezza. 

    • REALTÀ IGNORATA

    Seggiolini antiabbandono, il problema è l’Occidente di oggi

    Quelle dei bambini dimenticati sono situazioni tremende, ma pensare che i dispositivi d’allarme siano la panacea è fuorviante. Le società occidentali, avendo messo da parte Dio e perso fiducia nella Provvidenza, pretendono di controllare tutto. E poi c’è il problema dei frenetici ritmi di lavoro sia per l’uomo che per la donna, di cui non viene più valorizzata la maternità. Ciascun sesso ha per natura il suo ruolo, anche se i governi ignorano la questione.

    • IL CONVEGNO

    "Scuola, riaprire il tavolo sul costo standard"

    Al convegno sulla parità scolastica di Roma passa la linea del presidente del Senato Casellati di chiedere la riapertura del tavolo di lavoro sul costo standard. 

    • "ALZARE LO SGUARDO"

    L'appello della Tamaro per affrontare l'emergenza educativa

    “Alzare lo sguardo”. Di questo hanno bisogno i ragazzi che scendono in piazza con Greta, o perdono la vita nelle discoteche. È il pressante appello di Susanna Tamaro, scelto come titolo del suo ultimo libro, una lettera scritta ad un'insegnante della scuola contemporanea, su come affrontare l'emergenza educativa.

    • INFANZIA E ABUSI

    Original play, il gioco che spaventa i genitori tedeschi

    Si chiama Original play ed è un'attività diffusa nelle scuole tedesche e austriache che consiste in una specie di lotta corpo a corpo tra bambini e educatori adulti. Per il suo ideatore serve per imparare modalità di rapporto prive di aggressività. Ma sull'iniziativa pendono le accuse gravi di veri e propri abusi dopo la segnalazione di alcuni bambini traumatizzati. La Procura di Baviera sospetta un potenziale rischio pedofilia. E gli psicologi mettono in guardia: la lotta libera coi bambini fa bene, ma devono farla solo i genitori.