• UNA PREGHIERA VIRALE

    «Eccomi!». Storia di un vero miracolo ai tempi del Covid

    Alberto è un ingegnere brianzolo che nella prima terribile ondata di Covid-19 si ammala e per ben tre volte finisce sul punto di morte, tanto che i medici arrivano a dire che nella scienza non vi è più speranza per lui. Eppure tra Cpap, shock setticemici e terapie intensive, accade qualcosa di inspiegabile che riporterà Alberto tra le braccia di sua moglie Chiara e dei suoi tre figli. Un popolo che prega giorno e notte si stringe attorno ad Alberto e un amico dal Cielo si farà presente in modo speciale...

    • MAL DI VACCINO

    Il Governo cede sui risarcimenti. Ora una legge

    Nonostante la debacle, uno dei pochi successi conseguiti dalla Lega nella conversione in legge del decreto Green pass è l'impegno del governo a riconoscere risarcimenti per danni da vaccino. Borghi alla Bussola: «Contrattazione difficile, ma ha vinto il buon senso, ora ci vuole una legge». Ma la contropoartita non deve essere l'obbligatorietà. 

    • SCONTRO SU LGBT

    L’UE vuole multare la Polonia. I giudici? Una scusa

    La Commissione Europea ha chiesto alla Corte di Giustizia di sanzionare la Polonia con una multa quotidiana fino a quando non cambierà le norme sull’indipendenza dei giudici. Una richiesta inaudita e che non si spiega alla luce dei passi concilianti dei giorni precedenti sulla questione. La vera ragione del contendere rimane la dottrina Lgbt.

    • EFFETTI AVVERSI/TESTIMONIANZE

    «Quel vaccino non si doveva fare». Il dramma di Valentina, tra emorragie e denunce

    Valentina Maccotta non doveva vaccinarsi per gli stessi vaccinatori che l'hanno esentata dalla II dose. Eppure, nonostante alcuni problemi di salute dichiarati, la commissione aveva dato il via libera alla prima dose perché «non sono note controindicazioni». E' stata tra la vita e la morte per un trombo e oggi rischia l'infertilità. «Ho denunciato Astrazeneca. I medici? Hanno lo scudo penale», dice lei alla Bussola. Intanto il legale non trova consulenti di parte: «Ne ho contattati venti: hanno paura dell'Ordine». Procura di Roma al lavoro: «Se si riconoscesse la responsabilità dell'Asl 2 di Roma, si aprirebbe il vaso di pandora delle anamnesi mancate e la vaccinazione di massa andrebbe in crisi».

    • LO STOP

    Il Garante: «Basta Grande Fratello con i droni»

    Il clima da “Grande Fratello” che si è creato a causa delle misure di contenimento del virus ha stimolato il Garante per la protezione dei dati personali a intervenire per impedire una deriva in termini di violazione della riservatezza. La leggerezza mostrata dalle autorità nell’utilizzo dei droni durante la pandemia rischia di prefigurare una situazione inquietante.

    • CHIESA STATOLATRICA

    Vaccino per i Sacramenti: scientismo che esautora Dio

    Dei fedeli si sono visti chiedere il green pass per la Santa Messa e, addirittura, il vaccino per confessarsi. Dov’è finita la “misericordia” tanto proclamata in questi anni? Con il Covid l’Onnipotente è stato messo da parte, eppure l’ideologia scientista non potrà mai cancellare ciò che di irriducibile c’è nell’uomo: la coscienza. È questa che motiva il nostro agire, compresa la scelta di vaccinarsi o meno.

    • IL ROGO A MILANO

    Quel crocifisso superstite e il "problema" della fede

    Ha commosso il racconto del chirurgo che ha perso tutto nel rogo alla torre del Moro di Milano tranne un piccolo crocifisso. L'episodio riporta al centro il tema della croce e della sofferenza. L’unica risposta è avere fede (fiducia) in quel che Cristo ha fatto e detto perché «il giusto vivrà della fede».

    • REAZIONI AVVERSE/TESTIMONIANZE

    «Noi, beffati dal vaccino e ora nel limbo senza Green pass»

    Hanno creduto nel vaccino, ma ora, dopo il danno di effetti gravi avversi, devono scontare la beffa di essere esclusi dal Green pass. Nuove storie alla Bussola. Catia di Varese: «I medici escludono sia stato il vaccino e sospettano una linfoadenopatia preesistente, ma io sono sempre stata bene, ora ho il terrore della seconda dose e mi hanno messo in un limbo». E se il vaccino avesse scatenato una infiammazione silente? Gianluca da Russi: «Il cardiologo ha imputato al vaccino l'ipertensione che non avevo mai avuto. Ma l'esenzione scadrà il 30 settembre. Che farò dopo?».
    - MAL DI VACCINO: IL DOSSIER DELLA BUSSOLA

    • LA LETTERA

    L'appello dei docenti universitari contro il Green pass

    «La “tessera verde” suddivide infatti la società italiana in cittadini di serie A, che continuano a godere dei propri diritti, e cittadini di serie B, che vedono invece compressi quei diritti fondamentali garantiti loro dalla Costituzione». Appello di 150 docenti universitari contro il lasciapassare verde. 

    • REAZIONI AVVERSE/TESTIMONIANZE

    "L'artrite dopo il vaccino: ora devo vivere lontano dai miei"

    55 anni, di Lucca, dipendente pubblica e vaccinata più che convinta l'8 di giugno. Ma in poco più di un mese la vita di Giovanna Tonelli è peggiorata drasticamente: "Dolori a polsi e gambe, mi è stata diagnosticata un'artrite, non riesco a fare le scale e mi tocca vivere lontano da mia figlia e mio marito". La storia - l'ennesima - di reazione avversa grave post vaccino: "Ho paura che diventi cronica, ma nessuno sa dirci nulla. E ho già speso mille euro tra visite ed esami". 
    - IL DOSSIER DELLA BUSSOLA: MAL DI VACCINO

    - "NOI, INSEGNANTI DI RELIGIONE, UMILIATE DAL GREEN PASS"

    - VACCINO, DRAGHI SDOGANA L'OBBLIGO di Ruben Razzante

     

    • GRIDA MANZONIANE

    Meglio morti che senza Green Pass

    Se i vigili del fuoco non hanno il Green Pass, non possono prendere l’elicottero. Muoia pure chi ha urgente bisogno di aiuto, la colpa sarà solo di chi non si vaccina o non fa il tampone per tempo. Siamo arrivati a questo? Sì, a quanto pare. È successo nel Trentino, ma non è l'unica assurdità di questi giorni. 

    • STATI UNITI

    Ci mancava il cappellano ateo (difeso da cattolici)

    Greg Epstein è il nuovo presidente dei cappellani dell’Università di Harvard. Segni particolari: ateo e autore di testi di impronta laicista. Ma l’Harvard Catholic Center e un’altra organizzazione cristiana ne difendono la nomina, relegandola a fatto marginale. Un punto di vista assurdo che si spiega con la sottomissione alla cultura dominante.