• VADEMECUM ELETTORALE

    Al voto, ma con quali princìpi? Quelli non negoziabili

    Votare per evitare i maneggi istituzionali e valutare i contenuti politici. Ma con quali princìpi? Rimane vero il criterio primario dei principi non negoziabili. L’elettore deve verificare se i partiti ammettono, oppure negano, oppure non si pronunciano nei confronti di vita, famiglia e libertà di educazione. Sinistra, Terzo polo, Centrodestra e partitini. Come orientarsi? E se nella scheda c'è un candidato invotabile, la "fedeltà" di partito non vale. Il vademecum elettorale della Bussola a un mese dalle elezioni politiche. 
    - LA NARRAZIONE PANDEMICA NELLE URNE di Andrea Zambrano

    • figliuolo e rezza al meeting

    “Viva i vaccini e Big pharma”. In scena la narrazione di regime

    «È stato il trionfo della vaccinologia, viva il profitto di Big pharma che si sposa col bene comune». Col monologo al profumo di incenso di Figliuolo e Rezza, al Meeting va in scena la narrazione pandemica di regime. Assente ogni tipo di problematica scaturita dalla campagna vaccinale, dai danneggiati dal vaccino alle vittime della vigile attesa, dalla libertà calpestata alla bugia del green pass. E la minaccia di Stato per lavorare ora diventa solo un semplice «stimolo». 

    • TRANSBUROCRAZIA

    La “carriera alias” rivela le contraddizioni del gender

    Il lavoratore transgender può anticipare la nuova identità prima ancora del cambio anagrafico: Roberta sul cartellino (o negli spogliatoi) e Roberto sui documenti. Più che tutelare della persona, se ne dimentica l’unicità.

    • TRENTO

    Morto a 24 anni. Il giudice ordina: «Indagate sul vaccino»

    Traian Calancea è morto a 24 anni nell'ottobre scorso per un'emorragia cerebrale. “Malore domestico”, per il medico intervenuto. Ma ieri il Gip di Trento ha respinto la richiesta di archiviazione della Procura e disposto indagini per appurare la correlazione tra il decesso e la vaccinazione. Il legale Renate Holzeisen alla Bussola: «Decisione che farà scuola, la Procura ha negato riscontri fondamentali anche a causa di un conflitto di interesse. Ora potremo dimostrare la correlazione e il dolo dei sanitari».

    • APPELLO DI ASCOLTAMI

    «Reazioni avverse, fuori i partiti dalla commissione»

    Le richieste del Comitato Ascoltami, che rappresenta migliaia di danneggiati: dal codice esentivo, all'ambulatorio ad hoc per chi ha avuto gravi reazioni avverse dal vaccino. E sull'ipotesi di una commissione d'inchiesta chiede indipendenza: «I controllori non siano i controllati, fuori i partiti e gli ordini dei medici, hanno condiviso tutto della campagna vaccinale».

    • GRAN BRETAGNA

    Londra, il lockdown presenta il conto: mille morti in più a settimana

    Oltre Manica negli ultimi due mesi si sono registrati 10.000 decessi in più rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Si indaga sugli effetti dei lockdown e la conseguente difficoltà per i cittadini ad accedere ai servizi di diagnosi e cura offerti dal sistema sanitario nazionale.
    - «EFFETTI AVVERSI, UNA COMMISSIONE INDIPENDENTE» di Andrea Zambrano

    • IL CASO PATERNò

    Guarisci, ti vaccini e ti danneggi: emerge la verità

    Il caso del militare di Marina Stefano Paternò, morto dopo il vaccino e su cui la Procura ha riconosciuto una correlazione tra decesso, contagio e inoculo, solleva il problema dei guariti da covid ai quali è stata fatta l'iniezione senza conoscerne gli anticorpi: «Oggi decine di studi affermano che il guarito ha un rischio di effetto avverso maggiore del 60%», denuncia alla Bussola il Coordinamento dei guariti. Sarebbe bastato un sierologico per scongiurare la maggior parte dei danneggiati da reazione avverse. Ma questo avrebbe mandato in crisi i diktat imposti dalla vaccinazione di massa di Speranza. 

    • IL CASO

    Vaiolo delle scimmie, Lancet smaschera usi e costumi gay

    L'uomo trasmette il vaiolo delle scimmie al cane. Come? Lo spiega Lancet in un articolo: due omosessuali dalla vita promiscua arrivano in ospedale. Si scopre che con il loro levriero... Ma è ancora vietato affermare che sono i rapporti omosessuali il principale veicolo di infezione del virus. I gay sono una casta intoccabile. Gli animalisti invece, stavolta rimangono zitti. 

    • DENUNCIA DEI CUBANI IN ITALIA

    «Schiavitù e abusi dietro l'operazione medici»

    «Denunciamo che queste missioni e l'accordo che si svolge in Calabria hanno chiare sfumature di illegalità confinanti o chiaramente stabilite come accordi di “schiavitù moderna”». Le associazioni di cubani residenti in Italia spiegano i motivi per cui l'operazione Cuba-Calabria è illegale e sostiene il regime castrista. 

    • LA VERITà SULL'ACCORDO

    Calabria-Cuba: l'operazione medici finanzia il regime castrista

    Dietro l'invio in Calabria di quasi 500 medici provenienti da Cuba si cela una gigantesca operazione di sostegno al regime dittatoriale castrista. La Bussola ha letto l'accordo tra il presidente forzista della Regione Calabria e l'intermediaria interamente in mano al governo de l'Avana: il 75% dei soldi erogati dalla Regione andranno al regime mentre ai medici, sui quali grava il sospetto di essere senza i necessari titoli come confermano i report di Ong specializzate, andranno appena 1200 euro in rimborsi esentasse. E anche la banca intermediaria è stata sanzionata dal governo Usa perché opera a spese del popolo cubano. 
    -ABUSI E SCHIAVITU': DENUNCIA DEI CUBANI IN ITALIA

    Español
    • L'INTERVISTA

    Effetti avversi, imputata una spike modificata e resistente

    «Dietro gli eventi avversi da vaccino c'è una spike diversa da quella virale, che non c'è in natura ma è più resistente. E rimane nel sangue anche dopo 10 mesi. Così il sistema immunitario continua a produrre anticorpi per un'immunizzazione non neutralizzante, ma che provoca gli eventi avversi». Il bioimmunologo Mauro Mantovani svela alla Bussola la sua scoperta che sarà pubblicata in ottobre: «Secondo i produttori doveva rimanere in corpo massimo 9 giorni, ora la scienza deve spiegare perché la spike da vaccino resta così tanto tempo». 

    • IL RAPPORTO DEL VIMINALE

    Frontiere colabrodo e chi arriva non scappa da guerre

    Il nuovo boom di immigrazione illegale in Italia è emerso chiaramente anche dal consueto rapporto annuale del Viminale. L'assalto alle coste italiane proviene da 4 direttrici marittime: Libia, Tunisia, Algeria e Turchia. Le nazionalità principali dei clandestini dimostrano che si tratta di migranti illegali ed economici: in nessuna delle nazioni coinvolte è attualmente in corso una guerra o vi sono carestie. Intanto il circuito dell'accoglienza continua a crescere: + 23,9% rispetto all'agosto del 2021.