Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Sant’Eliseo a cura di Ermes Dovico
la sentenza

«Speranza eseguiva gli ordini». Scaricabarile di Stato sui danneggiati

Ascolta la versione audio dell'articolo

Nelle motivazioni del Tribunale dei Ministri sull'archiviazione della denuncia contro Speranza e Aifa, non si negano effetti avversi e danneggiati, ma si dice che l'ex ministro non ha colpe perché c'era stato il via libera di Oms, Ema e Fda. Uno scaricabarile di Stato che regala l'impunità a chi ha gestito la campagna vaccinale anti-Covid.

Attualità 06_04_2024

Se c’è un principio che viene affermato nelle oltre 30 pagine di motivazione con le quali il Tribunale dei ministri archivia la denuncia del Comitato Ascoltami e del sindacato Osa Polizia contro l’ex ministro della salute Roberto Speranza, è che l’Italia ha semplicemente eseguito gli ordini che venivano dall’alto.

Chi? Il giudice di Roma cita nell’ordine l’Ema, l’Oms, l’Fda statunitense e la Commissione europea. Istituzioni, organismi o agenzie regolatorie sovranazionali che hanno dato il via libera ai vaccini prima che il Ministero della Salute e Aifa introducessero nel mercato italiano gli inoculi. Ne consegue che di ogni tipo di responsabilità su eventuali danneggiamenti a persone, non sarebbe Speranza – e in seconda battuta l’ex direttore di Aifa Nicola Magrini – che deve rispondere, ma semmai quegli organismi.

Quello che emerge, dunque, non è un’analisi degli elementi contro la tesi dei numerosi reati evidenziati dagli avvocati Angelo Di Lorenzo e Antonietta Veneziano, ma una sorta di buona fede istituzionale. Speranza ha eseguito gli ordini che venivano dall’alto e lo ha fatto nell’«esclusivo interesse del popolo italiano», si legge. Una sorta di “protocollo Norimberga” per l’ex ministro, che però stavolta fa comodo sfruttare a vantaggio delle istituzioni. Del resto, se c’erano organismi sovranazionali che avevano dato il via libera per i vaccini, che senso ha prendersela con chi, in Italia, li ha somministrati?

Il punto forse, che è assente, è un’analisi nel merito delle accuse mosse a Speranza e Magrini e giova ricordare che, oltre all’omicidio plurimo, sicuramente impegnativo da dimostrare, i denuncianti avevano elencato una sfilza di reati rientranti dentro l’accusa di falso ideologico, la maggior parte scaturiti dall’inchiesta sugli Aifaleaks di Fuori dal Coro. Omissioni nei rapporti con le Regioni che stavano via via segnalando reazioni avverse aumentate e non previste, ritardi nella classificazione dei danneggiati, aggiustamenti grafici per depotenziare la portata comunicativa degli effetti avversi, perfino l’ostinata volontà di non riportare certi dati perché «così si uccide il vaccino».

Accuse precise, circostanziate, che evidenziavano un modus operandi da parte di Aifa volto a minimizzare tutto ciò che emergeva e poteva rallentare fino a ostacolare la campagna vaccinale di massa. Non c’era bisogno di ripararsi sotto l’ombrello di Ema, Fda e Oms, come se l’Italia avesse perduto improvvisamente sovranità sanitaria e avesse delegato l’onere del controllo ad altri. Aifa che cosa ci sta a fare allora? È sua, ed era sua in quei giorni, la responsabilità del controllo sulla sicurezza. Anche se qualcuno in alto avesse detto il contrario, sarebbe stato suo compito accertarsi di quello che emergeva. Fino a prova contraria l’autorità di farmacovigilanza è assegnata dalla legge italiana prima di tutto all’Aifa e non certo all’Ema e men che meno alla Fda o all’Oms.

E questo vale anche per un altro organismo tirato in ballo, quella Commissione europea alla quale il giudice ha delegato ogni tipo di responsabilità sulle procedure di acquisto, nel capitolo di reato apposito sollevato dai denuncianti. Ebbene: proprio la Presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen oggi è sotto indagine per gli sms scambiati con il Ceo di Pfizer Albert Bourla, ma il giudice non ha ritenuto che la cosa potesse interessare anche l’Italia. Una svista, visto che le ricadute di eventuali irregolarità nell’approvvigionamento dei vaccini, se mai accertate, avrebbero avuto conseguenze anche nel nostro Paese.

Gli ordini erano questi: vaccinare. E l’Italia ha eseguito. Punto. Tutto il resto, eventi avversi, danneggiati, malori improvvisi, invalidi cresciuti a dismisura nel tempo anche a causa della mancanza di cure tempestive, non sono altro che un accidente fuori percorso. Previsto, se vogliamo, ma irrilevante. Il giudice, infatti, non nega l’esistenza di danneggiati, né entra nel merito della mole di dati forniti nell’esposto che mostrava come già durante la campagna vaccinale ci fossero evidenze di mio-pericarditi o trombosi e molte altre patologie. No, questo è un aspetto che al giudice non interessa.

Semplicemente non lo nega, anzi lo mette in conto, e non esclude che in molti casi ci sia stata un’inefficacia vaccinale, ma semplicemente dice che non è stata colpa di Speranza perché Speranza non ha fatto altro che attenersi alle disposizioni sovranazionali di Ema e Commissione europea. Un fedele esecutore, dunque, da premiare semmai, non certo da indagare.

Ma allora, la colpa di chi sarà? Di Oms e Ema? Lo Stato dovrà rivalersi su di loro per avere ragione del dolore di quei poveri cittadini che, vaccinatisi per convinzione o per costrizione, hanno riportato danni gravi alla salute? Sarebbe fantapolitica, ma anche la naturale conseguenza di un ragionamento che fa emergere uno scaricabarile istituzionale inquietante.



archiviata la denuncia

Nuovo schiaffo ai danneggiati: Speranza non sarà indagato

05_04_2024 Andrea Zambrano

Mentre la Procura europea indaga sullo scandalo Pfizergate della von der Leyen, il Tribunale dei ministri archivia la denuncia presentata dal Comitato Ascoltami per indagare Speranza su gravissimi reati a seguito degli Aifa-leaks sui vaccini anti-Covid. Gli avvocati: «Così muore la giustizia». 

l'ex ministro

Speranza bluffa: a contestarlo sono i vaccinati

21_03_2024 Andrea Zambrano

Non sono i no vax a contestare l'ex ministro Speranza tanto da fargli rinunciare alla corsa per la Regione Basilicata. Ma i danneggiati da vaccino che in questi anni ha disprezzato e che gli presentano un conto fatto di dolore e tragedie.

CLAMOROSO

Speranza e Magrini indagati: hanno taciuto gli effetti avversi del vaccino

22_11_2023 Andrea Zambrano

L'ex ministro della Salute Speranza e l'ex direttore Aifa Magrini sono indagati dalla Procura di Roma per aver taciuto gli effetti avversi da vaccino anti-Covid. Accuse pesanti: c'è anche l'omicidio plurimo. La svolta dopo l'inchiesta di Fuori dal Coro sugli Aifa leaks. Federica Angelini (del Comitato Ascoltami, tra i firmatari dell'esposto) alla Bussola: «Ora il Governo si faccia carico del nostro inferno». 

le accuse/2

«Così Aifa e Speranza alteravano i dati sui decessi da vaccino»

22_02_2024 Andrea Zambrano

Insabbiate le segnalazioni delle regioni sugli effetti avversi, manomessi i grafici sui danneggiati da vaccino. E i decessi "correlabili" diventano "indeterminati" perché generano «ansia». La 2^ puntata dell'inchiesta della Bussola con le accuse di falso ideologico a carico di Speranza e Magrini. 
1- Tutte le accuse a Speranza e Magrini
- L'ex ministro offende il danneggiato di Paolo Gulisano

IL CASO

Speranza insulta il danneggiato: leninismo disumano

22_02_2024 Paolo Gulisano

Speranza, in nome di una tesi ideologica, peraltro già smentita dai fatti, e rigidamente applicata, ha mancato di rispetto ad una persona ammalata, ad un disabile, con una disumanità indegna di uno che per qualche anno si è occupato di salute pubblica.

ESCLUSIVO/1

«Hanno taciuto su effetti avversi e efficacia»: tutte le accuse ad Aifa e Speranza

17_02_2024 Andrea Zambrano

L’ex ministro Speranza è indagato con Aifa per svariati reati. L’accusa è aver omesso i dati su fallimenti vaccinali e reazioni avverse. La Bussola ha letto in esclusiva i pesanti capi di imputazione all’ex ministro che nascono dall'inchiesta di Fuori dal Coro. E su cui il Tribunale dei ministri dovrà pronunciarsi. 
2- Così alteravano i dati sui decessi da vaccino 

la manifestazione di ascoltami

Danneggiati contro Speranza sotto gli occhi della Procura

13_01_2024 Andrea Zambrano

Oltre 300 (erano previsti in 100) al sit-in davanti alla Procura per chiedere di non archiviare l'inchiesta sui vaccini anti-Covid che vede accusati Speranza e l'ex Aifa Magrini. Sotto le finestre del procuratore sfila il dolore di invalidi e madri senza più figli che chiedono ascolto, cure e giustizia.

ricorso al tribunale dei ministri

Tutti i motivi per non archiviare l'inchiesta su Speranza e Aifa

30_12_2023 Paolo Bellavite

L'indagine sulle omissioni di Aifa e Speranza è al Tribunale dei ministri. Gli avvocati dei querelanti (Ascoltami e Osa) hanno depositato una memoria con ampia documentazione che prova la responsabilità dell'ex ministro e dei vertici Aifa nel sovrastimare i benefici e sottostimare i rischi dei vaccini.
- In Procura il sit in dei danneggiati di Andrea Zambrano

ex ministro indagato

Chi soffia per spegnere Aifa leaks e inchiesta Speranza

24_11_2023 Andrea Zambrano

La grande stampa ignora del tutto l'indagine della magistratura su Speranza. Dal Colle ai media fino ai partiti di sinistra: tutti gli ostacoli di un'inchiesta che potrebbe aprire un capitolo nuovo nel giudicare gli errori e gli orrori della campagna vaccinale.