Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Camillo de Lellis a cura di Ermes Dovico
ESCLUSIVO/1

«Hanno taciuto su effetti avversi e efficacia»: tutte le accuse ad Aifa e Speranza

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’ex ministro Speranza è indagato con Aifa per svariati reati. L’accusa è aver omesso i dati su fallimenti vaccinali e reazioni avverse. La Bussola ha letto in esclusiva i pesanti capi di imputazione all’ex ministro che nascono dall'inchiesta di Fuori dal Coro. E su cui il Tribunale dei ministri dovrà pronunciarsi. 
2- Così alteravano i dati sui decessi da vaccino 

Attualità 17_02_2024

Con il via libera definitivo della Camera alla Commissione bicamerale covid inizia una nuova fase. Le polemiche che hanno contrassegnato la votazione in aula, con le reazioni “rabbiose” dell’ex premier Giuseppe Conte e dell’ex Ministro della Salute Roberto Speranza hanno mostrato chiaramente che sulla partita dell’analisi della gestione della pandemia, i vertici di quello che fu il Governo rossogiallo hanno parecchio da temere: imposizione dei lockdown, green pass, campagna di vaccinazione di massa.

E poi ancora, l’approvvigionamento dei dispositivi di sicurezza, la gestione delle terapie intensive, le carenze croniche di organizzazione e infine lo sciagurato protocollo Tachipirina & vigile attesa. Sono tanti gli argomenti contestati, nebulosi e di forte criticità che emergeranno dall’analisi della commissione parlamentare d’inchiesta che ora dovrà procedere alla nomina dei componenti.

«PROCESSATE SPERANZA E AIFA»
A impensierire l’ex ministro della Salute, però, non è solo la Bicamerale covid. É anche l’inchiesta penale che pende a suo carico presso il Tribunale dei Ministri e che vede tra i denuncianti il Comitato Ascoltami, che riunisce la maggior parte dei danneggiati da vaccino covid, l’Associazione Operatori di Sicurezza Associati, Antonio Porto, segretario generale dell’organizzazione sindacale OSA POLIZIA, il sindacato Finanzieri Democratici SFD e Bianca Laura Granato, già senatrice della Repubblica.

La denuncia è stata sporta dopo aver raccolto un’ingente mole di materiale probatorio dal quale emergerebbero profili di inaudita gravità e condotte omissive da parte di Roberto Speranza e di Nicola Magrini, all’epoca dei fatti direttore generale di Aifa, l’agenzia del governo deputata al controllo dei farmaci.

Parte del materiale probatorio della denuncia prodotto dai legali Angelo Di Lorenzo e Antonietta Veneziano di Avvocati Liberi, proviene dalle rivelazioni choc della trasmissione di Rete 4 condotta da Mario Giordano Fuori da Coro, che ha mostrato la sistematica omissione da parte di Aifa di informazioni sugli eventi avversi e sulla inefficacia vaccinale, attraverso la pubblicazione di documentazione interna di Aifa stessa, c.d. Aifa Leaks, principalmente e-mail aziendali. Per questo motivo sono stati individuati diversi reati.

LE ACCUSE DI FALSO IDEOLOGICO
In questa inchiesta, la Bussola, che ha letto in esclusiva l’atto di denuncia sul quale ora il Tribunale dei Ministri di Roma dovrà pronunciarsi per Magrini e dovrà fare lo stesso sulla richiesta di archiviazione per Speranza, analizza i principali reati di cui i due sono accusati.

Il reato più “corposo” di cui sono accusati Magrini e Speranza è il delitto di falso ideologico (articolo 479 del Codice penale).

I legali dei denuncianti hanno raccolto una mole di segnalazioni davvero impressionante, arrivando a dimostrare che gli indagati «hanno redatto report di farmacovigilanza e comunicazioni attestanti falsamente l’efficacia e la sicurezza dei cosiddetti vaccini anti covid».

«NON STUZZICARE IL CAN CHE DORME»
In particolare, hanno omesso di informare che gli studi scientifici richiamati per giustificare la somministrazione dei farmaci vaccinali a particolari categorie fossero inesistenti. In una mail viene avvertito: «Attenzione, i pazienti fragili rientrano tra le popolazioni non studiate», ma questo non viene tenuto in considerazione e il vaccino, fin da subito, viene somministrato proprio ai pazienti fragili; oppure, dopo una diffida del Codacons sull’accesso dei dati relativi all’efficacia, Aifa scrive che non sarebbe opportuno «stuzzicare la curiosità della popolazione» e che «non deteniamo alcun dato sufficiente a rispondere».

Ma le omissioni contemplano anche il rapporto con le Regioni, alle quali era demandata la prima raccolta di dati sull’andamento della campagna vaccinale.

Ebbene: Aifa ordina loro di non pubblicare i dati della farmacovigilanza. Una mail del 19 gennaio 2021, ad esempio, proveniente dalla Regione Umbria, chiede ragguagli su come classificare ai fini della raccolta dati il fatto che molti vaccinati non sviluppassero anticorpi. La risposta di Aifa è raggelante: «Non essendo disponibili criteri di definizione di caso di fallimento vaccinale non va indicato mancanza di efficacia».

«IMPARATE A NON RISPONDERE»
Quella della mancanza di efficacia è una vera e propria spada di Damocle di Aifa. Pertanto, non solo viene dato ordine di omettere ogni tipo di rimando ad un fallimento vaccinale, ma se è il caso addirittura alterare le informazioni. Una funzionaria Aifa chiede la differenza tra fallimento vaccinale e assenza di anticorpi. Aifa risponde: «Se facciamo passare come fallimento vaccinale l’assenza di anticorpi siamo fuori dalle indicazioni EMA per questo pensavamo di far modificare togliendo fallimento vaccinale». Stesso problema avveniva in Liguria, dove la Regione segnala casi di mancanza di efficacia del vaccino Comirnaty e agli Spedali Riuniti di Brescia. Aifa impartisce il diktat: «Il progetto Vigicovid non deve essere considerato se vogliamo sopravvivere. Occorre imparare a non rispondere».

Secondo i legali Di Lorenzo e Veneziano «tali indicazioni dimostrano in maniera plastica come AIFA abbia celato ed omesso informazioni rilevanti sull’efficacia dei preparati vaccinali dei quali si è nascosta la verità scientifica e funzionale attraverso la modifica delle procedure e delle definizioni».

MANIPOLAZIONI SUI MINORI...
E che dire della manipolazione dei dati sulla vaccinazione dei minori? Durante la preparazione del sesto rapporto di vigilanza arriva in Aifa l’informazione che «su 11 segnalazioni, ben 9 bambini allattati al seno sarebbero stati male». L’informazione viene cassata con un tranchant “togliamo?”. E così hanno tolto.

L’accusa di falso ideologico si motiva anche sulla base di molti altri riscontri. Dopo un’interrogazione dell’allora deputato Gianluigi Paragone, che chiedeva riscontri sui dati disponibili per le vaccinazioni dei bambini in età 5-11 anni, Aifa non solo risponde di non averli, ma sfacciatamente precisa di essersi basata sugli studi osservazionali dell’Iss effettuati sui pazienti in dialisi e sui residenti nelle Rsa. In poche parole: il falso ideologico risiederebbe nel fatto che per giustificare le vaccinazioni pediatriche, ci si è basati non su riscontri diretti effettuati sui bambini, ma su studi che hanno coinvolto pazienti anziani (quelli delle Rsa) e malati (quelli in dialisi). Il quadro che emerge è quello di una manipolazione sistematica che tocca anche altre categorie.

...E SILENZIO SULLE GRAVIDE
Nonostante lo stesso ministero avesse emanato il 24 dicembre 2020 (dunque alla vigilia della campagna vaccinale) una circolare sul vaccino Pfizer per dire che il vaccino non poteva essere somministrato in gravidanza e in fase di allattamento perché né le donne in gravidanza né quelle in allattamento erano state studiate nei trials clinici, il 21 settembre 2021 gli indagati davano comunque il via libera alla somministrazione.

«COSI’ SI UCCIDE IL VACCINO»
Aifa era consapevole di un eccesso di mortalità cardiovascolare per il vaccino Astrazeneca, ma la bozza del report del 3 maggio 2021 riportava chiaramente di non indicare le 309 segnalazioni di decessi in prima dose e i 2011 in seconda dose. Questa consapevolezza prosegue sistematicamente tanto che, il 18 marzo 2021, il direttore Nicola Magrini comunica: «Mi sembra troppa enfasi a eventi non correlati, sono solo queste le possibilità? Così si uccide questo vaccino».

Una frase che ha destato clamore quando l’inchiesta di Marianna Canè (in foto) per Fuori dal Coro l’ha rivelata e che mostra chiaramente – secondo i denuncianti – come fosse intenzione di Magrini difendere il vaccino a tutti i costi andando oltre i dati drammatici che stavano emergendo.

Ma l’attività di occultamento dei dati sulla sicurezza che stavano emergendo già dalla prima fase della campagna vaccinale, si è manifestata anche utilizzando altri metodi, come la manipolazione dei dati disponibili e nel rifiuto di dare un riscontro alle Regioni che stavano segnalando importanti danneggiamenti e reazioni avverse gravi. Ed è proprio da questi due argomenti che proseguiremo nella prossima puntata.

1- Continua



ricorso al tribunale dei ministri

Tutti i motivi per non archiviare l'inchiesta su Speranza e Aifa

30_12_2023 Paolo Bellavite

L'indagine sulle omissioni di Aifa e Speranza è al Tribunale dei ministri. Gli avvocati dei querelanti (Ascoltami e Osa) hanno depositato una memoria con ampia documentazione che prova la responsabilità dell'ex ministro e dei vertici Aifa nel sovrastimare i benefici e sottostimare i rischi dei vaccini.
- In Procura il sit in dei danneggiati di Andrea Zambrano

ex ministro indagato

Chi soffia per spegnere Aifa leaks e inchiesta Speranza

24_11_2023 Andrea Zambrano

La grande stampa ignora del tutto l'indagine della magistratura su Speranza. Dal Colle ai media fino ai partiti di sinistra: tutti gli ostacoli di un'inchiesta che potrebbe aprire un capitolo nuovo nel giudicare gli errori e gli orrori della campagna vaccinale.

I DANNEGGIATI ALL'ATTACCO

«Denunciamo Aifa e Speranza: hanno taciuto gli effetti avversi»

16_05_2023 Andrea Zambrano

Svolta dopo la pubblicazione degli Aifa leaks: approda in Procura la battaglia del comitato Ascoltami. I danneggiati da vaccino, assieme ad altre sigle, tra cui sindacati di finanzieri e polizia, ha deciso di passare all'azione dopo la pubblicazione da parte di Fuori dal Coro dei documenti Aifa in cui si nascondevano i danni da vaccino. Denunciati Speranza e l'ex di Aifa Magrini. Molteplici i reati ipotizzati: dal falso ideologico alla corruzione. Indagherà la Procura di Roma. 

reazioni avverse nascoste

Aifa leaks, danneggiati sull'orlo di una crisi di nervi

24_03_2023 Andrea Zambrano

La rabbia dei danneggiati da vaccino per le reazioni avverse taciute nei report Aifa. La storia di Rocco, 18 anni, affetto da pericardite da oltre un anno: «Non posso fare sforzi né sport, vivo a metà, con la paura di un infarto. Che ne è stato della segnalazione che ho fatto?». Per le vittime dell'inoculo arriva anche il conto delle ricadute psicologiche: «Traumi acuiti dal non sentirsi accettati socialmente. C'è anche chi valuta la morte assistita».

nuove rivelazioni

Aifa ha nascosto anche gli effetti avversi sui lattanti

10_05_2023 Andrea Zambrano

Dai nuovi dati pubblicati da Fuori dal Coro emerge che Aifa ha nascosto gli effetti avversi sui neonati in allattamento dopo il vaccino delle mamme. Come la storia raccontata alla Bussola da Laura, la cui figlia ancora oggi convive con dolori e spasmi inspiegabili. E a decidere sui prezzi dei vaccini l'Italia ha messo il direttore di Aifa, Magrini, che aveva invece il compito di controllarli. 

NUOVO SCOOP DI FUORI DAL CORO

«Aifa taroccava i grafici sui danneggiati da vaccino»

26_04_2023 Andrea Zambrano

Aifa taroccava i grafici sulle reazioni avverse per minimizzarle. Ancora una volta è Fuori dal Coro a far emergere un dato sconcertante relativo al sistema di farmacovigilanza dell’ente governativo. Dalle carte dell'inchiesta Mediaset emerge che l'ente governativo del farmaco decise di minimizzare il corretto rapporto rischi/benefici come invece richiesto dall'Ema. E chi decideva il taroccamento oggi è il neo direttore generale. Con premesse di questo tipo si comprende perché la farmacovigilanza della campagna vaccinale sia stata un fallimento. 
- LE CAPRIOLE DI PALU' SULL'EFFICACIA DEL SIERO, di Paolo Gulisano

LO SCOOP DI FUORI DAL CORO

Aifa, fuori la verità: perché celava i danni da vaccino?

23_03_2023 Andrea Zambrano

Fuori dal coro ha svelato le mail interne di Aifa all'inizio della campagna vaccinale: sapeva dell'alto tasso di reazioni avverse segnalate dalle Regioni, ma ha deciso di non parlarne. Giordano alla Bussola: «Quadro inquietante di scienza asservita alla politica, in tanti devono dare spiegazioni, dal ministro Schillaci a Palù». 

reazioni avverse taciute

Aifa, Governo, Media: silenzio complice sui danni dei vaccini

31_03_2023 Andrea Zambrano

Il terzo scoop di Fuori dal Coro prova che Aifa ha taciuto la verità sugli effetti avversi pur sapendo dell'eccesso di morti cardiovascolari e dei rischi nell'inoculare i guariti per non «uccidere il vaccino». Ma il silenzio di oggi di agenzia del farmaco, Governo, Parlamento, Media e Procure, che pure avrebbero gli strumenti per indagare, rischia di diventare sfacciata complicità. 
- LO STATO (BIO)ETICO NEL PIANO VACCINI, di Paolo Gulisano

DAVANTI AL TAR

Vaccini non sicuri, le ammissioni Aifa sono inquietanti

06_12_2022 Luisella Scrosati

Su pressione del Tribunale Amministrativo del Lazio, l'Agenzia Italiana del Farmaco prima si contraddice e poi confessa di non poter esibire la necessaria (e obbligatoria) documentazione, cui era condizionata la vendita dei vaccini anti-Covid.