• PACE O PACIFISMO?

    A uccidere sono le ideologie, non le armi

    Uno dei pallini di questo pontificato, com’è noto, è quello delle armi. Ma come ammetteva Umberto Eco  l’eccesso di predicazione pacifista snerva, devirilizza, rende inermi “dentro”. Perché il cristiano è pacifico, non pacifista e sa che a uccidere più che le armi sono le ideologie. 

    • IL CASO TAFFO

    L'ultima frontiera del marketing: ridicolizzare la morte

    L'ultima trovata dell'agenzia funeraria Taffo, già nota per le sue pubblicità irriverenti: una canzone per l'estate, "Magari muori". Ovviamente grande successo sui social, ma si tratta di una modalità che offende chi vive un lutto. E irrita quanti svolgono lo stesso lavoro.

    • L'ATTIVISMO DI PEREGO

    Ferrara espugnata, tra gli sconfitti c'è anche il vescovo

    Dopo 70 anni Ferrara non è più rossa: la Lega espugna uno dei fortini emiliani e annienta il Pd. Tra gli sconfitti c'è anche l'arcivescovo immigrazionista Perego, che era sceso in campo platealmente per “una politIca alternativa alla Lega” flirtando col primo cittadino Pd. Ed è stato contestato dai cittadini. 

    • WEB E DIRITTI

    La persona nell'informazione digitale: il libro di Razzante

    Il Manuale di diritto dell’informazione e della comunicazione, del professor Razzante è giunto alla sua ottava edizione. Domanda essenziale in questi tempi digitali: come tutelare la persona e la sua dignità? A Milano, alla presentazione del volume, rispondono i big del mondo dei media e del diritto, fra cui Marcello Foa, presidente della Rai.

    • LO SCONTRO CON SALVINI

    Migranti e Europa, il ritorno del partito delle toghe rosse

    Lo scontro tra Salvini e i giudici sull'anagrafe per i migranti è figlio di un clima di delegittimazione e "sabotaggio" della politica portato avanti da settori di sinistra della Magistratura. Immigrazionismo, europeismo, persino Resistenza e Congresso delle famiglie di Verona: ormai le correnti di Sinistra dei giudici sono diventate dei partiti politici.

    • LA CONSULTA

    La prostituzione è contro la libertà della persona

    La motivazione dell'ultima sentenza della Corte Costituzionale sulla prostituzione è molto sana. "Vendere sesso" non è mai un atto pienamente volontario, ma determinata da fattori che limitano la libertà di autodeterminazione. Ma, come mostra il rapporto della fondazione Scelles sulla prostituzione in Europa, la situazione è allarmante

    • LO STUDIO

    Anche la sociologia conferma che gli atei non esistono

    Un rapporto di 24 pagine a cura di quattro ricercatori su un campione di 6600 atei o agnostici dimostra che una credenza soprannaturale è presente. La prova che la religione è un bisogno antropologico. 

    • PARADOSSI

    Se all'Università Cattolica sbarca il collettivo Lgbt

    Nell'ateneo fondato da padre Agostino Gemelli è nata un'associazione studentesca che chiede di essere riconosciuta ufficialmente dal rettore, con annessi finanziamenti per le proprie iniziative. Il suo nome? LGBCatT, una sigla che assomiglia a un ossimoro. Il nuovo collettivo arcobaleno veicola infatti l'ideologia da gay pride, incompatibile con il cattolicesimo e che già san Giovanni Paolo II definiva "un'offesa ai valori cristiani".

    • IL CASO

    Trenta, un ministro inadeguato per la Difesa

    Non ha esperienza militare, umilia le Forze Armate contringendole a improbabili comunicati a suo favore, non decide sulla pianificazione e sugli investimenti militari e si distingue per "uscite" al suon di peace and love. L'inadeguatezza del ministro della Difesa Trenta è ormai un caso.  

    • LA PROPOSTA

    Le aziende pro pensiero unico? Boicottiamole

    Molte grandi marche si fanno oggi veicolo del politicamente corretto, ultima la Gillette con lo spot in cui una donna "diventata" uomo impara a farsi la barba. C'è poi la Mercedes che mostra un padre vestito con un tulle azzurro, Gucci con i suoi abiti pro aborto, la Barilla che si piega al diktat Lgbt, eccetera. Come può rispondere un cristiano nel suo piccolo? Comprando altre marche.

    • L'ONORIFICENZA

    Premio a Dachan, un privilegio per l'islam estremista

    Mentre il mondo arabo combatte per liberarsi dai Fratelli Musulmani e gli Stati Uniti si accingono a designarli come organizzazione terroristica, in Italia gli esponenti della Fratellanza hanno ricevuto premi e riconoscimenti dal Capo dello Stato. Come è il caso di Asmae Dachan, figlia del fondatore dell'Ucoii e membro del ramo siriano dei "Fratelli" premiato al Merito ieri durante la festa della Repubblica. Presunti meriti giornalistici tesi a oscurare la dimensione religiosa e culturale da cui Dachan proviene e che la cerimonia di ieri al Quirinale mostra di scegliere come interlocutore privilegiato. Con una sponda Pd-Avvenire davvero curiosa. 

    • PROFUMO DI SANTITA'

    La bimba eucaristica che amava cantare alla Madonna

    Spesso la si sentiva conversare con il suo Angelo custode, che diceva di vedere proprio come la sua amata Madonnina. Quando riceve Gesù Eucaristia, a soli sei anni, se ne innamora a tal punto che insiste ed ottiene di poter fare la Comunione ogni giorno. La attendeva con ansia e si spazientiva se il sacerdote tardava: era il suo unico lamento. Laura Degan, salita al Cielo bambina, ci insegna che se non siamo ancora nella Gioia è solo perché non ci lasciamo amare totalmente da quel Dio che tutto può.