• EX URSS

    L'Ucraina in fiamme rischia la disintegrazione

    Sono scoppiati i più gravi disordini a Kiev dall'inizio della protesta contro Yanukovich: 26 morti. I paracadutisti arrivano nella capitale. Il capo di stato maggiore viene licenziato. E dalle province più irrequiete arrivano segnali di secessione. Lviv disconosce il governo di Kiev e la Russia preme per l'autonomia delle regioni orientali.

    Voci ucraine in Italia

    • MAIDAN

    Voci ucraine in Italia

    Il sit-in di protesta di fronte al consolato di Milano

    • BOLIVARISMO

    Venezuela, rivolta popolare contro il populismo

    Da una settimana, nel relativo disinteresse dei media, studenti e oppositori venezuelani sono in piazza contro il malgoverno populista di Nicolas Maduro, il presidente erede di Hugo Chavez. L'economia è in rovina e la popolazione si spacca in due.

    • CONTINENTE NERO

    Cristiani ancora massacrati in Nigeria

    Boko Haram, il movimento radicale islamico nigeriano, mette a segno i più gravi attacchi contro la popolazione cristiana dall'inizio dell'anno. Nei villaggi di Izghe e Baga, i civili sono stati rastrellati e massacrati.

    • GINEVRA2

    Siria, cronaca di un fallimento annunciato

    Fallito Ginevra 2, il secondo negoziato per la pace in Siria, l'inviato dell'Onu Brahimi chiede scusa al popolo siriano. Ma la teatralità non serve. Servono le uniche condizioni per la pace: Arabia Saudita e Iran trovino un accordo.

    • ELEZIONI

    India, il pericolo che vincano gli estremisti del Bjp

    In queste prossime elezioni nazionali in India, è concreto il rischio che vinca il Bjp, partito nazionalista indù che difende il sistema di caste e aggredisce le minoranze religiose. E la questione dei nostri marò si complica.

    • EX URSS

    Ucraina, ortodossi uniti e in piazza

    La protesta in Ucraina contro il governo filo-russo si sta intensificando e oggi si prevedono violente manifestazioni a Kiev. La Chiesa ortodossa, divisa da 22 anni fra il Patriarcato di Mosca e quello di Kiev, ritrova la sua unità, scendendo in piazza.

    • MISSIONE

    Lettera dal Centrafrica: "Dio Sa" se la guerra finisce

    Dal 5 dicembre scorso, il Carmel di Bangui si è trasformato in un grande campo profughi. E tuttora svolge questa funzione, fra nuovi arrivi di orfani e violenze nelle province, speranze quotidiane e nuovi leader dai nomi profetici.

    • MEDIO ORIENTE

    Egitto, gli Usa scricchiolano, la Russia arriva

    Putin dà il suo pubblico sostegno al generale Al Sisi, nuovo uomo forte dell'Egitto e probabile futuro presidente. E promette forniture di armi. Obama sta pagando l'errore di aver appoggiato Morsi e i Fratelli Musulmani.

    • GUERRA INFINITA

    L'Afghanistan pensa al dopo Karzai

    "Chiunque sarà meglio di Karzai": gli Stati Uniti aspettano le prossime elezioni in Afghanistan sperando nella vittoria di un presidente a loro più vicino. Karzai non si fida di Obama e non firma l'accordo sulla sicurezza.

    • ASIA

    Malesia, escalation contro i cristiani

    Malesia: prima vietano ai cristiani di pronunciare la parola "Allah", poi sequestano le Bibbie, infine arrestano Lawrence Andrew, direttore del settimanale cattolico di riferimento. E i vandalismi crescono contro chiese e cimiteri.

    • TAIWAN-CINA

    Le due "Cine" si avvicinano

    Primo contatto formale fra due rappresentanti dei governi di Pechino e Taipei. Si tratta di una svolta storica (anche se limitata) considerando che le due "Cine" non si parlano dal 1949, ciascuna considerandosi unica legittima Cina.