Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Liduina a cura di Ermes Dovico

Ursula von der leyen


Pfizergate, l'indagine europea inguaia la von der Leyen
il caso

Pfizergate, l'indagine europea inguaia la von der Leyen

La notizia che la Procura europea sta indagando sul caso Pfizergate ripropone il ruolo della presidente uscente della Commissione, Ursula von der Leyen, incautamente candidata dal PPE alla guida della prossima Commissione europea, sul contratto di oltre 20 miliardi di euro sottoscritto e ampiamente pagato a Pfizer.


Regolare il web in UE: un pretesto per imbavagliare
chi controlla i controllori?

Regolare il web in UE: un pretesto per imbavagliare

A garantire il rispetto delle misure sui contenuti online sarà un gruppo irlandese pieno di sostenitori dell’aborto e del gender. Che giocherà un ruolo chiave in vista delle elezioni europee.


La ricandidatura di von der Leyen, con l’appoggio di Soros
COMMISSIONE EUROPEA

La ricandidatura di von der Leyen, con l’appoggio di Soros

Prima ancora di ricevere il sostegno ufficiale del suo partito, Ursula von der Leyen ha incassato in una cena di gala il deciso sostegno di Alex Soros. Segno che l’intento della presidente della Commissione europea è proseguire la guerra ai valori cristiani.


L’Europa, l’anello debole del nuovo sistema multipolare
CRISI DI UN CONTINENTE

L’Europa, l’anello debole del nuovo sistema multipolare

Il dirigismo e l’ambientalismo rendono l’UE sempre meno competitiva, in un quadro economico-militare sempre più multipolare. Intanto i rapporti tra Europa e USA sono altalenanti. Urge un’azione diplomatica di ampio respiro, ma Biden e von der Leyen la ostacolano.
- I russi vincono e offrono negoziati alle loro condizioni, di Gianandrea Gaiani


La rivolta degli agricoltori arriva nella capitale dell'Ue
BRUXELLES

La rivolta degli agricoltori arriva nella capitale dell'Ue

Stavolta gli agricoltori hanno portato la loro protesta fin nel cuore dell'Ue, a Bruxelles. Le politiche ecologiste hanno fatto scoppiare la loro collera. Qualcuno li ascolta?


Golpe mediatico e attacco alla Costituzione, l’inizio del governo Tusk
Polonia

Golpe mediatico e attacco alla Costituzione, l’inizio del governo Tusk

Il nuovo esecutivo polacco manda la polizia nella sede di TVP Info per cacciarne i dirigenti. Ferita una parlamentare dell’opposizione. Un fatto gravissimo che richiama i tempi di Jaruzelski. Ma Tusk, da europeista, ha le spalle coperte da UE e mainstream.


Polonia e Spagna: la sinistra pone condizioni anche se perde
democrazia a senso unico

Polonia e Spagna: la sinistra pone condizioni anche se perde

La schizofrenia di tutto l'apparato politico, istituzionale e massmediatico gauchiste si manifesta ogni volta che partiti e coalizioni alternative "rischiano" di andare al governo. Chi si mette di traverso va eliminato.


Medio Oriente, Kosovo e Armenia: il ruolo dell’Ue è insignificante
CRISI E DIPLOMAZIA

Medio Oriente, Kosovo e Armenia: il ruolo dell’Ue è insignificante

I vertici dell’Unione europa – in particolare von der Leyen, Borrell e Michel – si stanno confermando inadeguati al loro ruolo. Vedi la confusione mostrata fin qui nelle crisi riguardanti il Medio Oriente, il Kosovo e l’Armenia.


La sfida tra Lega e Fratelli d’Italia si gioca sull’autonomia
equilibri interni

La sfida tra Lega e Fratelli d’Italia si gioca sull’autonomia

Salvini a Pontida con Le Pen e Meloni a Lampedusa con von der Leyen.  L'opposizione enfatizza il contrasto, ma una competizione c'è ed è destinata a crescere in vista del voto primaverile.


La questione climatica è un affare per i governi africani
pecunia non olet

La questione climatica è un affare per i governi africani

Primo vertice africano sul clima: un problema da trasformare in «una fonte di opportunità economiche multimiliardarie», secondo il Presidente kenyano. Nessun cenno ai veri problemi del continente, che non sono le emissioni.


Ultima occasione per fermare il delirio "green" dell'Ue
ECOLOGISMO

Ultima occasione per fermare il delirio "green" dell'Ue

Combattere contro il cambiamento climatico a costo di distruggere l’economia. Questo è il rischio ideologico dietro il Green Deal, con annessa caccia alle streghe dei “negazionisti”. Il parlamento di Strasburgo può bocciarlo.


Il "mondo verde"? Se lo godranno solo i miliardari
COP 27

Il "mondo verde"? Se lo godranno solo i miliardari

Alla Conferenza internazionale sui Cambiamenti Climatici, si continua a perseguire politiche tese ad affossare i paesi sviluppati, ritenuti colpevoli di mai provate catastrofi climatiche. E sono gli stessi leader occidentali – la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen in testa – ad avallare questo approccio suicida. Intanto si scopre che i vandalismi contro le opere d'arte e i blocchi stradali sono lautamente finanziati da ricchi miliardari che vogliono "salvare" la Terra.
- VIDEO: MELONI E IL CLIMA, IDEE ANCORA CONFUSE, di Riccardo Cascioli