Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Lutgarda a cura di Ermes Dovico

Pakistan


Pakistan, congelati gli aiuti americani. E adesso?
JIHAD

Pakistan, congelati gli aiuti americani. E adesso?

“Il Pakistan ha fatto il doppio gioco per anni”, ha dichiarato l’ambasciatrice statunitense all’Onu, Nikki Haley. E così ha confermato il congelamento degli aiuti militari al Pakistan, il paese di prima linea nella lunga guerra in Afghanistan. Come sarà influenzata da questa mossa la lotta contro il terrorismo jihadista?


Pakistan, strage di cristiani. Una minoranza assediata
PERSECUZIONI NELL'AVVENTO

Pakistan, strage di cristiani. Una minoranza assediata

La terza domenica dell’Avvento in Paskistan è stata funestata da un attacco a una chiesa che ha causato nove morti e decine di feriti. È successo a Quetta, quando quattro attentatori suicidi hanno raggiunto la chiesa metodista Bethel Memorial. Fermati dalla polizia, hanno comunque provocato una strage. 


Pakistan: assolto il pastore accusato di blasfemia
LA "LEGGE NERA"

Pakistan: assolto il pastore accusato di blasfemia

Babu Shahbaz, accusato di blasfemia e in carcere da quasi un anno è stato assolto il 6 dicembre dall’Alta corte di Lahore. Ma resta in pericolo di vita a causa delle minacce e delle possibili ritorsioni da parte degli estremisti.


Asia Bibi: nuova udienza e nuove minacce
BLASFEMIA

Asia Bibi: nuova udienza e nuove minacce

Una nuova udienza ha indotto i gruppi islamici radicali ad organizzare manifestazioni per chiedere l’esecuzione della sentenza. Nei loro sermoni gli imam vicini ai gruppi radicali hanno minacciato azioni violente contro i familiari del ministro delle giustizia nel caso di assoluzione.


Un premio Sakharov simbolico per Asia Bibi
LA PROPOSTA

Un premio Sakharov simbolico per Asia Bibi

L'Ecr, il gruppo guidato dai conservatori britannici nel Parlamento Europeo, propone Asia Bibi come candidata del Premio Sakharov per la libertà di espressione. Sarebbe un riconoscimento alla sua sofferenza e a quella degli altri cristiani perseguitati in Pakistan.


Blasfemia: condannato per un messaggio su Whatsapp
INGIUSTIZIA IN PAKISTAN

Blasfemia: condannato per un messaggio su Whatsapp

Un'altra sentenza, questa volta pronunciata in carcere, contro un giovane cristiano dimostra la barbarie di una legge che obbedisce al potere del popolo islamista.


Morire a 17 anni per Gesù si può: ma in Occidente?
PERSEGUITATI PER LA FEDE

Morire a 17 anni per Gesù si può: ma in Occidente?

Insultato e umiliato per giorni dai compagni musulmani il giovane Sharoon Mashi non ha abiurato ed è stato ucciso a colpi di bastone. Tutto questo mentre i cristiani in Occidente temono di professare il Vangelo se gli costa un pizzico di reputazione. Questo martirio ci ricorda invece la meta e che cosa sia l'amore.