• COMUNISMO

    Il compromesso al ribasso sul petrolio del Venezuela

    Il presidente Joe Biden ha autorizzato l'italiana Eni e la spagnola Repsol a inviare petrolio dal Venezuela in Europa. In teoria è uno dei modi per sostituire il petrolio russo. Ma si tratta di un compromesso inutile, non solo perché si sdogana un regime comunista che si è macchiato di crimini orrendi, ma anche un partner della Russia e dell'Iran.

    • VENEZUELA, IRAN, CINA

    Gli Usa scendono a compromessi per isolare la Russia

    L’amministrazione Biden ha annunciato il boicottaggio petrolifero della Russia, assieme al Regno Unito. Ma si sta preparando a scendere a compromessi con regimi ostili produttori di petrolio, quali il Venezuela e l'Iran. E probabilmente anche con la Cina si prepara una fase di distensione. Ne vale la pena?

    - UNA PROFEZIA POLACCA SULLA RUSSIA di W. Redzioch

    • MISERIA DI REGIME

    Il bolivar digitale non ferma l'inflazione in Venezuela

    È entrata in vigore la nuova riconversione monetaria in Venezuela, con la quale il regime di Nicolás Maduro ha tolto sei zeri alla moneta per cercare di semplificare le transazioni. Le transizioni sono solo digitali, perché la banca centrale non può permettersi di stampare altre banconote. E i venezuelani hanno un potere d'acquisto sempre inferiore.

    • SOLIDARIETà STRABICA

    L'Onu aiuta le scuole in Venezuela. Ma sono chiuse

    L'agenzia Onu World Food Program ha lanciato un programma di finanziamento delle mense scolastiche del Venezuela. Piccolo problema: da un anno non ci sono più scuole. Il regime venezuelano si giustifica con le misure anti-Covid, in realtà mancano i soldi. Anche solo quelli per permettere a insegnanti e studenti di raggiungerle.

    • FINZIONE AL POTERE

    Di come Maduro ha ucciso la democrazia venezuelana

    Al di là delle svolte legali e degli atti simbolici, il regime mantiene ancora in ostaggio il popolo: non ci sono più spazi politici da conquistare democraticamente. Come previsto dal dittatore, il 5 gennaio si è insediato un nuovo Parlamento chavista, mentre la Corte Suprema (i cui membri sono stati scelti da Maduro) ha dichiarato nullo il documento approvato dal Parlamento di opposizione per prorogarne il suo mandato.

    • SCENARI

    Socialisti uniti per destabilizzare l'America Latina

    Forum di San Paolo e Gruppo di Puebla: da Cuba e Venezuela arriva la spinta a unire tutti i movimenti socialisti e rivoluzionari dell'America Latina per pilotare le proteste nei paesi guidati da governi di centrodestra, accusati di imperialismo. Cile, Ecuador, Colombia e Perù i Paesi che hanno già denunciato infiltrazioni dall'estero. La soddisfazione di Maduro: «Finora raggiunti tutti gli obiettivi».

    • DIPLOMAZIA

    Gli italiani in Venezuela restano senza ambasciatore

    L'avvicendamento alla sede diplomatica di Caracas diventa un caso: per non riconoscere il governo decaduto di Maduro, Roma invia soltanto un incaricato d'affari, ma la numerosa comunità italiana in Venezuela è preoccupata e protesta.

    • POPULISMO

    Fuga dal Venezuela, la peggior crisi migratoria

    Circa 2,3 milioni di venezuelani hanno lasciato il loro paese. E' crisi in Brasile, perché lo Stato del Roraima, dove arrivano in massa, non riesce a reggere il peso. E anche il Perù e l'Ecuador iniziano a rendere più difficile il passaggio della frontiera. Ma perché scappano in massa? Fuggono da Maduro e dalle sue politiche economiche suicide.

    • RINNOVO DELLA CEV

    Vescovi venezuelani, pastori di un gregge affamato

    Rinnovate le cariche direttive della Conferenza Episcopale Venezuelana. Dopo il "Natale più triste", il nuovo presidente, monsignor José Luis Azuaje Ayala (presidente della Caritas America Latina) si prepara ad anni difficili. Nel paese, il "Socialismo del XXI Secolo" è fallito e la gente muore di fame, malasanità e malattie.

    • POPULISMO CRIMINALE

    Le donne nel Venezuela, fra terrore e impunità

    Violenza contro le donne: nel Venezuela socialista è un fenomeno macroscopico. Secondo la Ong Gama, ogni 100 donne, 99 hanno subito una qualche forma di violenza, psicologica o fisica. Le donne uccise nell'ultimo anno sono il doppio di quelle uccise in Italia. E questo in un paese dove i reati sono quasi sempre impuniti.