• Il PAPA IN CANADA

    Un pellegrinaggio penitenziale (anche per Trudeau)

    Il pellegrinaggio penitenziale di Papa Francesco all'insegna del mea culpa verso le popolazioni indigene non è andato come si aspettavano i progressisti. Il Papa ha chiesto scusa per gli errori di “diverse istituzioni cattoliche locali” e non dell’intera Chiesa cattolica come loro pretendevano. E il monito papale sulla cancel culture di certo non sarà gradito a Trudeau.

    • LA POSTA IN GIOCO

    Green pass, il passepartout del transumanesimo

    L’intelligenza artificiale fa passi da gigante ma molti, compreso un documento dell’Unesco, mettono in guardia dai suoi potenziali sviluppi. Tra loro il fisico Philippe Guillemant che spiega il legame tra libretti digitali di vaccinazione, tracciamento, perdita della libertà e transumanesimo. La repressione di Trudeau e le parole del ministro Speranza sul green pass confermano il pericolo.

    • COVID E POTERE

    Canada, contro i camionisti sono manganelli antirazzisti

    Scene di guerriglia urbana, ad Ottawa, capitale del Canada, per tutto il fine settimana: venerdì la polizia ha iniziato a sgomberare con la forza la protesta del Freedom Convoy. A tutti pare normale, ma normale non è. La reazione delle autorità è sproporzionata. La causa di tanta violenza è ideologica. 

    • CONTRO IL GREEN PASS

    Freedom Convoy, le autorità passano alle maniere forti

    Canada, giunti alla terza settimana di protesta dei camionisti contro l’obbligo vaccinale, il premier Justin Trudeau ha deciso di passare alle maniere forti. Vuole imporre lo stato d'emergenza, che sospende i diritti civili per ripristinare l'ordine. In Europa, in compenso, la repressione è preventiva. Parigi e Bruxelles sono blindate dalla polizia.

    • VACCINISMO

    I clacson della rivolta. I camionisti canadesi aprono la strada alla libertà vaccinale

    Se anche non è la più grande, è finora la più vistosa e rumorosa delle proteste contro l’obbligo di vaccino: è il Freedom Convoy, la protesta itinerante dei camionisti canadesi (e statunitensi solidali) che ha pacificamente invaso il Canada per poi “assediare” Ottawa, la capitale, lo scorso fine settimana. La protesta vanta già alcuni tentativi di imitazione all’estero, prima di tutto in Olanda e in Francia.

    - IN REGOLA COL GREEN PASS MA SOSPESA di Andrea Zambrano

    - UN'ALTRA SERIE DI RESTRIZIONI DA SUBIRE di Ruben Razzante

    • CANADA

    Lgbt per forza e censura online, è il regime di Trudeau

    Approvati dalla Camera canadese due disegni di legge, ora attesi all’esame del Senato, che minacciano la libertà. Il Bill C-6 intende bandire le “terapie riparative” e prevede pene fino a cinque anni di carcere per chi aiuta le persone confuse sulla propria identità sessuale. Il Bill C-10 getta le basi per una pesante censura online.

    • LIBERO COMMERCIO IN AMERICA

    Il Nafta è morto. Lunga vita al ... Nafta. Nasce l'Usmca

    Raggiunto, dai governi, il nuovo accordo di libero scambio nel Nord America. Stipulato per la prima volta nel 1994 con il nome di Nafta, ora rinasce come Usmca (Us-Mexico-Canada Agreement) e i parlamenti dovranno ratificarlo entro il 30 novembre. Il protezionismo di Trump? Solo un espediente, per ottenere un mercato più libero.

    • ELEZIONI IN AUSTRIA

    Sebastian Kurz, volto del giovanilismo controcorrente

    In Austria ha vinto il Partito Popolare guidato da Sebastian Kurz. L’Europa centrale svolta a destra a causa dell'immigrazione. Kurz ha vinto per il suo programma anti-immigrati e si appresta a diventare il capo di governo più giovane d'Europa (31 anni). Ma proprio il giovanilismo può essere un punto debole.