Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Bonaventura a cura di Ermes Dovico

Ellaone

USA, la battaglia del farmacista per l’obiezione di coscienza
A PROCESSO

USA, la battaglia del farmacista per l’obiezione di coscienza

Giunta in Appello la causa a danno di George Badeaux, farmacista del Minnesota, contrario a vendere “contraccettivi d’emergenza” potenzialmente abortivi. E in Italia la libertà di coscienza dei farmacisti è messa perfino peggio.


«Farmacisti, fate obiezione: non vendete prodotti abortivi»
L’APPELLO

«Farmacisti, fate obiezione: non vendete prodotti abortivi»

Dietro alla cosiddetta “contraccezione d’emergenza” si nascondono farmaci con potenziali effetti abortivi, come dimostrano gli studi sperimentali. È perciò un dovere morale esercitare l’obiezione di coscienza e rifiutarsi di vendere quei farmaci: l’appello di Iustitia et Pax, Cultura Cattolica e Osservatorio van Thuân.


EllaOne, come ti nascondo e banalizzo l’aborto
PILLOLA CONTROVERSA

EllaOne, come ti nascondo e banalizzo l’aborto

L’Aifa ha stabilito che non è più obbligatoria la ricetta per dare alle minorenni la “pillola dei cinque giorni dopo”. Una decisione che presenta almeno tre problemi. Primo, l’EllaOne può avere sia effetti contraccettivi (e già non è buono) che abortivi. Secondo, gli effetti collaterali comuni. Terzo, gli atti di prendere una tachipirina o, eventualmente, abortire vengono posti così sullo stesso piano culturale.


Pillole e spot blasfemi, ora si premia l’offesa a Dio
CAMPAGNA DIABOLICA

Pillole e spot blasfemi, ora si premia l’offesa a Dio

L’immagine di un dipinto di Botticelli modificata, con l’Arcangelo Gabriele che porge a Maria una confezione di pillole contraccettive-abortive: “Usala, fa miracoli!”, recita la scritta. E la Società per la contraccezione premia gli studenti con 1.000 euro ciascuno. Lo specchio di un laicismo che invoca "rispetto", ma si sente libero di offendere Dio e tutti i fedeli cristiani.


Aborto: farmacista assolta, una vittoria insufficiente
OBIEZIONE DI COSCIENZA

Aborto: farmacista assolta, una vittoria insufficiente

La vittoria anche in appello della farmacista che nel 2013 si era rifiutata di vendere la "pillola del giorno dopo" (Norlevo) non era scontata. Ma le motivazioni la rendono insufficiente a tutelare l'obiezione di coscienza: occorre combattere affinché l'effetto abortivo della pillola sia riconosciuto e la parità del dirtto alla vita del bambino sia sancita.


"Vogliamo libertà di coscienza per poter educare alla vita"
FARMACISTI CATTOLICI

"Vogliamo libertà di coscienza per poter educare alla vita"

Domani a Roma si terrà il convegno dell’Unione cattolica farmacisti italiani sulla difesa dell'obiezione di coscienza oggi in pericolo, come «condizione necessaria per svolgere la nostra missione: curare e tutelare la vita della persona. Vogliamo dire "no" per poter dire "sì" senza paura di subire un processo».


EllaOne, boom di vendite e aborti invisibili
I dati e la verità

EllaOne, boom di vendite e aborti invisibili

Vita e bioetica 28_03_2017

Il consumo di pillole post coitali è schizzato da 14mila nel 2014 a 200mila nel 2016. E il Pd rilancia il vecchio slogan radicale: più pillola, meno aborti. Me è una fake news. Perché come dimostra il caso della Francia gli aborti sono aumentati; inoltre perchè il meccanismo endometriale di EllaOne induce un numero non quantificabile di aborti invisibili.