Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Sant’Eliseo a cura di Ermes Dovico
L’appello di un sacerdote

“Cari Vicari, non ignorate i danni dei vaccini anti-Covid”

Ascolta la versione audio dell'articolo

La documentazione scientifica ormai abbonda di dati sugli effetti avversi da vaccini anti-Covid. Don Marco Begato si appella ai vicari episcopali, chiedendo loro di attivarsi per la prevenzione di malori tra i preti giovani.

Attualità 09_01_2024

I dati epidemiologici ci segnalano da mesi, a partire dal 2022 in modo piuttosto significativo, un aumento della mortalità generale, della mortalità per tumori e della morbilità di diverse patologie, dalle neuropatie alle malattie autoimmuni, dalle vasculopatie alle cardiopatie infiammatorie. Sono dati che non possono e non devono più essere ignorati, e le cui cause devono essere attentamente valutate, senza escludere a priori l’eventuale correlazione con l’assunzione dei farmaci genici a mRNA.

Molte associazioni di categoria, come ad esempio quelle delle forze dell’ordine, di fronte al numero di 50.000 casi di possibili danni da vaccino annoverati tra le proprie file, hanno richiesto degli approfondimenti. Tra le persone che presentano stati patologici non mancano i religiosi, le religiose, i sacerdoti. Tra l’altro, i membri del clero e delle famiglie religiose hanno avuto delle percentuali di vaccinati altissime. Chi per decisione propria, chi per ottemperanza alle leggi emanate dallo Stato, chi per obbedienza – e spesso per costrizione – agli ordini dei superiori. Fatto sta che chi si trova a curare sul campo, riscontra in numero sempre maggiore membri del clero, anche giovani, e senza precedenti stati patologici, che presentano le patologie sopra indicate. Ciò è causa di sofferenze e molto spesso anche di condizioni di ansia per il fatto che queste patologie sono quasi sempre indicate come di origine ignota o non identificabile.

Il povero “don” o la povera suora si trovano a soffrire senza che venga loro fatta una diagnosi e quindi assegnata una terapia idonea. Naturalmente, dell’ipotesi di correlazione col vaccino anti-Covid non se ne parla neanche.

Recentemente si è avuto anche il caso di un giovane prete in piena salute, morto per “malore improvviso”. Questa è stata per così dire la goccia che ha fatto traboccare il vaso per don Marco Begato, salesiano, già attivo promotore dell’iniziativa “Chiesa in ascolto”, che raccoglie sacerdoti che hanno intrapreso una pastorale dell’ascolto e dell’aiuto alle persone danneggiate dai vaccini.

Don Begato ha redatto e diffuso un appello affinché i vertici delle diocesi, e in particolare i vicari episcopali, si facciano carico della salute dei loro sacerdoti. Il sacerdote salesiano si dice consapevole che l’appello è un genere ritrito, ma vi si ricorre quando non ci si sente più ascoltati in generale e si vuole cercare l’attenzione di un soggetto molto specifico, che si ritiene direttamente interessato dalla causa e che si spera possa farsi latore della causa presso altri, ottenendo quel successo e quell’attenzione che i sottoscrittori dell’appello proprio non sono fin qui riusciti a trovare altrimenti.

Ma perché appellarsi ai vicari episcopali e non direttamente ai vescovi? Don Begato spiega di ritenere che il contenuto dell’appello tocchi direttamente l’incarico del vicario episcopale, più direttamente a contatto col proprio clero, rispetto al vescovo.

Qual è dunque il focus di questo appello? La richiesta è che i vicari episcopali si attivino per la prevenzione dei malori nel clero giovane. La motivazione che spinge don Begato a tale richiesta muove a partire da un recente fatto di cronaca avvenuto in una diocesi lombarda: la morte, come dicevamo, per “malore improvviso” di un giovane sacerdote, don Roberto Pozzi, un malore avuto mentre era alla guida dell’auto. Questo tragico episodio solleva una domanda e quindi l’appello: «La descrizione dell’incidente di Pozzi assomiglia formalmente ai tanti fenomeni, esplosi negli ultimi due anni, di malori improvvisi che stanno stroncando soprattutto i giovani maschi adulti. Le statistiche da vari Paesi del mondo (si pensi ai casi conclamati di Australia, UK, Danimarca, Germania) indicano una impennata di morti improvvise, di tumori turbo (definiti in tal modo per la rapidità e la gravità del loro anomalo sviluppo), di malattie autoimmuni. In particolare si registrano problemi cardiaci e, penso anche solo alla situazione in Italia negli ultimi mesi, si moltiplicano i casi di autisti che vanno fuori strada a causa di malori: autobus, ambulanze o privati cittadini».

Anche se non sono noti i particolari di quanto accaduto a don Roberto, urge – secondo l’estensore dell’appello – che i reverendi padri vicari si documentino e si interroghino circa «la potenziale dannosità dei vaccini anti-Covid, che i sacerdoti italiani sono stati costretti a ricevere dagli imperativi delle curie e certo dalla forte mozione giunta dal Vaticano». I vicari, che sovente si erano fatti mediatori di tali obblighi vaccinali presso i confratelli, giovani e meno giovani, devono ora informarsi circa le possibili conseguenze di questa scelta, «i rischi di salute che essi hanno corso e stanno correndo a causa di questa scelta (...), soprattutto ora che la documentazione scientifica inizia ad abbondare e ora che gli effetti avversi si assommano con evidenza statistica».

Pertanto don Begato chiede che i vicari si facciano promotori nelle diocesi di attività di screening preventivo, particolarmente riguardo a possibili complicazioni cardiache, al fine di limitare il più possibile l’emergere di effetti avversi: «Fatelo per i vostri preti e per i vostri consacrati: loro vi hanno obbedito, si sono fidati, vi hanno seguito. Sta a voi adesso, in coscienza, fare il possibile per limitare loro quei danni, che forse davvero non conoscevate, ma che ora sarebbe grave e colpevole ignorare».

Una chiamata a una responsabilità che è una forma di carità e di paternità.



L'INIZIATIVA

Un conforto ai danneggiati: ecco la vera Chiesa in Ascolto

20_10_2023 Marco Begato

Un conforto spirituale o anche solo umano per i danneggiati da vaccino, abbandonati anche da molte istituzioni ecclesiali. Nasce Chiesa in Ascolto, direttamente collegata al Comitato Ascoltami che vuole un accompagnamento di religiosi, sacerdoti e consacrate con chi ha subito reazioni avverse da vaccino. 

il 12 gennaio

«Verità e giustizia». Il sit in dei danneggiati davanti alla Procura

30_12_2023 Andrea Zambrano

Ascoltami e gli altri estensori della denuncia contro Speranza e Magrini portano i danneggiati in piazza davanti alla procura per chiedere verità e giustizia e di non archiviare l'indagine sull'ex ministro. Con loro ci sarà anche la Bussola. 

NUOVO SCOOP DI FUORI DAL CORO

«Aifa taroccava i grafici sui danneggiati da vaccino»

26_04_2023 Andrea Zambrano

Aifa taroccava i grafici sulle reazioni avverse per minimizzarle. Ancora una volta è Fuori dal Coro a far emergere un dato sconcertante relativo al sistema di farmacovigilanza dell’ente governativo. Dalle carte dell'inchiesta Mediaset emerge che l'ente governativo del farmaco decise di minimizzare il corretto rapporto rischi/benefici come invece richiesto dall'Ema. E chi decideva il taroccamento oggi è il neo direttore generale. Con premesse di questo tipo si comprende perché la farmacovigilanza della campagna vaccinale sia stata un fallimento. 
- LE CAPRIOLE DI PALU' SULL'EFFICACIA DEL SIERO, di Paolo Gulisano

l'intervista

«Noi danneggiati, dopo due anni ancora in attesa di ascolto»

11_10_2023 Andrea Zambrano

Il "Comitato Ascoltami" compie due anni. La fondatrice Federica Angelini alla Bussola. «Ancora non abbiamo avuto l'ascolto che ci aspettavamo dalle istituzioni sui danni da vaccino, ma il gruppo è cresciuto fino a 4200 iscritti. La nostra forza è stato restare uniti e confrontarci con la gente». 

L'INIZIATIVA

«Covid e vaccini: verità e riconciliazione tra noi cattolici»

27_10_2023

Sacerdoti, religiosi e un vescovo rompono il muro di omertà nella Chiesa su Covid e vaccini e chiedono un dibattito: nasce Verità e Riconciliazione. L'appello ai media mainstream cattolici. 

sentenza del tar

Aifa ammette in tribunale: non ha dati su efficacia e benefici dei vaccini

27_11_2023 Andrea Zambrano

Al momento della messa in commercio dei vaccini, Aifa non aveva dati su efficacia, trasmissione del virus e rapporto rischi/benefici perché erano tutti in possesso dell'Ema e lo sono tuttora. Una sentenza del Tar apre interrogativi inquietanti sull'approvazione al buio dei vaccini. Eppure è stato ripetuto come un mantra dai governi che i dati Aifa erano decisivi. 

L’ANALISI

Eccesso di mortalità e vaccini Covid, un legame da valutare

I dati ufficiali sui decessi correlabili al vaccino anti-Covid non spiegano l’eccesso di mortalità tra il 2021 e il 2022. Ma l’assenza della farmacovigilanza attiva, la mortificazione di quella passiva e i conflitti di interesse delle autorità sanitarie fanno ritenere che tali dati siano quantomeno sottostimati.