Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Martino I a cura di Ermes Dovico
anticipazioni

"Life", l'autobiografia ben poco inedita di Papa Francesco

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il "libro bomba" si rivela un deja vu, a giudicare dagli aneddoti anticipati dal CorSera e già raccontati in varie interviste. Paradossalmente l'unica novità riguarda il rapporto con Ratzinger, che smonta la narrazione sul "nonno saggio".

Ecclesia 15_03_2024 English Español
Imagoeconomica - Stefano Spaziani

Era stato annunciato come il "libro bomba di papa Francesco" da un noto sito, ma a giudicare dagli stralci pubblicati ieri da Aldo Cazzullo sul CorSera c'è ben poco di esplosivo nell'autobiografia Life - la mia storia nella Storia in uscita il 19 marzo. Si vedrà il contenuto integrale, ma le anticipazioni filtrate ieri proprio per invogliare il pubblico a correre in libreria hanno ben poco di inedito. Sono, piuttosto, sassolini che Bergoglio si è già tolto, più volte, dalle scarpe rigorosamente nere. 

Al Pontefice capita spesso di parlare di sé ma questa volta, trattandosi di un'autobiografia, è più legittimato a farlo. Così non poteva mancare il racconto dell'infatuazione da seminarista per una ragazza conosciuta al matrimonio dello zio (già raccontato al rabbino Abraham Skorka nel libro Sobre el cielo y la tierra del 2010), il fioretto alla Vergine del Carmelo dopo il quale non guarda tv dalla notte del 15 luglio 1990 (già confidato in un'intervista a La Voz del Pueblo del 2015), l'elogio dell'insegnante comunista Esther Ballestrino (già fatto nel libro-intervista di Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti El Jesuita, uscito nel 2010), la dura accusa contro il governo kirchnerista di aver tentato di mettergli «il cappio intorno al collo» (già riferita ai gesuiti ungheresi nell'ultima visita apostolica a Budapest), il retroscena sul conclave di undici anni fa con la rassicurazione dell'integrità del polmone operato in gioventù (già raccontato in una recente intervista a Vida Nueva e prima ancora da alcuni cardinali e biografi "amici"), l'allontanamento dell'ipotesi della rinuncia e l'annuncio di preferire il titolo di vescovo emerito di Roma in caso di dimissioni (già svelato nel 2022 a Televisa Univision).

Anche volendo passare a temi meno personali, la difesa di Fiducia Supplicans in punta di ambiguità quando sostiene che «la dottrina della Chiesa non viene messa in discussione» ha smesso da tempo di essere una novità, così come lo sdoganamento delle unioni civili già pronunciato con gran clamore in uno spezzone di un'intervista tagliato e finito in un documentario di Evgeny Afineevsky del 2020. 

Paradossalmente, l'unica nota degna d'attenzione nelle anticipazioni pubblicate ieri da Cazzullo è quella relativa al rapporto con Benedetto XVI. Le parole di Francesco, infatti, smentiscono una volta per tutte la narrazione della coabitazione felice col "nonno saggio", formula che Ratzinger aveva liquidato con la sua ironia bavarese, sottolineando come il suo successore in realtà avesse solamente nove anni meno di lui. Scrive il Papa argentino: «Mi ha invece addolorato vedere, negli anni, come la sua figura di Papa emerito sia stata strumentalizzata con scopi ideologici e politici da gente senza scrupoli che, non avendo accettato la sua rinuncia, ha pensato al proprio tornaconto e al proprio orticello da coltivare, sottovalutando la drammatica possibilità di una frattura dentro la Chiesa».In undici anni Francesco ha dimostrato di non farsi problemi a premere sull'acceleratore per attuare la sua agenda di governo, introducendo senza complimenti anche provvedimenti che hanno «spezzato il cuore» al suo ultranovantenne predecessore. Con una certa spavalderia, peraltro, il Papa ha anche detto di non temere uno scisma.

Nell'autobiografia, però, evoca per la prima volta il dramma che una spaccatura della Chiesa potrebbe determinare, sebbene ne individui la possibile causa solo nell'atteggiamento di chi avrebbe strumentalizzato Benedetto XVI. In un altro passaggio dell'anticipazione, Francesco sfata definitivamente il mito della concordia assoluta tra lui e l'ex Papa negli anni del monastero Mater Ecclesiae e racconta: «Decidemmo insieme che sarebbe stato meglio che non vivesse nel nascondimento, come aveva inizialmente ipotizzato, ma che vedesse gente e partecipasse alla vita della Chiesa. Purtroppo, servì a poco, perché le polemiche in dieci anni non son mancate e hanno fatto male a entrambi». Dunque, come aveva già svelato monsignor Georg Gänswein e confermato Peter Seewald, non è vero che il rapporto tra Ratzinger e il suo successore sia stato tutto rose e fiori. Alla luce della confessione di Bergoglio, per gli ultimi giapponesi della continuità sarà sempre più difficile continuare a sostenere questa tesi ed essere presi sul serio.



ESCLUSIVO

L’identikit del prossimo Papa: gli appunti di un cardinale

29_02_2024

A due anni dal testo firmato “Demos” (poi rivelatosi il cardinale Pell) un nuovo documento che a quello si ricollega definisce le sette priorità del prossimo Conclave per riparare alla confusione e alla crisi creata da questo Pontificato.
- A Profile of the Next Pope (EN) II  Identikit del próximo Papa (ES) II L'identité du prochain pape (F) II Identität des nächsten Papstes (D) II Identyfikacja następnego papieża (PL)

- "Demos II", al cuore della religione cattolicadi Stefano Fontana

LOBBY GAY

Chiesa di Francesco, prossima fermata: il matrimonio gay

05_02_2024 Luisella Scrosati

Padre James Martin catechizza i vescovi irlandesi su Fiducia Supplicans e in un tweet "normalizza" i matrimoni gay. A cui la risposta del Papa agli ultimi dubia ha già aperto la strada.
- DOSSIER: Lo strappo di Fiducia Supplicans

non solo tucho

Dietro Fiducia supplicans c'è il nuovo paradigma di Francesco

28_12_2023 Stefano Fontana

La "guerra civile" provocata dalla dichiarazione sulle benedizioni alle coppie irregolari e omosessuali è frutto di un decennio segnato da due visioni della fede irriducibili tra loro (e irriducibili alla sola "gestione Fernández").
- L'ospedale da campo undici anni dopo è al collassodi Nico Spuntoni

WEF

Papa Francesco scrive a Davos. Cosa avrebbe detto San Pietro

19_01_2024 Marco Lepore

Papa Francesco scrive una lunga lettera a Klaus Schwab, presidente del World Economic Forum, organizzazione che persegue obiettivi opposti a quelli della Chiesa.

- L'altro argentino, Milei, striglia il WEF di Stefano Magni