Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Fedele da Sigmaringen a cura di Ermes Dovico
assedio giudiziario

La sinistra torna a scatenare le toghe contro il governo

Ascolta la versione audio dell'articolo

Non solo il caso Santanchè, anche l'imputazione coatta per Delmastro. Sembra riproporsi il braccio di ferro tra giudici e centrodestra dell'era berlusconiana, che appare volto a stoppare la riforma della giustizia.

Politica 08_07_2023

Se tanto mi dà tanto, ci sono tutte le premesse perché questa legislatura si trasformi in un ring permanente tra governo e magistratura. La vicenda Santanchè sembrava, nelle settimane scorse, un caso isolato. Invece si stanno materializzando i fantasmi dell’assedio giudiziario ai danni dell’esecutivo, con la sinistra che cavalca le inchieste per uscire dall’angolo in cui l’hanno confinata gli elettori.

Anche l’imputazione coatta per il sottosegretario alla giustizia, Andrea Delmastro, indagato per rivelazione di segreto d’ufficio in relazione al caso Cospito, l’anarchico detenuto al 41bis, apre un nuovo fronte caldo. La decisione del Gip di Roma, che non ha accolto la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura, prelude infatti alla formulazione di una richiesta di rinvio a giudizio da parte di quest’ultima.

Fonti di Palazzo Chigi, facendo riferimento a questo caso e a quello dell'iscrizione nel registro degli indagati del ministro Santanchè, ritengono «non consueto che la parte pubblica chieda l'archiviazione» e il gip «imponga che si avvii il giudizio». Inoltre, «in un procedimento in cui gli atti sono secretati, è fuori legge che si apprenda di essere indagati dai giornali curiosamente» nel giorno dell'informativa in Parlamento, «dopo aver chiesto informazioni all'autorità giudiziaria». «Quando questo interessa due esponenti del governo» è «lecito domandarsi se una fascia della magistratura abbia scelto di svolgere un ruolo attivo di opposizione e abbia deciso così di inaugurare anzitempo la campagna elettorale per le elezioni europee».

Ovviamente le opposizioni hanno subito parlato di «inaccettabile attacco del governo alla magistratura». Peraltro i bene informati riferiscono che mala tempora currunt e che ci sarebbero pronti altri dossier su altri ministri per scottanti inchieste destinate a logorare l’esecutivo fino a farlo cadere. Pare che il premier sia già sull’orlo di una crisi di nervi e mediti di andare all’incasso alle europee dell’anno prossimo per poi rovesciare il tavolo e provare a “monetizzare” con elezioni politiche anticipate il suo consenso molto consolidato nell’opinione pubblica, anche per fare piazza pulita nel suo entourage e per regolare i conti con gli alleati.

Sembra cioè riproporsi il clima rovente del braccio di ferro permanente tra giudici e centrodestra che ha caratterizzato l’era berlusconiana. La Meloni avrà la stessa tempra del Cavaliere e riuscirà a parare i colpi che potrebbero arrivarle dal braccio armato mediatico-giudiziario che fa riferimento all’area di sinistra?

C’è infine un altro episodio, forse casuale, che riguarda il figlio diciannovenne del Presidente del Senato Ignazio La Russa, denunciato per violenza sessuale da una ragazza 22enne. Desta perplessità e sospetti questa notizia, perché l’episodio sarebbe accaduto 40 giorni fa (il 18 maggio) durante una serata in un locale al centro di Milano e la ragazza, per sua stessa ammissione, aveva assunto sostanze stupefacenti prima di partecipare alla serata. Ovviamente l’episodio andrà chiarito, ma qualche dubbio sulla tempistica e la dinamica è lecito nutrirlo. Perché la denuncia è arrivata proprio nel pieno della tempesta giudiziaria Santanchè-Del Mastro, visto che la presunta violenza si sarebbe consumata un mese e mezzo fa?

Tutto lascia pensare che questa offensiva giudiziaria possa essere l’ennesimo tentativo di stoppare la riforma della giustizia che questo governo con determinazione sta cercando di portare avanti per migliorare il funzionamento della macchina giudiziaria, snellire i processi e avviare la separazione delle carriere.

Verrebbe da dire che chi tocca i fili muore. Ma in questo modo il Paese non potrà mai liberarsi dall’ipoteca dello strapotere giudiziario, che altera il funzionamento della macchina statale, alimenta la sfiducia dei cittadini nella giustizia, condiziona la dialettica democratica tra le forze politiche e scoraggia gli investimenti stranieri in Italia.



sospendere il giudizio

Santanchè riferisce in aula, la maggioranza fa quadrato

06_07_2023 Ruben Razzante

Centrodestra garantista sul "caso" relativo alle società del ministro del Turismo, mentre le opposizioni (e Travaglio) reclamano le dimissioni. Occorre guardare ai precedenti (sgonfiati ma cavalcati anche dal centrodestra).

opposizioni extrapolitiche

Stampa e toghe contro Nordio: l'obiettivo è il governo

24_01_2023 Ruben Razzante

Il Guardasigilli propone di limitare l'abuso delle intercettazioni e la loro pubblicazione indiscriminata. I magistrati insorgono e i giornalisti gridano al bavaglio, ma in realtà mirano a mettere in crisi l'esecutivo, che abbassa i toni per evitare uno scontro fatale con la magistratura.

UNA STORIA ASSURDA

Berlusconi e toghe: l'equilibrio che manca al Paese

18_09_2021 Ruben Razzante

Quello che più stupisce è il perdurare dell’accanimento nei confronti di Berlusconi da parte dei giudici, considerato il fatto che Forza Italia è di fatto diventato un partito-fotocopia del Pd e si è pienamente allineato alla linea del governo Draghi e dunque non si spiega perché ci siano giudici ancora inviperiti contro il Cav e animati dall’intento di distruggerlo umanamente e politicamente.

giustizia

Riforma Nordio: più garantismo fa bene anche all'economia

17_06_2023 Ruben Razzante

Approvato in Consiglio dei Ministri il ddl del Guardasigilli che cancella il reato di abuso d'ufficio e limita il potere d'appello del pm e le intercettazioni. Benefici anche sul piano economico, ponendo fine alla "paralisi" dei pubblici amministratori. Il dibattito è acceso.