Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Sant’Etelberto a cura di Ermes Dovico

Velo

Velo islamico, la Corte UE lo vieta per il motivo sbagliato: la laicità
LA SENTENZA

Velo islamico, la Corte UE lo vieta per il motivo sbagliato: la laicità

Dopo il ricorso di una musulmana, la Corte di Giustizia dell’UE ha assecondato la «rigorosa neutralità» di un Comune belga, che vieta segni religiosi vistosi. Per la Corte il motivo risiede nella laicità, declinata come indifferentismo o ateismo. Un motivo errato.


Il Nobel a Narges Mohammadi, la donna iraniana più perseguitata
ISLAM

Il Nobel a Narges Mohammadi, la donna iraniana più perseguitata

Premio Nobel per la Pace a Narges Mohammadi, dissidente iraniana, dentro e fuori dal carcere dal 2001. Il suo attivismo, anche in difesa dei prigionieri, è il simbolo delle donne iraniane che resistono all'oppressione del regime islamico. 


Iran, la rivolta continua. E il regime non la capisce
POLVERIERA

Iran, la rivolta continua. E il regime non la capisce

La Repubblica islamica è entrata nel terzo mese di proteste, a seguito della morte di Mahsa Amini legata all’obbligo del velo. Il governo accusa i manifestanti di complicità con i servizi segreti occidentali. Ma la crisi ha radici lontane ed è aggravata da un’economia in declino.


Egitto, è lotta contro il velo. Altro che islamofobia
ISLAM

Egitto, è lotta contro il velo. Altro che islamofobia

Esteri 29_08_2022 Anna Bono

Le donne che indossano lo hijab (il velo) sono sempre più spesso discriminate, nei luoghi pubblici e non solo. Il velo, in Egitto, è ormai considerato socialmente associato ai poveri. L'imam di al Azar, però, lo vuole imporre ancora, almeno nei giorni di festa. In Nord Africa il dibattito è aperto. Contrariamente all'Europa. 


Lale Gül, minacciata perché vuole vivere senza velo
ISLAM

Lale Gül, minacciata perché vuole vivere senza velo

Lale Gül, giovane scrittrice turca emigrata in Olanda, nel libro autobiografico Io vivrò esprime tutto il disagio di una comunità segregata dalle sue stesse regole coraniche. Scuole separate, nessuna integrazione, la donna è discriminata come in un regime islamico. Per la sua pubblicazione, la famiglia e la comunità la minacciano di morte.


Il no al burqa è un no all’islamismo
DOPO IL VOTO SVIZZERO

Il no al burqa è un no all’islamismo

La maggioranza degli elettori svizzeri, che ha votato per il divieto a indossare in luoghi pubblici burqa e niqab, viene tacciata di razzismo da neofemministe e islamo-gauchisme. In realtà qui non si tratta di libertà religiosa ma di abuso a fini politici (con danno per le donne) di un indumento, funzionale all’agenda ideologica di movimenti fondamentalisti. Anche l’Italia dovrebbe prendere esempio dalla Svizzera.


Violenza sulle donne, in aumento con il lockdown
IL FENOMENO

Violenza sulle donne, in aumento con il lockdown

Secondo un rapporto dell’Onu, la quarantena forzata ha causato un aumento degli abusi sui più vulnerabili. Solo un Paese su otto ha adottato misure per proteggere meglio le donne. Oggi ricorre la “Giornata” contro le violenze su di loro, eppure il fenomeno è grave un po’ dappertutto, Europa compresa, dove si uccide pure per la resistenza all’obbligo del velo e la volontà di integrazione.