Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Germano di Parigi a cura di Ermes Dovico
Società fluida

Nuovi Frankenstein al servizio del “cambio di sesso”

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il dottor Miroslav Djordjevic afferma di aver affinato una nuova tecnica per «scambiare i genitali» di maschi e femmine. Nuovi Frankenstein, che amputano corpi sani, ignorando anche la voce dei detransitioners.

Vita e bioetica 05_12_2023

Il grande Georges Bernanos, nel 1944, in un saggio intitolato La Francia contro i robot diceva che «non si capisce nulla della civiltà moderna, se non si ammette anzitutto che essa è una cospirazione universale contro ogni forma di vita spirituale».

Oggi, un Bernanos riveduto e corretto dovrebbe dire che non si capisce molto della civiltà (occidentale) contemporanea, se non si ammette che essa è dominata da un pensiero cieco, al contempo totalizzante e fluido. E la fluidità, come constatiamo ogni giorno di più, può andare molto, molto lontano. Specie in fatto di sesso, genere, orientamento, identità e corporeità.

Così, secondo quanto riporta il Daily mail, il dottor Miroslav Djordjevic, che «lavora all'ospedale Mount Sinai di New York City e nella sua nativa Serbia» afferma di aver «affinato la sua tecnica» di cambiamento di sesso, pardon di genere, ed essere così giunto «all'apice di una rivoluzionaria procedura di scambio genitale». Do ut des: una sorta di baratto trans, o trans-baratto.

Nei Paesi ritenuti più avanzati e meno moralisti, come gli Stati Uniti o la Scandinavia, migliaia e migliaia di uomini e donne, almeno dal punto di vista della biologia, affermano di sentirsi il contrario di ciò che appaiono. E questa percezione, negli ultimi anni, capita in un’età sempre più precoce.

Secondo uno studio della rivista scientifica Annals of Plastic Surgery, il numero delle mastectomie, ovvero l’asporto dei seni per ragioni di autopercezione, effettuato su ragazzine americane minorenni «si è moltiplicato per 13 tra il gennaio 2013 e il luglio 2020». Passando, come nulla fosse, da «3,7 a 47,7 casi ogni 100.000» donne. E dati simili si hanno anche per altre operazioni di chirurgia estetica o plastica, sempre in vista di correggere il corpo per farlo «assomigliare all’anima». Così, il dottor Djordjevic desidera inaugurare nel suo studio una «nuova procedura radicale»: «scambiare i genitali di un paziente maschio e di un paziente femmina in un'unica operazione». Una sorta di taglia e cuci chirurgico. E questo anche per evitare quegli sprechi che non piacciono né a Greta Thunberg né all’Onu. Infatti, constata il dottore, emulo di Frankenstein, molti chirurghi, nel mondo intero, «eseguono già interventi di ricostruzione genitale, noti come vaginoplastiche e falloplastiche». Come dire, plastica o meno, rifatto o bio, l’importante è che funzioni.

Però, la creazione – tra lo pseudodivino e il diabolico – di «un neo-pene o di una neo-vagina», viene ora realizzata a partire «dalla carne dei pazienti». Prelevata «sulle braccia, sulle gambe o altrove». E il dottor Djordjevic vuole evitare questo “spreco”. Anche perché, «l'organo sessuale rimosso di un paziente viene semplicemente gettato nella spazzatura». Ed è un peccato perché la scienza, quella disciplina che, dopo il Covid, sappiamo essere infallibile, potrebbe «utilizzare questi organi intatti», i quali, solitamente, appartengono, «a giovani sani e poco più che ventenni».

Chiaro? Il problema, secondo Djordjevic, non è quello di chiedersi come sia possibile che giovani fisicamente sani vogliano amputare il proprio corpo, ignorando peraltro che la biologia è un destino e che le cellule sono (e restano) con cromosomi XY o XX. No, il problema è rendere più facile la cosiddetta transizione, proprio mentre nel mondo aumenta la voce soffocata (dal mainstream) e angosciante dei “detransitioners”, cioè di coloro che vorrebbero, se potessero, tornare indietro rispetto alla devastazione del proprio corpo e che spesso fanno condannare medici e psicologi poco seri e molto celeri nei loro placet.

Il Frankenstein (1818) immaginato dalla scrittrice Mary Shelley era un medico-guru che, in nome della scienza e del progresso, metteva in dubbio e sabotava le certezze sociali e le virtù morali dell’Inghilterra ottocentesca. Oggi, le ipotetiche conquiste dei novelli Frankenstein, come il dottor Djordjevic, non solo non paiono eversive dell’ordine costituito, ma sembrano puntellare quel pensiero unico e cieco che ci tiranneggia e da cui dobbiamo liberarci al più presto.



GENDER E STUDI

Paolo diventa “Paola”. Ma la guerra al corpo è un boomerang

Il Corriere espone il caso di un minore a cui è stato concesso di cambiare nome anagrafico. Ma la scelta di “cambiare” sesso è illusoria, contraria alla morale naturale e genera sofferenze, perché crea una scissione nella persona. Ciò è confermato dalla letteratura scientifica, nonché dai “detrans”.

Sinead Watson

La trans pentita sbugiarda lo psichiatra pro gender

28_09_2021 Giuliano Guzzo

Nel 2019 ha smesso di assumere testosterone. E ora Sinead Watson critica uno psichiatra di Stanford, secondo lei reo di sposare unilateralmente l’approccio favorevole al “cambio di sesso” e di essere sprezzante verso chi ha abbandonato la “transizione”. Una testimonianza che ricorda i danni dell’ideologia transessualista.

TRANS PENTITI/2

Rovinati dagli ormoni per “cambiare sesso”… ma c’è una speranza

Fitz racconta le bugie e le pressioni affinché si sottoponesse ai trattamenti ormonali e all’operazione per apparire donna. Ed elenca i danni fisici e psicologici che vengono taciuti per cui «vorrei che mi fosse stato insegnato ad accettarmi». James Shupe, noto per essere il primo ad aver ottenuto una “x” al posto del sesso sulla carta d’identità, rivela le menzogne della sua battaglia e pentito annuncia: «In Cristo ho ritrovato la mia vera identità e sono una creatura nuova»

TRANS PENTITI/1

Sottoposti da bimbi al "cambio di sesso" ora denunciano l'inganno

«Rivoglio la mia voce da femmina; i medici non mi diedero altra possibilità; ai bambini bisognerebbe impedire un trattamento simile; gli ormoni hanno danneggiato la mia salute; ridatemi le mie ovaie». Li chiamano "detransitioners" per indicare la volontà di ritornare a vivere in accordo al sesso di nascita dopo essersi sottoposti a trattamenti per apparire di quello opposto. Non hanno ancora troppa voce ma cominciano a parlare davanti ai parlamenti statali, usano YouTube e denunciano le cliniche che da bambini assecondarono la loro confusione.

REGNO UNITO

Contrari al “cambio di sesso” dei figli? Ve li sottraggono

14_03_2019 Ermes Dovico

Nella sola Londra, dove diversi municipi hanno rifiutato di rispondere, almeno tre bambini/adolescenti sono stati sottratti ai loro genitori nel 2018 dopo i litigi sorti per il desiderio dei primi di “cambiare” sesso. È una delle ricadute dell’ideologia transessualista, che nel Regno Unito (dove l’uso della triptorelina come blocca-pubertà è sempre più frequente) ha fatto crescere in 8 anni il numero di minori sessualmente confusi del 2.497%.