Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santissima Trinità a cura di Ermes Dovico
mostra blasfema

Impronte, testimoni e telecamere: qualcosa non torna nel giallo di Carpi

Ascolta la versione audio dell'articolo

A tre settimane dal danneggiamento del quadro San Longino ad opera di uno sconosciuto, la Polizia di Carpi non ha elementi per proseguire le indagini. Le uniche due impronte digitali ritenute utili non hanno fornito riscontri; il campo dei testimoni si limita al solo pittore e a un non meglio precisato custode della chiesa. 

Attualità 17_04_2024

A quasi tre settimane dalla misteriosa incursione di uno sconosciuto nella chiesa di Sant’Ignazio di Carpi, che ha danneggiato la tela considerata blasfema e aggredito in una colluttazione l’artista Andrea Saltini, la Polizia di Carpi non ha ancora sciolto il rebus. Molti elementi mancano all’appello o sono impossibili da ricostruire chiaramente per arrivare a un’identificazione.

In particolare, la dinamica dei fatti è non solo avvolta da qualche elemento nebuloso, ma affidata alla ricostruzione testimoniale del pittore della mostra Gratia Plena. Troppo poco, evidentemente per poter avere elementi certi su quanto accaduto la mattina di Giovedì Santo nella chiesa del museo diocesano di Carpi.

Il numero dei testimoni su cui la Polizia ha potuto lavorare si limita, infatti, al solo artista e a un’altra persona non meglio precisata che, però, da fonti inquirenti, sembra essersi qualificata come custode della chiesa. Due soli testimoni di un fatto eclatante avvenuto in una chiesa prima con il danneggiamento della tela e poi con l’aggressione a Saltini. 

La prima correzione rispetto alla narrazione originaria è avvenuta il giorno dopo quando il fatto da accoltellamento si è ridimensionato in una semplice colluttazione dalla quale poi Saltini avrebbe avuto la peggio, riportando - riferiscono le cronache - 4 punti di sutura nella zona del collo o del mento. 

Ma gli elementi che modificano il primo racconto potrebbero essere di più. Secondo quanto la Bussola ha potuto apprendere da ambienti investigativi, i tasselli mancanti sono molti di più dei punti fermi.

A cominciare dall’analisi delle uniche impronte digitali rinvenute sulle armi del delitto e giudicate dalla Polizia scientifica, utili. Purtroppo, però, la verifica delle impronte non ha dato alcun esito. In poche parole: il mister x a cui si dà la caccia non è tracciato e men che meno censito nei voluminosi database a disposizione delle forze dell’ordine.

C’è poi il fatto che le due armi del delitto, la bomboletta spray e il coltello col quale il misterioso vandalo ha tagliato la discussa tela Inri-San Longino, sono state consegnate alla polizia direttamente da Saltini e quindi è probabile che qualche traccia sia stata inquinata nella concitazione del momento.

Sempre sul fronte dell’identificazione, poi, si viene a scoprire che – contrariamente a quanto scritto in precedenza, anche su questo giornale – non esistono telecamere di controllo nella chiesa di Sant’Ignazio.

In quel momento, erano circa le dieci di mattina, non c'erano visitatori presenti alla mostra. Pertanto, per ricostruire la dinamica dei fatti non si potrà fare affidamento a immagini video, ma soltanto al racconto di Saltini e del secondo testimone, che però, non è chiaro se al momento dell’irruzione fosse presente nei pressi dell’opera o se sia intervenuto immediatamente dopo.

Sul fronte telecamere, poi, non è andata meglio neppure la ricerca sui dispositivi installati intorno alla chiesa. Il Commissariato di Carpi, infatti, ha effettuato un minuzioso controllo sui sistemi di video sorveglianza delle vie che adducono alla chiesa, ma a causa delle scarne indicazioni fornite, un uomo alto circa due metri, non sono stati trovati riscontri probatori a proseguire le indagini.

Quello che non è stato chiarito, dunque, è come abbia fatto il misterioso assalitore ad avere il tempo di entrare alla mostra come primo visitatore, firmare il registro delle presenze e poi danneggiare la tela sotto gli occhi di Saltini, utilizzando non una, ma due “armi”: prima la bomboletta e poi il coltello. Forse Saltini – e anche il secondo testimone di cui non si conoscono le generalità – si erano distratti un attimo quando l’uomo si è presentato davanti al quadro?

La scarsità di elementi a disposizione potrebbe indurre la Polizia a chiedere di nuovo a Saltini – che ha chiamato la Polizia e consegnato personalmente alla Scientifica le due “armi” – ulteriori elementi utili a orientare meglio le ricerche.

Una cosa è certa, almeno: secondo queste indiscrezioni raccolte dalla Bussola da fonte autorevole, si delineerebbe un quadro di incertezza non solo in ordine al racconto della dinamica, affidata alla sola parte lesa, ma anche all’identificazione, perché i numerosi testimoni di cui si era parlato in un primo momento dalle cronache e che erano fuggiti durante la colluttazione, in realtà non ci sarebbero mai stati.



carpi

Riapre la mostra, la Diocesi ammette: «Imprudenze e quadro equivoco»

08_04_2024 Andrea Zambrano

Riapre dopo il danneggiamento la mostra blasfema di Carpi. Esposto il quadro tagliato e imbrattato, ma del vandalo non c'è traccia. Ai Rosari di riparazione ha risposto un sit-in per l'artista. La Diocesi non sa come uscire dall'impasse: «Ammettiamo che il San Longino sia equivoco, ci sono state imprudenze».

carpi

Mostra blasfema o libertà di espressione? La parola al giudice

27_03_2024 Andrea Zambrano

Dopo le denunce dei fedeli, la Procura di Modena ha già chiesto al Gip l'archiviazione perché le opere di Saltini sono frutto della «libertà di espressione». I legali annunciano battaglia: «Il punto è l'offesa dentro un luogo sacro». Pro Vita & Famiglia raccoglie 30mila firme e chiede alla Santa Sede di intervenire.

MUSEO DIOCESANO

La mostra blasfema genera mostri: aggredito l'artista a Carpi

29_03_2024 Riccardo Cascioli

Condanna unanime e incondizionata per l'aggressione avvenuta nella sede della controversa mostra nel Museo diocesano di Carpi, dove un uomo ha vandalizzato la tela più contestata e ferito l'artista Andrea Saltini. Lo sciacallaggio di Avvenire.
DOSSIER: La mostra blasfema di Carpi

carpi

Mostra blasfema, c'è una denuncia penale. E la Diocesi elogia l'artista

15_03_2024 Andrea Zambrano

Mostra blasfema di Carpi: il Comitato Quanta Cura presenta una denuncia in Procura per violazione dell'articolo 403 (vilipendio a confessione religiosa). Lo stesso fanno alcuni fedeli romagnoli. Ma la Diocesi elogia l'artista, ateo, inserendolo dentro un percorso sinodale e accusando i fedeli feriti di violenza sfacciata e di rompere la comunione.

CARPI

Mostra blasfema, i fedeli riparano lo scandalo difeso dal loro vescovo

11_03_2024 Julio Loredo

Più di cento davanti alla chiesa di Sant'Ignazio di Carpi per pregare davanti alla mostra Gratia plena. Per la prima volta i fedeli riparano un atto blasfemo difeso dalla loro stessa diocesi e dal loro stesso vescovo. Ed è solo l'inizio: le preghiere proseguiranno ancora.  

IL CANONISTA

Mostra blasfema, Comotti: «Ascoltare il popolo, basta clericalismo elitario»

08_03_2024 Andrea Zambrano

«Basta con il clericalismo elitario: se il sensus fidei dice che è blasfema, allora quell’opera non deve stare in una chiesa». La mostra di Carpi tiene banco al convegno internazionale di diritto canonico di Venezia davanti al patriarca Moraglia. Il professor Comotti alla Bussola: «L'arte sacra deve approfondire la fede, non ferirla». 

EL CASO DE CARPI

El obispo defiende la exposición blasfema y culpa a los fieles

06_03_2024 Andrea Zambrano

Tras nuestro artículo sobre la exposición blasfema, la curia de Carpi ha sufrido un bombardeo de correos electrónicos sin precedentes. La diócesis dirigida por el obispo Castellucci niega la blasfemia y defiende la exposición “Gratia plena” en la iglesia del museo diocesano, invitando a observar la obra sin prejuicios y con una “mirada limpia”. Pero que se trataba de una provocación ya había sido admitido por el guía.

CARPI

Una exposición blasfema en la iglesia del obispo de Carpi. ¡Y lo llaman arte!

06_03_2024 Andrea Zambrano

En la iglesia del museo diocesano de Carpi, una exposición de un artista local provoca reacciones indignadas: pinturas blasfemas de Jesús, la Virgen y la Magdalena. La Brújula Cotidiana ha visto las obras y el guía admite la provocación. Pero también nos encontramos con el engaño de los comisarios diocesanos que hacen pasar el sacrilegio por arte sacro. El obispo Castellucci tendrá que responder por ello.

il caso di carpi

Il vescovo difende la mostra blasfema e dà la colpa ai fedeli

05_03_2024 Andrea Zambrano

Dopo il nostro articolo sulla mostra blasfema, curia di Carpi tempestata da un mail bombing senza precedenti. La diocesi guidata dal vescovo Castellucci nega la blasfemia e difende la mostra "Gratia plena" nella chiesa del museo diocesano invitando a guardare il quadro senza pregiudizi e con «sguardo limpido». Ma che si tratti di una provocazione era già stato ammesso dalla guida. 

carpi

Una mostra blasfema nella chiesa del vescovo. E la chiamano arte

04_03_2024 Andrea Zambrano

Nella chiesa del museo diocesano di Carpi una mostra di un artista locale suscita reazioni indignate: blasfemi i quadri con Gesù, la Madonna e la Maddalena. La Bussola ha visto le opere, la guida ammette la provocazione. Ma c'è l'inganno dei curatori diocesani che spacciano per arte sacra dei sacrilegi. Il vescovo Castellucci dovrà risponderne.

doppiopesismo religioso

Mostra Carpi e Amica chips: la differenza la fa il vescovo

13_04_2024 Andrea Zambrano

I casi blasfemi di Amica chips e mostra Gratia plena hanno molti elementi in comune. Ma una differenza sostanziale: il ruolo giocato dal vescovo di Carpi che ha influenzato media e istituzioni.