• IL NUOVO LIBRO DI BENEDETTO XVI

    "Se lo Stato si piega ai tribunali è totalitarismo"

    Quando le convinzioni e le norme dello Stato sono alla esclusiva mercé delle maggioranze o delle sentenze di tribunale, si aprono inesorabili spazi a forme di totalitarismo. Lo dice Benedetto XVI nel volume che uscirà in libreria domani. Si tratta del secondo libro di una collana che l’editore Cantagalli dedica al pensiero del papa emerito e che, in questo caso, si occupa di mettere a tema il nesso tra fede e politica.

    • DOPO ALFIE

    «Il papa ha cresimato Maya, un'Eucarestia vivente»

    Mi pareva una responsabilità troppo grande assistere e confermare nella fede e nell’appartenenza alla Chiesa e al Signore con la propria testimonianza e per tutta la vita una bambina...come mio figlio! Alcuni mi hanno detto: “appunto per questo, chi altro lo poteva fare?”. Certamente molte altre mamme come noi, che stanno sveglie la notte e il giorno, perché l’Eucarestia è con noi 24 ore e il tabernacolo è la nostra casa. 

    • LA RICOSTRUZIONE

    Reliquie e parati sacri: l'intreccio tra Vaticano e Met

    Dietro l'oscena parata blasfema delle starlette del Met c'è una gigantesca operazione condotta da Vogue per una mostra del Met su moda e religione. Per allestire la quale molti ecclesiastici vaticani in auge in questo pontificato hanno ceduto in prestito paramenti sacri e reliquie di Papi, tra cui San Giovanni Paolo II con la scusa della povertà. Col placet di Ravasi e del solito Martin. Ritratto non di una Chiesa più povera, ma più poverina e mondana. 

    • IL LIBRO

    Ratzinger, il successo di una restaurazione interrotta

    Il pontificato e il pensiero di Benedetto XVI affrontato da tutte le angolature possibili e immaginabili, attraverso interviste. Questo lo scopo del nuovo libro del giornalista Francesco Boezi. Tra gli intervistati Gotti Tedeschi, Aldo Maria Valli, Assuntina Morrresi, Maria Rachele Ruiu e molti altri. Il ritratto di un emerito che è ancora maestro. 

    • IL CASO GERMANIA

    «Il Papa non può ammettere l'intercomunione»

    Dopo l'incontro sull'intercomunione con i luterani esce allo scoperto il cardinale Arcivescovo di Utrecht: «No a comunione ai protestanti, anche se sposati con un cattolico. La prassi della Chiesa Cattolica, fondata sulla sua fede, non si cambia a maggioranza o all'unanimità. Vedo che i vescovi e soprattutto il successore di Pietro mancano nel mantenere e trasmettere fedelmente e in unità il deposito della fede e penso alla prova finale che dovrà attraversare la Chiesa»

    • OMOERESIA

    «Ok agli atti omosessuali». In Belgio è Chiesa arcobaleno

    «La condanna degli atti omosessuali non è più sostenibile». Lo ha detto il cardinale De Kesel, arcivescovo di Bruxelles, parlando a un gruppo gay a cui ha anche anticipato il progetto di una qualche cerimonia religiosa per le unioni omosessuali. Che questo sia contrario alle Scritture, alla Tradizione e anche al magistero recente per il cardinale non fa problema.

    • L'ANNIVERSARIO

    50 anni in Cammino, i "Neocat" incontrano il Papa

    Al Giubileo del Cammino neocatecumenale il Papa ha parlato davanti a 150 mila persone e ha invitato il popolo neocatecumenale ad andare in missione e «testimoniare che Dio ci ama e che con Lui è possibile l’amore vero, quello che porta a donare la vita ovunque, in famiglia, al lavoro, da consacrati e da sposati».

    • INTERCOMUNIONE

    Germania-Santa Sede, pericoloso dialogo sull'Eucarestia

    È stata una lunga giornata di lavori quella tra la delegazione della Conferenza episcopale tedesca e quella vaticana per discutere dell'intercomunione, che i vescovi tedeschi hanno approvato a maggioranza per i coniugi protestanti sposati con cattolici. Nella delegazione vaticana si nota l'esclusione del cardinale Robert Sarah, forse per le sue posizioni chiaramente contrarie.

    • TEOLOGIA

    Quando Marx (il cardinale) criticava Marx

    Bisogna tornare a rileggere Marx, autore di pagine piene di saggezza. Ovviamente il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e di Frisinga. Non fu sempre generoso con il suo omonimo. Nel 2008, giocando sul proprio cognome pubblicò Il capitale. Una critica cristiana alle ragioni del mercato.

    • VATICANO

    Ordine di Malta, un Gran Maestro non chiude la crisi

    La nomina di Frà Giacomo Dalla Torre a 80esimo Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta, persona stimata da tutte le parti, rappresenta una vittoria della corrente tedesca, che conta di poter mantenere il controllo della gestione economica. Ma si apre un contrasto con Santa Marta, la cui indicazione era di eleggere il Gran Maestro dopo la riforma della Costituzione dell'Ordine. Si apre ora dunque il secondo tempo di una partita non ancora chiusa.

    • DERIVE LITURGICHE

    Il prete one man show, per Cristo o per il suo ego?

    Due episodi di personalismi clericali che scandalizzano i fedeli e mostrano come il protagonismo di certi sacerdoti finisca per trasformare il culto in spettacolo e arbitrio. Ad Ancona il parroco vieta la comunione in bocca nonostante non gli sia consentito perché la liturgia non è di proprietà; a Vicenza il nuovo parroco fa il simpaticone a suon di battute durante la messa. E i giornali dicono che riempie le chiese. Ma trasmetterà anche Gesù o solo il suo ego? 

    • DOVE VA LA CHIESA?

    "Riaffermare il Vangelo", l'appello dei preti ai vescovi

    “Appello pastorale ai vescovi per una riaffermazione apostolica del Vangelo”: così si chiama un’iniziativa destinata ai vescovi, e che ha per strumento i singoli sacerdoti. Dal contenuto dei punti richiamati, c'è anche “Amoris Laetitia”, nelle sue interpretazioni più liberali.