• LA NUOVA MODA

    Youtubo, basta ingozzarti. Sei più di un tubo digerente

    Dentro il fenomeno di Omar Palermo, in "arte" Youtubo, che mostra le sue performance mentre ingurgita di tutto in quantità enormi, c'è molto più dell'esibizionismo da solitudine. E' un suicidio assistito in diretta, alimentato dalla malvagità social che lo spinge a ingozzare sempre di più per compiacere gli altri. Un disperato modo per dire di esistere. Ma che deve finire perché noi siamo molto di più di un tubo digerente. 

    • IMMIGRAZIONE

    Neanche gli elettori 5stelle vogliono i "porti aperti"

    Un sondaggio commissionato dal Corriere della Sera dimostra come gli italiani non abbiano gradito l'iniziativa del presidente del Consiglio Conte. Neanche i grillini che, sul tema immigrazione, sono in grande sintonia con l'elettorato leghista.

    • IMMIGRAZIONE

    La lettera al cardinale Bassetti raccoglie nuove adesioni

    Un lungo elenco di nuovi firmatari si aggiunge alla lettera al presidente della Conferenza episcopale italiana, cardinale Gualtiero Bassetti, che chiede una posizione originale cattolica sul tema dell'immigrazione.

    • IMMIGRAZIONE

    "Modello Riace", giorni contati per un sistema ingiusto

    Il “modello di integrazione Riace” continua ad essere esaltato sui principali media, e non importa se vengono violate le leggi e sfidato il buon senso. L'importante è che sia "a fin di bene". Nessuno che si soffermi a riflettere invece sull’ingiustizia di un sistema assistenziale che costa miliardi di euro ogni anno, risorse stornate da servizi sociali ed emergenze, e che neanche ottiene lo scopo di una vera integrazione.
    -"LA CEI NON PERMETTA". LAICI SCRIVONO A BASSETTI di Riccardo Cascioli

    • IL LIBRO

    Churchill-Togliatti, uno scambio su cui fare luce

    Davvero avvenne lo "scambio" tra Churchill e Togliatti? Nel suo nuovo libro lo storico Luciano Garibaldi ne è convinto. E chiede che sarebbe opportuno riaprire anche l’”armadio della vergogna” del processo per l’oro di Dongo, che si interruppe a Padova nel 1957 per il “suicidio” di un giurato e dopo che ben cinque suoi colleghi avevano dato forfait».

    • NAPOLI

    Baby gang, solo una compagnia vera le sconfigge

    Viaggio nel Rione Sanità, tra i volontari di Portofranco che strappano i ragazzi alla dispersione scolastica: i casi di cronaca di questi giorni sono frutto di «solitudine e non senso» che sfociano in bravate sempre più cattive. Anche la formazione scolastica va rivista, valorizzando le realtà educative che si coinvolgono con i ragazzi.

    • IL CASO

    Rifiuti a Roma, un caos figlio di amministrazioni scellerate

    C'era un tempo in cui Roma era pulita e senza immondizia per la strada. Ma dalle giunte Rutelli e Veltroni in poi è stato un susseguirsi di scelte autolesioniste che hanno portato alla situazione attuale, aggravata dall'incompetenza dell'attuale giunta. E il peggio è che non si vede chi a Roma potrebbe risolvere la situazione.

    • ALLA CORTE DI LONDRA

    Il Principe e la sposa cattolica (divorziata)

    Tutti i media si precipitano a descrivere Meghan Markle, fidanzata del principe Harry d'Inghilterra, come una donna mulatta, figlia di una afro-americana. Interessa solo il colore della pelle. Ma non dovrebbe interessare di più, invece, la sua religione? La Markle è cattolica (anche se divorziata) ed è la prima volta di una cattolica a corte.

    • LA MORTE DI TOTO' RIINA

    La mafia e quella scomunica che non esiste

    Dal punto di vista canonico non è vero che i mafiosi sono scomunicati. Soltanto i sacerdoti che hanno potuto incontrarlo possono dire se prima della morte ha avuto un pentimento o meno. E da questo dipende anche la possibilità di funerali religiosi.

    • LE ASSURDINTA' DEL GUINNESS

    Cosa si fa per un minuto di celebrità. Meglio la santità

    Nel Guinness World Records 2018 ci sono personaggi che si infliggono handicap al solo scopo di rimediare una comparsata per un quarto d'ora di celebrità: ciglia fino al mento e unghie lunghissime. Anche i santi hanno infranto record sovrumani, ma per una beatitudine eterna. 

    • L'ANALISI

    «Non fuggono da guerre, non devono arrivare in Libia»

    Le nuove minacce originate dall'affluisso massiccio di immigrati - violenze e occupazione di territori - esigono una lucida conoscenza del fenomeno per prendere decisoni umane ma determinate, prima che la situazione diventi fuori controllo. E guardando ai numeri, il primo dato è che non fuggono da guerre nei propri paesi. Certo fuggono poi da una Libia violenta, ma si dovrebbe disincentivare proprio il "passaggio" verso la Libia.

    • IL FATTO

    Paura Malaria, non c'entrano né clima né immigrati

    Il caso della bambina morta, dobbiamo ipotizzare la cosiddetta "Malaria da aeroporto": zanzare infette trasportate in casse o container provenienti da paesi epidemici che possono infettare persone di paesi non soggetti all'epidemia. In treanta anni in Europa ci sono cià stati un centinaio di casi.