Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Sant’Etelberto a cura di Ermes Dovico

Chiodi

Offensiva catto-gay tra Avvenire e l'istituto di Paglia
LE RICADUTE DI AMORIS LAETITIA

Offensiva catto-gay tra Avvenire e l'istituto di Paglia

Nella solita intervista all'inserto di Avvenire dedicato alla Famiglia, il teologo moralista don Maurizio Chiodi riscrive il Magistero cattolico sull'omosessualità, superando il concetto di "natura" e arrivando a considerare la possibilità che gli atti omosessuali siano un bene oggettivo. Intervista non causale, visto che il moralista è molto vicino a monsignor Vincenzo Paglia ed è in predicato di ridisegnare la teologia morale all'Istituto Giovanni Paolo II, dopo le epurazioni in corso.
- IN UN DIZIONARIO IL TESTAMENTO DELL'ISTITUTO GIOVANNI PAOLO II, di Stefano Fontana


In nome del dialogo, la Pav apre anche all'aborto
ECUMENISMO RELATIVISTA

In nome del dialogo, la Pav apre anche all'aborto

La nomina del rabbino Fishel Szlajen alla Pontificia accademia per la vita, favorevole all'aborto in alcuni casi, non è un’anomalia, ma il frutto di una svolta per rendere la Pontificia accademia per la vita il contenitore di un umanitarismo interreligioso con una serie di derive allarmanti.


Rahner, la chiave per scardinare duemila anni di fede
CONTRACCEZIONE

Rahner, la chiave per scardinare duemila anni di fede

La "svolta antropologica" cui fa riferimento il professor Chiodi nella sua ormai nota conferenza che ritiene doverosa - in certi casi - la contraccezione, è la negazione della trascendenza di Dio e l'esaltazione della storia. Con questa premessa, l'accettazione della contraccezione è la logica conseguenza.


«Contraccezione un dovere? Intervenga il Papa»
HUMANAE VITAE

«Contraccezione un dovere? Intervenga il Papa»

Dopo la pubblicazione dell'intervento del teologo don Chiodi, membro della Pontificia Accademia per la Vita, che teorizza un "dovere" di contraccezione in alcune circostanze, fioccano le reazioni. «Sono tesi immorali, già condannate senza ambiguità da Giovanni Paolo II», dice il professor Seifert: «Don Chiodi deve ritrattare il suo errore o essere allontanato dall'Accademia per la Vita».