Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Macrina la Giovane a cura di Ermes Dovico
CONTINENTE NERO

Nigeria, Boko Haram ha avviato le stragi di Pasqua

Mentre si avvicina la Pasqua, gli attacchi del gruppo armato jihadista Boko Haram si intensificano in tutta la Nigeria. A Chibok, nello stato di Borno, un commando rapisce più di cento ragazze. E la capitale Abuja è ancora sotto shock.

Esteri 17_04_2014
Abuja, dopo l'attentato

Nella notte tra il 14 e il 15 aprile Boko Haram, i jihadisti in lotta dal 2002 per imporre la legge coranica in Nigeria, hanno attaccato ancora una volta una scuola: non per fare strage di studenti e insegnati come in altre occasioni, ma per rapirne le allieve, sorprese nel sonno nei dormitori dell’istituto. È successo a Chibok, nel Borno, uno dei 12 stati settentrionali a maggioranza islamica della federazione. I terroristi hanno portato via da 100 a 200 ragazze, forse anche di più, quasi tutte di età compresa tra i 16 e i 18 anni. Durante l’attacco hanno inoltre ucciso due agenti di sicurezza e hanno dato fuoco a decine di abitazioni: 170, secondo alcuni testimoni. Strada facendo, alcune studentesse, non più di 10 o 15, sono riuscite a fuggire. Approfittando di un rallentamento per un guasto a uno degli autocarri del convoglio, sono saltate fuori dai pianali scoperti su cui erano state stipate, si sono nascoste nella boscaglia e sono tornate indietro. Il destino delle altre, così come di tante giovani donne rapite in passato da Boko Haram, è diventare schiave dei miliziani.

Nella mattinata dello stesso giorno due potenti esplosioni hanno provocato una strage in una stazione di autobus alla periferia della capitale Abuja, gremita in quelle ore – era un lunedì – da una folla di pendolari in arrivo. Le bombe hanno aperto un buco profondo oltre un metro nel terreno e hanno distrutto 16 taxi e 24 autobus, causando diverse altre esplosioni man mano che i serbatoi della benzina prendevano fuoco. Un primo bilancio parla di 71 morti e 124 feriti.

Le vittime di Abuja si aggiungono alle 135 dei tre attacchi messi a segno da Boko Haram tra il 9 e il 10 aprile, sempre nel Borno. Cinque persone sono morte a Dikwa il 9 durante un raid a una scuola femminile per insegnanti, conclusosi anche in quel caso come a Chibok con il rapimento di numerose ragazze. Prima di ritirarsi i terroristi hanno incendiato la biblioteca dell’istituto. Nello stesso giorno e in quello successivo i miliziani hanno poi colpito due villaggi situati al confine con il Camerun, uccidendo altri 130 civili.

Non è la prima volta che la capitale nigeriana è sotto attacco. Ma le ultime azioni terroristiche risalivano al 2011. Nell’agosto di quell’anno un attentato kamikaze aveva distrutto in parte la sede delle Nazioni Unite uccidendo 18 persone. Poi, a Natale, un’autobomba aveva devastato la chiesa cattolica di Santa Teresa: 35 i fedeli uccisi e 50 i feriti. Da allora però Boko Haram aveva concentrato le proprie azioni soprattutto negli stati islamici dove è nato, dove ha le proprie roccaforti e gran parte dei propri sostenitori. Di recente il governo aveva quindi dichiarato che ormai la violenza era circoscritta a una piccola area nel nord est del paese. Quanto avvenuto negli ultimi giorni conferma invece il fallimento delle iniziative prese per contrastare i jihadisti che, anzi, dall’inizio del 2014 hanno moltiplicato gli attentati e le aggressioni.

Un anno fa, ad aprile, era stato annunciato l’avvio di un articolato processo di conciliazione che includeva l’amnistia per i terroristi disposti a rinunciare alla lotta armata. Il mese successivo il governo aveva  inoltre dichiarato lo stato di emergenza in tre stati del nord – Borno, Adamawa e Yobe – dispiegando migliaia di militari supportati da aerei da caccia ed elicotteri da combattimento. Tuttavia da allora capita spesso che i terroristi siano troppo numerosi e ben armati rispetto alle forze di sicurezza e che siano i militari a darsi alla fuga: o almeno così sostengono i portavoce dell’esercito e della polizia. È quel che sarebbe successo anche alla scuola di Chibok. Il giorno successivo dovevano incominciare gli esami di fine anno. Nel timore di attentati, gli edifici scolastici erano presidiati dai militari: non abbastanza però da riuscire a respingere i terroristi.

Amnesty International e altre organizzazioni non governative hanno più volte accusato l’esercito di non difendere i civili e anzi di rendersi a sua volta responsabile di stragi durante gli scontri a fuoco con i terroristi e nel corso delle successive rappresaglie. Amnesty International sostiene che nel solo mese di marzo i militari abbiano ucciso circa 600 civili.

Alla luce degli ultimi eventi, si può immaginare l’ansia e la preoccupazione con cui i fedeli in Nigeria si apprestano a celebrare la Pasqua: insieme al Natale, il momento in cui, in tutto il mondo, i cristiani perseguitati corrono più rischi nel testimoniare pubblicamente la loro fede.