Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
San Ranieri a cura di Ermes Dovico
Dottrina sociale
a cura di Stefano Fontana

CHIESA MONDANIZZATA

La diocesi di Friburgo spenderà 120 milioni... per i pannelli solari

A Friburgo l’arcidiocesi mira a raggiungere la «neutralità climatica» addirittura prima dell’Ue. Segno di una Chiesa tedesca in cui si abbracciano ideologie irrazionali e mondane. Si pensi piuttosto alla salvezza delle anime.

Dottrina sociale 09_02_2024
Pannelli-solari (licenza CC, da rawpixel.com)

L’arcidiocesi tedesca di Friburgo ha comunicato che nei prossimi 10 anni spenderà 120 milioni di euro per installare pannelli solari nei suoi edifici, compresi quelli parrocchiali, allo scopo di combattere il riscaldamento climatico. Obiettivo della arcidiocesi è raggiungere la «neutralità climatica» riducendo l’emissione di anidride carbonica di 100 mila tonnellate. L’arcidiocesi di Friburgo si è dotata di un Fondo per il clima e da lì attingerà la somma per dotare di impianti fotovoltaici i 1400 edifici interessati. L’anno scorso l’arcidiocesi ha addirittura fondato una società per la progettazione, costruzione e gestione di impianti fotovoltaici.

La notizia conferma la decomposizione in atto nella Chiesa tedesca che tra dieci anni non avrà più fedeli alla Messa domenicale ma avrà dotato i suoi edifici di impianti fotovoltaici. Conferma anche che le diocesi tedesche sono troppo ricche e che il sistema vigente in quel Paese per il finanziamento della Chiesa cattolica attraverso la Kirchensteuer (la tassa sulle religioni), che arriva fino al 9% del reddito territoriale, è non solo simoniaco in quanto l’adesione o meno condiziona l’amministrazione dei sacramenti, ma è anche corrosivo del buonsenso umano e cristiano.

Per il 2030 l’Unione Europea ha previsto un abbattimento delle emissioni antropiche di CO2, per arrivare poi alla «neutralità climatica» entro il 2050. In questo momento in molti Paesi europei c’è una rivolta dei contadini contro il Green Deal europeo che, per questi obiettivi irrazionali, danneggia l’agricoltura e l’economia reale. Ora, davanti a questa situazione la diocesi di Friburgo vuole sopravanzare la stessa Unione Europea, puntando ad arrivare alla neutralità climatica addirittura prima, nel 2034, anziché nel 2050. C’è solo da sperare che alle prossime elezioni europee di giugno non solo perda il Green Deal ma anche questo genere di Chiesa tedesca.

Non ci sono prove che il riscaldamento climatico sia causato dalle emissioni umane, il settore del fotovoltaico non è assolutamente green ma anch’esso è molto inquinante. Per ridurre la CO2, ammesso che ce ne sia veramente bisogno, si possono piantare alberi. La Chiesa non deve abbracciare ideologie irrazionali e indurre i fedeli a farlo perché ha un compito educativo. La diocesi faccia gli interessi dei poveri e non degli industriali della transizione ecologica, guardi alla realtà e non alle invenzioni dei poteri globali ponendosi al loro servizio, riprenda in mano i fondamentali della Dottrina sociale della Chiesa, punti alla cura delle anime e non a quella dei tetti dei suoi edifici. (Stefano Fontana)