• 6 OTTOBRE 2019

Giornata della Bussola, un invito senza precedenti

Quest'anno la Giornata della Bussola offre ancora qualcosa di più. La prima testimonianza che vi invitiamo a conoscere è già nel luogo che ci ospita, anzi nella comunità che ci ospita, la Shalom – Regina della Pace, a Palazzolo sull'Oglio.

Suor Rosalina alla Giornata della Bussola 2018

Chi in questi anni ha avuto la possibilità di partecipare alla Giornata della Bussola, sa già che si tratta di una occasione grande di testimonianza di ciò che è essenziale, ovvero Gesù Cristo. Gli ospiti sono sempre persone che, per le loro opere, per la loro vocazione o per la loro competenza, abbiamo incontrato nel nostro lavoro e che sono dunque parte del nostro cammino. Non si tratta di conferenze su un tema, ma di incontri con delle esperienze.

Ma quest’anno c’è qualcosa in più, come ho cercato di spiegare già nell’articolo di presentazione della Giornata del 6 ottobre prossimo. La prima testimonianza che vi invitiamo a conoscere è già nel luogo che ci ospita, anzi nella comunità che ci ospita, la Shalom – Regina della Pace, a palazzolo sull'Oglio. Circa 250 ragazzi e ragazze che stanno facendo un cammino per uscire dalle dipendenze, droga soprattutto, ma non solo. Questo è però un fattore contingente, la circostanza che rivela qualcosa di più importante. In realtà qui possiamo toccare con mano quello che noi cerchiamo di trasmettere con i nostri articoli. Qui possiamo incontrare i volti e le storie di persone che la grazia di Dio ha fatto rinascere a vita nuova dopo aver sperimentato l’inferno. Persone che qui non trovano soltanto la guarigione fisica e mentale, ma soprattutto quella spirituale, trovano o ritrovano la fede.

Questa opera è nata 33 anni fa da suor Rosalina Ravasio, in un pezzo di cascina che stava andando in rovina. Piano piano, e sempre grazie alla Provvidenza, dapprima è stato reso vivibile quel pezzo di cascina, poi le è stata donata anche l’altra parte di cascina, poi alcuni terreni; e poi ancora gli stessi ospiti, insieme a dei volontari competenti, hanno costruito quello che oggi al visitatore appare come uno splendido villaggio in cui si percepisce concretamente cosa voglia dire la Bellezza. È una realtà che solo conoscendola di persona si può comprendere appieno.

Alcuni di voi hanno incontrato suor Rosalina alla Giornata della Bussola dello scorso anno, altri avranno potuto ascoltare la sua testimonianza in video. Della sua esperienza, del successo che ha nel recupero dei ragazzi ne avevamo già parlato sul nostro quotidiano; ma dall’incontro dell’anno scorso è nata un’amicizia e un riconoscimento nella comunione in Cristo. Un ulteriore motivo di sintonia è la fiducia totale nella Provvidenza per mandare avanti l’opera: suor Rosalina non vuole alcun contributo da parte delle istituzioni, civili (di cui avrebbe anche diritto) o ecclesiali che siano, né alle famiglie dei ragazzi ospitati è chiesto un centesimo di retta. Tutto si regge grazie alla grande generosità dei benefattori e dei volontari; centinaia di volontari che si alternano per coprire i bisogni della comunità, dalle lezioni scolastiche alla lavanderia. Più in piccolo, molto più in piccolo, è ciò che guida anche la Bussola, e dall’amicizia con suor Rosalina troviamo grande conforto anche per la nostra opera.

Tutto questo ci ha fatto desiderare di far conoscere a tutta la grande famiglia della Bussola la Comunità Shalom – Regina della Pace. Da qui è nata l’idea di chiedere di poter svolgere in questa comunità la Giornata della Bussola. E siamo grati a suor Rosalina (e al vescovo di Brescia, monsignor Pierantonio Tremolada, che ha dato il nulla osta) di averci aperto le porte con grande entusiasmo, mettendoci a disposizione anche l’organizzazione dei suoi ragazzi, che contribuiranno alla realizzazione della Giornata. La comunità è infatti perfettamente attrezzata per organizzare eventi di questo genere.

Sono assolutamente certo che vi stiamo offrendo una grande occasione di fare l’esperienza di un’opera saldamente fondata su Cristo e sotto l’ala protettrice di Sua Madre. Fondamenta peraltro che sono oggetto anche del nostro incontro, come potete vedere dal programma. Non dobbiamo infatti dimenticare l’importanza anche dei temi proposti e dei relatori che incontreremo il 6 ottobre, autentici testimoni della fede: dal cardinale Raymond Burke a Vittorio Messori, da suor Gloria Riva al dottor Franco Serafini, da Diego Manetti alla stessa suor Rosalina.

Già molti di voi si sono prenotati per essere presenti a Palazzolo sull’Oglio (la prenotazione è necessaria per il pranzo e per l’eventuale bus navetta da e per Milano Centrale) ma molti di più potranno essere accolti e c’è ancora qualche giorno per segnalare la propria presenza (scrivendo a eventi@lanuovabq.it). Approfittatene, non ve ne pentirete.