Schegge di vangelo a cura di don Stefano Bimbi
Santa Brigida di Svezia a cura di Ermes Dovico
Cristiani Perseguitati
a cura di Anna Bono
Comunismo

Attivato in Cina il registro on line dei religiosi ufficiali

Presentato come un servizio ai fedeli contro le truffe, costituisce in realtà un ulteriore strumento di controllo e di repressione

 

Dal 23 maggio in Cina è attivo un registro on line che contiene informazioni sui religiosi cattolici, protestanti e musulmani “riconosciuti secondo la legge”. Segue l’analogo registro creato il 22 febbraio scorso per verificare l’identità dei monaci buddhisti e taoisti. Per ogni religioso registrato, una scheda fornisce una fotografia, i dati anagrafici, il titolo religioso e il numero della registrazione ufficiale. L’Amministrazione statale per gli affari religiosi presenta l’iniziativa come una apertura nella gestione degli affari religiosi e un servizio ai fedeli, utile a smascherare i “truffatori”. Ma l’agenzia di stampa AsiaNews nel dare la notizia precisa che “essendo un servizio a cui si può accedere solo identificandosi attraverso il proprio numero di telefono, sarà di fatto anche un ulteriore strumento di controllo sull’attività religiosa, oltre evidentemente a screditare anche tutti i sacerdoti legittimamente ordinati nelle comunità sotterranee e che si sono opposti alla registrazione negli organismi ufficiali controllati dal Partito comunista cinese. “Quanto alla prevenzione delle ‘truffe’ da parte di “finti religiosi”, proprio ieri – scrive AsiaNews – China Aid denunciava il caso di tre donne cristiane,  Li Bingrong, Xie Lihong e Huang Qiuyan, arrestate per sospetto di ‘frode’ nella città di Suining, nella provincia del Sichuan. Secondo quanto riferito, tutte e tre lavoravano per una banca e aiutavano semplicemente a depositare e trasferire donazioni per un'organizzazione cristiana. L’accusa di frode è uno dei volti della persecuzione contro le ‘chiese domestiche’, cioè le comunità di matrice evangelica non ufficialmente registrate. I funzionari del Partito comunista rivolgono questa accusa a molti pastori e credenti laici per limitare ogni attività estranea alle comunità ‘ufficiali’”.