• LA SPARATORIA DI NAPOLI

    Noemi, Gomorra e il male: la consapevolezza che manca

    Lotta tra la vita e la morte la piccola Noemi, ferita per errore nel corso di una sparatoria. Si può dire che ci sarà una vera presa di coscienza dei napoletani solo quando gli autori di crimini del genere verranno chiamati come meritano: assassini. A ciò si aggiunge un problema culturale più ampio, evidente in serie tv come Gomorra, dove il male prevale e si creano falsi miti.

    • L'ANALISI

    Scandalo assegni, miopia sull'inverno demografico

    La "cresta" dell'Inps sugli assegni familiari non erogati è figlia della dabbenaggine della classe politica: un avanzo di cassa avrebbe dovuto interrogare partiti di governo, come il Pd, sulla sua genesi, il calo demografico e su come allargare i beneficiari o aumentare l'assegno. Invece si è fatto finta di niente alimentando il sospetto che l'Inps abbia distratto altrove questi 6 miliardi. Che ora devono tornare in un qualche modo ai legittimi proprietari: le famiglie con figli, soprattutto le numerose. 

    • IN CANADA

    Lo strano caso del dottor Morte nell’ospedale cattolico

    Nell’ottobre 2018 il dottor James Downar, pro eutanasia, inizia una collaborazione con un ospedale cattolico canadese, fondato dalla venerabile Elisabetta Bruyère. I fedeli protestano ma l’arcivescovo di Ottawa si limita a dire che l’ospedale non deve temere per la sua “identità cattolica” perché c’è un codice interno. Downar rimane insomma al suo posto. Un pessimo segnale.

    • EDUCAZIONE

    Addio note, la cultura dei ponti e il 6 politico in condotta

    Addio note e punizioni alle elementari? Il problema non sta nel Regio Decreto, ma nello spappolamento della società odierna, insofferente di fronte ogni forma di imposizione quand’anche fosse a fin di bene, e per la quale parlare di doveri rappresenta una violenza. È la cultura dei ponti, del dialogo, delle bandiere arcobaleno, dell’identità fluida. Una cultura che aborrisce lo scontro, la sofferenza, il sacrificio.

    • MEDITERRANEA

    Prete su nave ong, segno di una Chiesa ideologica

    L'esordio di un giovane prete emiliano sulla nave Mare Jonio della Associazione Mediterranea, è accompagnato da una intervista allo stesso prete che dimostra semplicemente quale sia il livello di insegnamento nei seminari e nelle facoltà di teologia.

    • REALTÀ OLTRE LA FANTASIA

    Il politicamente corretto? Provate ad applicarlo al calcio

    Se provassimo a sostituire le regole del calcio con quelle del politicamente corretto gli esiti sarebbero paradossali, in bilico tra il disastroso e il tragicomico. Sfoceremmo di certo nell’anarchia. Da ultimo sarebbe impossibile giocare a calcio. Purtroppo è quello che avviene quotidianamente con le regole del buonsenso e con quelle dettate da madre natura. Il risultato è il medesimo: è impossibile vivere da uomini.

    • CHIESA & URNE

    Vangelo à la carte: la tribuna politica è in chiesa

    In occasione delle prossime elezioni, il parroco di Novellara (Reggio Emilia) ha invitato i fedeli a partecipare ad un incontro/tribuna elettorale con i candidati al consiglio comunale. Si tratta di uno dei tanti casi ormai e lascia perplessi. Innanzitutto perché è proibito. Poi per il luogo e il momento, per il tempo, a ridosso delle elezioni e per l’attore principale: il parroco e non i laici. Ma anche per i rischi di strumentalizzazione ideologica del Vangelo. Da ultimo per l’assenza completa della Dottrina sociale della Chiesa.

    • IL VOTO IN SPAGNA

    Vox è la risposta ai disastri dello zapaterismo

    Non si può comprendere il 10% dei voti a Vox se non si ricorda il decennio di distruzione della coscienza sociale, storica e culturale operata da Zapatero. La narrativa dei mass media presenta Vox come retrogrado e fascista, ma basta leggere il programma per capire che si tratta di accuse immotivate. In realtà, è il partito più vicino ai princìpi non negoziabili.

    • LA RIFORMA

    La nuova Curia romana senza dottrina

    Le anticipazioni riguardo alla nuova Costituzione apostolica che potrebbe essere firmata in giugno da papa Francesco rivelano la marginalizzazione della Congregazione per la Dottrina della Fede e la primazia di un nuovo "super dicastero" per l'Evangelizzazione. Novità che fanno nascere alcune domande.

    • CRISI IN LIBIA

    Nuove ondate migratorie? Le invocano, ma non ci sono

    Dopo l’offensiva delle truppe del generale libico Haftar, si sono moltiplicati in Italia gli allarmi per l’arrivo di possibili enormi flussi di migranti. Un allarmismo ad oggi ingiustificato, che proviene da chi lucra sul business dell’accoglienza o da chi vuole indebolire i successi fin qui conseguiti dalla Lega in tema di sicurezza e immigrazione.

    • 25 APRILE

    Mattarella, il "resistenzialista"

    Nel discorso del presidente Mattarella per la festa del 25 aprile ci sono almeno due passaggi discutibili, il primo dei quali da rifiutare e il secondo quantomeno da precisare. In ogni caso si è dimostrato un campione dell'ideologia della resistenza.

    • STRAGE IN SRI LANKA

    Se i martiri cristiani danno fastidio a Melloni

    Su Repubblica, riferendosi alle vittime della strage islamista in Sri Lanka, Melloni sostiene che “le persone uccise dal terrorismo non possono essere divise in base alla fede per incentivare altro odio”. Ma questo è un nascondere la realtà e la verità, un vero e proprio pensiero satanico.