• LO STORICO INCONTRO ECUMENICO

    Il Medio Oriente ha bisogno dei Cristiani per la pace

    Sarà un appello di vera emergenza quello che da Bari partirà domani al termine dell’incontro di preghiera ecumenica per la pace in Medio Oriente voluto da papa Francesco in comunione con i patriarchi ed esponenti delle Chiese cristiane di vari riti, anche ortodosse e protestanti. Un evento senza precedenti e dal grande valore ecclesiale, finalizzato a un obiettivo nobile e urgente: il dono della pace. Ecumenismo della vita e del sangue per dire che non può esistere un Medio Oriente senza cristiani. 

    • VERONA

    Don e "sposo gay", scandalo risaputo fermato troppo tardi

    I giornali si buttano a capofitto sul caso di un sacerdote sposo in Spagna con un uomo. Ma che l'ex parroco di Selva di Progno avesse un "collaboratore" era risaputo e non si è fatto nulla per fermare lo scandalo. Tanto che nonostante avesse lasciato la parrocchia da tre anni ha continuato a ricevere lo stipendio da prete.

    • GERMANIA

    Intercomunione, fuga in avanti di fronte al fatto compiuto

    L’arcivescovo di Paderborn Hans-Joseph Becker ha affermato che i protestanti sposati con cattolici potrebbero ricevere l’Eucarestia in seguito a un periodo di discernimento. Una fuga in avanti e un tentativo di far trovare Roma e il resto della Conferenza episcopale tedesca di fronte a un fatto compiuto.

    • VESCOVI

    Giovani, non riduciamo il Sinodo al politicamente corretto

    Il Sinodo dei giovani può essere una grande occasione, ma a patto che sia la possibilità di un dialogo autentico sulle grandi domande della vita. Non vanno in questo senso i documenti preparatori che sembrano più preoccupati di riproporre i soliti cliché, politicamente corretti. Ma guai a noi se di fronte all'attesa di una proposta convincente che riguardi tutta la vita, li dirottiamo su interessi e iniziative banali. Guai a noi se anziché lanciarli nella grande avventura del senso ultimo della vita li aiutiamo ad accontentarsi di poco.

    • L'INTERVISTA

    Veritatis Splendor, capire il bene, il male e la libertà

    Compie 25 anni la Veritatis Splendor di San GIovanni Paolo II. Un libro la riscopre per riaffermare la distizione tra il bene e il male e ciò che è da considerare male intrinsecamente, a prescindere dalle situazioni concrete in cui l’atto viene compiuto. Intervista al teologo padre Kopiec.

    • L'ANNIVERSARIO

    Dom Gérard e Lefebvre, un'amicizia dolorosa

    30 anni fa le ordinazioni illegittime di Lefebvre di 4 vescovi senza il mandato di Roma. Una celebrazione alla quale partecipò per metà anche dom Gérard Calvet, che del vescovo scismatico fu amico e ne seguì fino a poco prima della rottura definitva con Roma le istanze. Un'amicizia vissuta nel dramma di uno scisma lacerante. 

    • MULLER

    "E' la protestantizzazione della Chiesa"

    "Siamo di fronte a un clamoroso processo di protestantizzazione". Lo dice il cardinale Muller in un'intervista a tutto campo sulla crisi attuale di fede di molti vescovi. Soprattutto tedeschi: "Cercano un angolino per la Chiesa dove possa sopravvivere in pace. Quindi tutte le dottrine della fede che si oppongono al mainstream, al consenso della società, devono essere riformate".

    • INTERCOMUNIONE

    Il Papa spiana la strada ai vescovi tedeschi

    Nessuna "frenata" sulla comunione data ai protestanti con un coniuge cattolico. I vescovi tedeschi pubblicano le contestate linee guida pur senza firmarle, cogliendo al balzo le parole di via libera pronunciate dal Papa la scorsa settimana.

    • IL CASO AUSTRALIANO

    Segreto confessionale, violarlo è contro l'uomo

    Sull'iniziativa australiana di obbligare la Chiesa a violare il segreto confessionale per i casi di pedofilia, si dimentica che qui si va contro l’uomo prima di andare contro Dio o contro la Chiesa. La “tolleranza zero” va benissimo se è decisa dalla Chiesa e anche in funzione “riparatrice” verso le vittime, ma non può essere condizionata da una mentalità esclusivamente laica e mediatica che faccia scomparire del tutto il margine di misericordia e “recuperabilità” del colpevole.

    • L'INCONTRO

    Il Papa e l'agnostico Macron: intesa e carezze

    L'avvicinamento di Macron al mondo cattolico sembra esser parte di una strategia politica precisa da parte di un presidente liberal che sa di essere in difficoltà sul panorama internazionale e quindi si impegna a riconoscere anche il ruolo della Chiesa. Con Francesco intesa sui migranti e persino un accenno di una inusuale carezza.

    • CONVEGNO

    Modernismo, un pericolo sempre presente

    «Il nucleo del modernismo non consiste tanto nell’opposizione all’una o all’altra delle verità rivelate, ma nel cambiamento radicale della nozione stessa di “verità”». È quanto è stato rimarcato in un convegno dedicato a vecchio e nuovo modernismo, organizzato a Roma dalla Fondazione Lepanto.

    • ZUPPI SUI CLANDESTINI

    Tra suffragio e naufragio, neutralità politica fittizia

    Le parole dell'Arcivescovo di Bologna sui clandestini condite da una fitizia neutralità politica. Addita i colpevoli che chiudono i porti, ma tace su chi apre i porti per mettere i disperati sui gommoni da cui verranno poi soccorsi. Superficialità e astuzia che alla lunga generano proprio “quell’aggressività e rabbia” di cui voleva disinquinare l'aria con la preghiera.