• Costume

Scene di sesso gay ad alta quota

A seguito di pressioni di alcune lobby gay la Delta Air Lines ha deciso di non togliere, come faceva nel passato, le scene di sesso gay dai propri film. Ovviamente, così fa sapere una nota della compagnia di volo, nel segno della inclusività.

Ad esempio il film su Elton John Rocketman era stato giustamente censurato in alcuni punti. Olivia Wilde la regista di "Booksmart", un film su due adolescenti lesbiche, ha protestato con la compagnia aerea perché avevano tagliato alcune scene di masturbazione e altre pratiche sessuali omosessuali tra donne. Inoltre erano state omesse parole come "vagina" e "lesbica". "Quale messaggio stanno trasmettendo agli spettatori e soprattutto alle donne?" ha twittato la Wilde. “Che i loro corpi sono osceni? Che la loro sessualità è vergognosa?”. No, rispondiamo noi, solo che promuovere l’omosessualità non è moralmente lecito e, inoltre, anche se fossero rapporti eterosessuali, l’atto sessuale non deve essere mostrato perché atto intimo. Quindi il corpo di una donna non è osceno, semmai mostrarlo nella sua nudità sì. Né la sessualità è vergognosa, ma è vergognoso mostrare l’atto sessuale.

Tornando alle scene di sesso gay ad alta quota c’è poi da aggiungere che il parental control non è sufficiente perché, come hanno fatto osservare alcune associazioni familiari, gli schermi possono essere visti dai bambini che siedono nei posti vicini.

https://www.lifesitenews.com/news/delta-air-lines-caves-to-lgbt-will-now-show-unedited-gay-sex-scenes-on-flights