• Controcorrente

Romania, niente gender nelle scuole

Il parlamento rumeno approva un emendamento che vieta l’educazione gender nelle scuole e nelle università e anche l’educazione sessuale.

Il Senatore Vasile Cristian Lungu, uno dei proponenti l’emendamento, ha dichiarato: «Il mio emendamento cerca di fermare un’ideologia marxista tossica per lo sviluppo dei bambini. Secondo questa ideologia, il sesso biologico non può definire un bambino come uomo o donna, e quindi il bambino è costretto a decidere tra i 114 generi inventati dai sostenitori di questa teoria».