• IN PURGATORIO CON DANTE/9

“Ricorditi di me, che son la Pia”

Esattamente dopo una cantica ritorna in scena una donna. Ci trovavamo nel canto V dell’Inferno, nel cerchio dei lussuriosi, quando si stagliava immortale nella bufera infernale la figura di Francesca da Polenta trascinata dal vento, abbracciata a Paolo Malatesta con una tale passione da formare quasi un corpo solo. La donna parlò con Dante con eleganza e facondia, testimonianza di un retroterra culturale letterario del tutto affine a quello del Fiorentino.

Alla fine del canto V del Purgatorio è protagonista Pia de’ Tolomei che si presenta con grande sintesi e cortesia. Dante realizza un capolavoro poetico che rende immortale questa figura in solo sei versi.

 


Dona Ora