• IN PURGATORIO CON DANTE/14

Oderisi da Gubbio: fama o eternità?

Che cos’è la fama sulla Terra, si chiede Oderisi da Gubbio, ora che può vedere la vita e la realtà in maniera certa e con serenità d’animo dalla prospettiva dell’eternità? È un «mondan rumore», un rumore (non suono, senza comunicazione) del mondo, che assume i nomi mutevoli e diversi di quei personaggi che diventano importanti, ma la cui fama in realtà è come il soffio di vento, che muta nome perché muta il punto da cui spira (rosa dei venti). Tra mille anni che cosa conterà davvero? L’unica cosa che davvero conterà sarà il conseguimento del vero premio che è l’eternità. Con il personaggio di Oderisi da Gubbio Dante ci presenta così la superbia per l’arte, in un certo senso l’ambito che permette di conseguire la fama più importante secondo lui, come vedremo meglio nell’episodio dell’incontro con Stazio (Purgatorio XXI).

Dona Ora