• POLONIA

La Madonna di Czestochowa

I destini di una nazione si incrociano con un dipinto della Vergine del 1430 che da secoli è custodito in un santuario dove si ricordano eventi storici prodigiosi.

czestochowa

I destini di una nazione si incrociano con un dipinto della Vergine del 1430 che da secoli è custodito in un santuario sulla Jasna Gòra (il Chiaro Monte) nei pressi di Czestochowa, in Polonia. Più volte infatti nella loro storia i polacchi hanno riconosciuto l’intervento prodigioso di Maria, definita la prima rivoluzionaria. Come la gloriosa resistenza contro gli Svedesi nel 1655 che sancì la Madonna di Czestochowa regina della Polonia. E sono migliaia gli avvenimenti miracolosi testimoniati in questo luogo meta di pellegrinaggi sin dal XV secolo. Quello nazionale ancor oggi parte ogni anno da Varsavia il 6 agosto: a piedi in 9 giorni di cammino e di esercizi spirituali, con gesti di penitenza (digiuno a pane e acqua) e veglie notturne, si percorrono 243 chilometri per ritrovarsi a Czestochowa per l’Assunzione, il 15 agosto, festa principale. Ma questo è un santuario visitato ogni anno da circa 4-5 milioni di pellegrini.

(A.Giu.)

Dona Ora