• SCHEGGE DI VANGELO

La Fede autentica e duratura

Ma vieni, imponi la tua mano su di lei ed ella vivrà (Mt 9, 18)

Español

In quel tempo, mentre Gesù parlava, giunse uno dei capi, gli si prostrò dinanzi e disse: «Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano su di lei ed ella vivrà». Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli. Ed ecco, una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni, gli si avvicinò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello. Diceva infatti tra sé: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò salvata». Gesù si voltò, la vide e disse: «Coraggio, figlia, la tua fede ti ha salvata». E da quell’istante la donna fu salvata. Arrivato poi nella casa del capo e veduti i flautisti e la folla in agitazione, Gesù disse: «Andate via! La fanciulla infatti non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma dopo che la folla fu cacciata via, egli entrò, le prese la mano e la fanciulla si alzò. E questa notizia si diffuse in tutta quella regione. (Mt 9,18-26)


L’elemento essenziale comune a tutte le forme di preghiera (richiesta, ringraziamento, intercessione) è il riconoscimento che Dio è il Signore e noi siamo creature. Anche nella preghiera di richiesta della donna emorroissa e del padre angosciato, Gesù scorge quell’inizio di fede sincera e, per confermarla, esaudisce la richiesta di aiuto. Teniamo presente un particolare importante: le prove della vita iniziano, durano un tempo più o meno lungo stabilito da Dio, ma poi finiscono. Invece la fede in Dio, se autentica, nelle prove si purifica e rafforza per non finire mai. Impegniamoci a non tralasciare mai la nostra preghiera, sia nel momento della prova che in quello della serenità.

Español