• OTTOCENTO DA CAPIRE/15

    Verga e i vinti travolti dalla marea del progresso

    Nel ciclo de I vinti, Verga vede ciascun singolo individuo come vittima inconsapevole dell’incessante e fatale progresso. Non vi è un destino buono che ci attende, non vi è neppure un Padre buono da cui tutto scaturisce e proviene. Siamo tutti collocati in un mare che ci attrae che si innalza proprio come la marea e che, in un momento inaspettato, ci sommerge.

    • ITINERARI DI FEDE

    La Basilica che segnò il passaggio alla Milano cristiana

    San Simpliciano è detta anche la Basilica del Carroccio a ricordo della vittoria riportata nel 1176 dalla Lega Lombarda sul Barbarossa: una leggenda vuole, infatti, che i tre santi anauniensi fossero comparsi sotto forma di colombe sul campo della battaglia di Legnano, andandosi a posare su quello che sarebbe divenuto il simbolo dell’indipendenza milanese.

    • OTTOCENTO DA CAPIRE/14

    Verga, nostalgia di un mondo che sta sparendo

    In Fantasticheria, novella della raccolta Vita dei Campi, Verga anticipa il romanzo I Malavoglia. Ambientato ad Aci Trezza, villaggio di pescatori nella provincia di Catania, Fantasticheria è un omaggio per un mondo saldato ad un universo valoriale costituito da famiglia, tradizione e lavoro. Un mondo che sta per essere soppiantato da quello urbano moderno.

    • IL LIBRO

    Sogni e miracoli. I veri matematici li riconoscono

    Newton, Cartesio, Planck, Leibniz... I matematici si sono spesso misurati sul valore dei sogni e la realtà dei miracoli. Se esistono le leggi fisiche - diceva Cartesio - esiste un Legislatore, cioè Dio, che non è ad esse vincolato, essendone l'Autore.

    • ITINERARI DI FEDE

    Lo scrigno spettacolare che fa da casa a San Moscati

    La Chiesa del Gesù Nuovo a Napoli è una chiesa spettacolare alla cui realizzazione contribuirono le principali maestranze della scuola napoletana dal Rinascimento al Barocco. E' qui che è sepolto San Giuseppe Moscati, medico canonizzato da Giovanni Paolo II. 

    • OTTOCENTO DA RISCOPRIRE/13

    Verga, la Lupa e il fascino dell'immaginazione

    Tanta letteratura contemporanea deve riscoprire il fascino dell’immaginazione che sa viaggiare sulle scie dettate da poche parole dei grandi scrittori. Le grandi opere sanno dire e non dire, sanno qual è il limite oltre il quale può essere il lettore a viaggiare con l’immaginazione. Come ne La Lupa di Verga. 

    • ITINERARI DI FEDE

    Una Trinità taumaturgica e patrimonio dell'umanità

    Un oratorio romanico sulle pendici del Cargiago, in provincia di Verbania, sul Lago Maggiore. Vi si conserva un affresco ritenuto taumaturgico e patrimonio dell'umanità: Gesù, seduto ad una mensa, ha di fronte a Sé il calice eucaristico e, benedicente con la mano destra, tiene nell’altra il globo terrestre, usuale simbolo iconografico del Padre Eterno.

    • IL LIBRO

    Dio è meritocratico e ama chi lotta per la fede

    Ettore Gotti Tedeschi, economista, già direttore dello Ior, pubblica un nuovo titolo provocatorio: Dio è meritocratico. E si riferisce alla meritocrazia della fede. In un periodo storico in cui la Chiesa è messa a dura prova dal suo nemico pluri-millenario, l'eresia gnostica, Dio apprezzerà chi si batte per la fede.

    • OTTOCENTO DA CAPIRE/12

    Così Verga abbracciò il verismo

    Verga, già romanziere e novellista di successo, abbracciò lo stile verista negli anni '70 dell'Ottocento dopo l'incontro con l'autore Luigi Capuana, a Milano. Lo scrittore verista è colui che racconta fatti oggettivi sparendo dalla narrazione, facendo parlare i personaggi col loro idioma e modo di pensare. Con la raccolta Vita dei Campi (1880), Verga inizia il suo percorso.

    • IL LIBRO

    Messori, l'apologeta è vivo e lotta assieme a noi

    Ipotesi su Vittorio Messori, del musicista e scrittore Aurelio Porfiri, è un libro dedicato all'apologeta a noi ben noto. Di solito questi omaggi letterari vengono dedicati ad autori defunti o che hanno concluso la loro carriera. Ma Messori è vivo e lotta assieme a noi. E ha anche un paio di libri in cantiere che considera "dovuti ai lettori".

    • ITINERARI DI FEDE

    San Lorenzo, la prima chiesa di Firenze

    Con altri edifici religiosi, San Lorenzo si contende il primato di chiesa più antica della città. Sicuramente la sua origine coincide con quella della prima comunità cristiana fiorentina.

    • LIBRI

    La santità virile di Giovanni Paolo II

    Non ha nulla di buonista e romantico il volume "Toccare la santità" scritto da uno dei sacerdoti che ha vissuto più vicino al papa polacco. Innamorato della preghiera era allo stesso tempo carnale, ma mai politico: quando si parlava della verità e della difesa dell'uomo non temeva nulla, nemmeno i dittatori.